Menu
In Aspromonte
Artigiani e produttori insieme al Parco dell’Aspromonte ad Artigiano in Fiera

Artigiani e produttori insieme…

Oltre un milione di vi...

Nel Parco dell’Aspromonte vive una delle querce più vecchie del mondo

Nel Parco dell’Aspromonte vive…

Una Quercia di oltre 5...

Ente Parco. Il Consiglio Direttivo ha approvato il bilancio previsionale per il 2020

Ente Parco. Il Consiglio Diret…

Il Consiglio Direttivo...

Domenica a Sant’Agata “immagini d’autunno” e il cortometraggio “Tibi e Tascia”

Domenica a Sant’Agata “immagin…

Nella stessa piazzetta...

Moleti in festa per piccini e grandi

Moleti in festa per piccini e …

Si è svolta domenica 4...

Torna il “Parkbus”, dal Museo in Aspromonte con le Guide Ufficiali del Parco

Torna il “Parkbus”, dal Museo …

Anche nella stagione e...

Parco dell’Aspromonte, il 21 luglio la Giornata dell’Amicizia con escursione “speciale”

Parco dell’Aspromonte, il 21 l…

Tutti insieme in cammi...

A Sant’Eufemia d’Aspromonte celebrata la sesta edizione della Giornata della Riconoscenza

A Sant’Eufemia d’Aspromonte ce…

«L’esempio quotidiano ...

Ente Parco. Rondoni e divertimento: il 23 giugno torna il Festival in Aspromonte

Ente Parco. Rondoni e divertim…

È ormai diventata una ...

“In Cammino nel Parco”: domenica prima escursione a Zervò. Aperte le iscrizioni

“In Cammino nel Parco”: domeni…

Tra i piani di Zervò e...

Prev Next

Oro e avorio. I colori del caciocavallo di Ciminà

  •   Redazione
Caciocavallo di Ciminà Caciocavallo di Ciminà

Latte vaccino intero, crudo per questo formaggio a pasta filata, dal peso che oscilla tra 2 e 3 kg. La crosta è dura, rugosa e lucida, di colore bianco avorio. La pasta, se a lungo stagionata, è friabile, scagliosa, di colore giallo oro; il sapore è dolce e burroso a media stagionatura, piccante e salato a stagionatura avanzata.

LA PREPARAZIONE

Il latte (vaccino e caprino), dopo essere stato filtrato, è immesso nella caldaia alla temperatura di 30 °C con il caglio in pasta di capretto. 

La fermentazione della cagliata avviene a temperatura ambiente, e si protrae per 4-10 ore. Per capire se la pasta è matura, ovvero, se è in grado di essere lavorata (filata), si fanno successivamente, a brevi intervalli, degli assaggi, prendendone un pezzetto, immergendolo nell'acqua quasi bollente (circa  85 °C) e provando se esso si allunga in fibre elastiche (filatura). 

Quando la cagliata ha raggiunto il giusto grado di maturazione si procede al taglio in piccole strisce e alla lavorazione della massa. La chiusura della pasta si esegue immergendo la pasta per un istante nell'acqua bollente, mentre con il pollice e l'indice si completa l'operazione. Le forme così plasmate, s'immergono dapprima in acqua fredda, e dopo qualche minuto in salamoia al 20-25 %. Successivamente sono legate a coppie, con legacci in giunco o rafia,  sospese su delle pertiche, al fine di ottenere la stagionatura.

La stagionatura varia da 2-3 giorni a qualche mese, in appropriato ambiente fresco ed aerato.

IL SEGRETO

Le mandrie, da cui si ricava il latte per produrre il formaggio calabrese, vengono allevate allo stato brado, quasi come fossero pecore, pascolando nella macchia mediterranea in luoghi ricchi di arbusti e piantine di sottobosco. 

La presenza di piante aromatiche nella zona di Ciminà caratterizza le note aromatiche del prodotto finale e i suoi profumi, facendole variare con il variare delle stagioni.


  • fb iconLog in with Facebook