Menu
Corriere Locride
Coldiretti: multifunzionalità, azienda agricola e attività connesse domani martedì 18 dicembre workshop a Lamezia Terme

Coldiretti: multifunzionalità,…

Saranno illustrate imp...

Reggio. Riprenderanno i lavoro di abbattimento dell’ex Fata Morgana ma senza risposte per la salute dei cittadini»

Reggio. Riprenderanno i lavoro…

«Il dirigente del Sett...

La Sezione di Locri dell'Associazione Italiana Arbitri FIGC presenta l’evento “Natale in Beneficenza”

La Sezione di Locri dell'Assoc…

La Sezione di Locri de...

Il 18 e il 19 dicembre al Planetarium Pythagoras si terrà il Seminario: “Da Angelo Secchi alla spettroscopia moderna: un viaggio dalle stelle al nano-mondo”

Il 18 e il 19 dicembre al Plan…

In occasione delle cel...

Poste Italiane: oltre 6 milioni di Postepay Evolution. Negli uffici postali della Calabria distribuite 330mila carte

Poste Italiane: oltre 6 milion…

REGGIO CALABRIA, 17 di...

Lsu-Lpu, l’Amministrazione Comunale di San Roberto presente alla mobilitazione di domani a sostegno dei lavoratori

Lsu-Lpu, l’Amministrazione Com…

L’Amministrazione Comu...

Ardore. Grande partecipazione alla prima manifestazione del comitato spontaneo

Ardore. Grande partecipazione …

«Buona la prima.&nbs...

Roccella-Cittanovese 4-1: Amaranto straripanti nel derby

Roccella-Cittanovese 4-1: Amar…

Meglio di così non pot...

Reggio Calabria. Un incontro, presso la Sala Consiliare della Città Metropolitana, per parlare di Europa e di Salute

Reggio Calabria. Un incontro, …

Un incontro molto part...

Reggio. L’ex Fata Morgana diventa discarica a rischio ecologico?

Reggio. L’ex Fata Morgana dive…

«Una demolizione avvia...

Prev Next

Una immensa Palmese schianta l’Acr Messina e si piazza dietro le grandi. Risultati e classifica

  •   Sigfrido Parrello
Una immensa Palmese schianta l’Acr Messina e si piazza dietro le grandi. Risultati e classifica

di Sigfrido Parrello - TABELLINO E CRONACA DEL MATCH

U.S. PALMESE 1912 - ACR MESSINA: 3-0

RETI: 13’pt Mistretta, st 39’ Ouattara Adamzaki, 45’st Calivà

U.S. PALMESE 1912 - (4-3-3): Barbieri, Lavilla (VK) (28’st Chidichimo), Gambi (K), Lucchese, Bruno, Cinquegrana, Calivà, Colica, Mistretta (7’st Ouattara Adamzaki), Bonadio, Saba (19’st Barbaro). A disposizione: Jusufi Ferat, Brunetti, Pittelli, Basile, Pascarella, Allenatore: Ivan Franceschini.

ACR MESSINA (4-3-3): Meo, Sarcone, Dascoli, Porcaro (VK), Ibojo, Bossa, Cocimano (5’st Arcidiacono), Traditi (28’st Gambino), Rabbeni, Genevier (K), Petrilli (34’st Carini). A disposizione: Ragone, Biondi, Lundqvist, Mancuso, Cossentino, Pizzo. Allenatore: Oberdan Biagioni.

ARBITRO: Marco Russo della Sezione AIA di Torre Annunziata.

COLLABORATORI: Francesco Arena della sezione AIA di Roma 1 e Carmine Castiglione della Sezione AIA di Frattamaggiore.

NOTE: spettatori 800 circa (una cinquantina i supporters provenienti da Messina con striscione di contestazione e niente vessilli). Pomeriggio nuvoloso con pioggerella nel secondo tempo. La temperatura segnava 18°. Terreno di gioco in erbetta sintetica del “Lopresti” in ottime condizioni. Ammoniti: Lavilla (P), Petrilli (M), Biondi (M) e Ouattara Adamzaki (P). Angoli: 5-4 per la Palmese. Recupero: 1’pt e 5’st.

PALMI CALABRO (RC) - Ci si aspettava una reazione d’orgoglio dopo le ultime due sconfitte ed invece al leggendario “Lopresti” di Palmi è arrivata l’ennesima figuraccia per l’Acr Messina che continua a perdere rimanendo nelle ultime posizioni in classifica, con la tifoseria giallorossa nauseata e mortificata dai risultati negativi e da due stagioni fallimentari. Viceversa, una ultracentenaria Palmese che continua a sorprendere tutti. Nonostante le vicissitudini societarie, il blasonato club della Piana rimane la rivelazione di questo Campionato Nazionale di Serie D Girone I piazzandosi dietro le grandi del torneo.      

