Menu
Corriere Locride
La Palmese perde anche il ricorso di Nania così resta la penalizzazione di un punto. Ma che brutta situazione

La Palmese perde anche il rico…

di Sigfrido Parrello -...

Diocesi di Locri-Gerace. A Gerace il XIV incontro di studi bizantini

Diocesi di Locri-Gerace. A Ger…

Sabato 14 e domenica 1...

Cittanovese, è l'ora del derby! Domenica prossima al "Morreale – Proto" arriva la Palmese di mister Pellicori

Cittanovese, è l'ora del derby…

La Società: «Appuntame...

Ambiente. Galletti, oltre 13 milioni al Centro-Sud per mobilità sostenibile: un milione a Reggio Calabria

Ambiente. Galletti, oltre 13 m…

Da decreto casa-scuola...

Sant'Ilario dello Ionio (RC). Sabato prossimo "In Terra Santa – Sulle orme di Gesù di Nazareth"

Sant'Ilario dello Ionio (RC). …

Nazareth, il fiume Gio...

Richiesta di LocRinasce indirizzata alle competenti Autorità territoriali in materia di tutela dei corsi d’acqua

Richiesta di LocRinasce indiri…

Riceviamo e pubblichia...

Casa della Salute di Scilla, ripristinato il servizio H24. Vizzari: “Fare rete porta sempre risultati. Ora impegno per valorizzazione della struttura”

Casa della Salute di Scilla, r…

“Fondamentale”: così R...

Prev Next

Sport. Antonio Pedullà sarà il nuovo presidente dell’Atletico Sant’Agata

  •   Redazione
Sport. Antonio Pedullà sarà il nuovo presidente dell’Atletico Sant’Agata

Per i bambini delle scuole calcio sta per iniziare la stagione calcistica 2017/2018 e l’Atletico Sant’Agata annuncia il nome del nuovo Presidente. Si tratta di Antonio Pedullà, imprenditore di Sant’Agata del Bianco, specializzato in impianti elettrici.

Pedullà è un giovane da sempre impegnato nel sociale e, da anni, è sponsor ufficiale della Scuola Calcio che riunisce, in un’unica squadra, i bambini di Sant’Agata, Caraffa e Casignana. Una bella realtà per i giovani dei paesi aspromontani che, così, hanno l’opportunità di svolgere una sana attività sportiva e di partecipare ai campionati della Figc senza spostarsi in comuni lontani (e quindi senza percorrere tanti chilometri, con grandi disagi e con notevoli aggravi di spesa per le famiglie).

Gli allenamenti sono già iniziati ed i piccoli sportivi hanno il solito grande entusiasmo di chi gioca sognando di diventare calciatore. Ma il neo-presidente ha le idee chiare e guarda all’aspetto sociale dell’iniziativa: «Ogni bambino ha il diritto di non essere un campione. La scuola calcio è, soprattutto, un’esperienza di formazione. Oltre agli allenamenti e alle partite, bisogna educare i ragazzi a non criticare i compagni, ad essere sportivi con gli avversari e a puntare ad un obiettivo primario: giocare per divertirsi». Impossibile non essere d’accordo con lui!