Al “Lopresti” le due squadre nel “derby della Vara o Varia” arrivavano in maniera completamente opposta: la Palmese di mister Ivan Franceschini e del diesse Fortunato Spadaro con serie problematiche societarie ed in Amministrazione giudiziaria ma con una città stretta al suo fianco. L’Acr Messina terz’ultimo in classifica con una gara ancora da recuperare (mercoledi prossimo in casa contro il Castrovillari), in piena zona retrocessione.

Contro la “Palmese dei miracoli” rivelazione del torneo, inizio del Messina con i peloritani che creano spunti interessanti senza però impensierire Barbieri. I siciliani subiscono la rete del neroverde Mistretta al 13 esimo e poi si sciolgono completamente nel finale davanti ad una immensa Palmese. Al 13’, prima della rete di Mistretta, Cocimano sbaglia il tiro al volo su assist di Petrilli. Nel calcio chi sbaglia paga così la Palmese al primo affondo passa in vantaggio: Saba va via in contropiede servendo Mistretta che, solo soletto, batte Meo con la difesa giallorossa in vacanza. A questo punto iniziano i cori di contestazione dei circa 50 tifosi peloritani giunti a Palmi senza vessilli. Porcaro tenta la via della rete ma solo davanti a Barbieri calcia addosso al portiere calabrese. Successivamente l’arbitro fischia la posizione irregolare. Al 24’ Petrilli viene ammoniti per proteste dopo aver reclamato la massima punizione per un presunto tocco di mano in area di rigore neroverde.

Al 40’ Rabbeni colpisce il palo su traversone di Cocimano. Nel recupero del primo tempo ancora un palo di Rabbeni. Messina sfortunato.

Ripresa con Mistretta della Palmese che fallisce clamorosamente il 2-0. Mister Biagioni fa entrare Arcidiacono al posto di Cocimano. Al 12’ l’ex Bonadio colpisce la traversa. Il giallorosso Ibojo appare impreciso mentre al 36esimo l’ivoriano Ouattara viene stoppato da Meo. Negli ultimi cinque minuti la Palmese prima raddoppia con Ouattara Adamzaki al termine di una splendida azione poi, Calivà, al 43’, fa esplodere il “Lopresti”. Acr Messina in ginocchio in tutti i sensi! La sparuta rappresentanza di tifosi ospiti hanno esposto due striscioni con scritto: “Solo per la maglia” e “Oltre i colori Gitano R.I.P.”, in ricordo di un tifoso scomparso. Una situazione difficilissima in casa Acr con il presidente Pietro Sciotto duramente contestato con la squadra allenata da Biagioni e dal Responche subisce a Palmi la terza sconfitta consecutiva. Silenzio stampa in casa giallorossa.

Per la Uesse Palmese 1912 la bella favola continua. Nonostante tutto!

Il BILANCIO ERA IN PARITA’ NEI PRECEDENTI INCONTRI

Bilancio in perfetta parità nelle poche sfide di campionato giocate tra Palmese e Messina. Si contano, infatti, una vittoria a testa ed un pareggio. In Serie C, nel lontano 1938-39, il primo precedente. Finì 3-1 in favore dei neroverdi. In Serie D nel campionato 1973-74 affermazione esterna dei giallorossi peloritani per 1-0 con gol di Rosa. Era la quarta giornata di un torneo che vide il Messina allenato da Giusto Lodi promosso in C e l’allora Palmi salvo di un soffio.

Il 26 novembre 2017, nello scorso campionato di Serie D, furono Molinaro all’8′ e Ragosta al 32′ i marcatori di un match terminato sul punteggio di 1-1.

Adesso però, con questa secca vittoria, la Palmese va avanti negli incontri.

RISULTATI 12^ GIORNATA

Castrovillari - Marsala Calcio 1-4                                                                                                                               

Gela - Bari 0-2

Città di Messina - Cittanovese 1-0

Igea Virtus Barcellona - Acireale 0-2

Locri - Turris 0-4

Nocerina - Rotonda 1-0

U.S. Palmese 1912 - Acr Messina 3-0

Portici - Sancataldese 0-0

Troina - Roccella 1-0

CLASSIFICA: Bari punti 30, Turris punti 24 (2 punti di penalizzazione), Marsala 22, Nocerina 22, Gela 20, U.S. Palmese punti 19, Portici 18, Locri 17, Sancataldese 15, Castrovillari* 14, Cittanovese 14, Troina 14, Acireale 13 (1 punto di penalizzazione), Roccella 13, Città di Messina 12, Acr Messina 8*, Igea Virtus Barcellona 6, Rotonda punti 6.

*UNA GARA IN MENO