Menu
Corriere Locride
Il Tribunale di Palmi ha assolto l’imprenditore Vincenzo Zangari. Era accusato dal collaboratore Rocco Francesco Ieranò di essere uno ‘ndranghetista con la dote del “Vangelo”

Il Tribunale di Palmi ha assol…

Il Tribunale di Palmi,...

Bovalino. Agave presenta la sua sede operativa e molte altre novità

Bovalino. Agave presenta la su…

Presente anche l’Ammin...

Cosenza. Studenti in piazza contro il governo: «Le scuole sicure sono quelle che non crollano»

Cosenza. Studenti in piazza co…

Centinaia di studenti ...

Regione Calabria. Rifiuti, il Dipartimento Presidenza replica ad Abramo

Regione Calabria. Rifiuti, il …

Corre l'obbligo replic...

La piccola Victoria Cosentino debutta su RAI 1 alla 61^ Edizione dello ZECCHINO D’ORO

La piccola Victoria Cosentino …

Finalmente ci siamo. D...

Ambiente. Giornata nazionale degli Alberi, Costa: “Piantiamo un albero insieme ai nostri figli, avranno un amico di cui prendersi cura per tutta la vita”

Ambiente. Giornata nazionale d…

«Per la Giornata degli...

Reggio. Inaugurato l'Auditorium dell'istituto comprensivo "Catanoso - de Gasperi"

Reggio. Inaugurato l'Auditoriu…

Martedì 13 Novembre è ...

Caulonia sbanca "Mezzogiorno in famiglia". Il sindaco Belcastro: «Risultato esaltante»

Caulonia sbanca "Mezzogio…

Per Caulonia "Mezzogio...

Bovalino. Agave presenta il suo “Sportello per il cittadino”

Bovalino. Agave presenta il su…

Lo sportello si muover...

Calcio. A.S.D. Roccella 1935: Il dottor Enzo Federico nuovo ds

Calcio. A.S.D. Roccella 1935: …

Enzo Federico è il nuo...

Prev Next

Coppa Italia. Il Roccella esce di scena

  •   Redazione
Coppa Italia. Il Roccella esce di scena

ROCCELLA-CITTA’ DI MESSINA 0-1

ROCCELLA: Spano, Cordova (5′ st Voltasio), Strumbo, Filippone (1′ st Kargbo), Catalano (1′ st Malerba), Santoro (17′ st Sicurella), Rondinelli, Vuletic (28′ st Osei), Riitano, Tassone, Gattabria. A disp.: Scuffia, Deluca, Scrivo, Faella. All.: Giampà

CITTA’ DI MESSINA: Ammella, Cannino (37′ st Fofana), Fragapane, Bellopede (22′ st Dama), Trevizan, Bombara, Cardia, Ferrau (34′ st Graziano), Galesio (40′ st Codagnone), Feuillassier, Cangemi (22′ st Quintoni).  A disp.: Paterniti, Silvestri, Calcagno, Di Vincenzo.

ARBITRO: Romaniello della sezione di Napoli (Mastrosimone della sezione di Rimini e Castiglione della sezione di Frattamaggiore.

MARCATORE: 46′ st Graziano (CdM)

Esce a testa alta dalla competizione tricolore a carattere nazionale il Roccella che viene battuto in casa sui titoli di coda dalla cinica formazione del Città di Messina. Una competizione, quella della Coppa Italia comunque considerata da mister Giampà come tappa di avvicinamento al campionato, torneo che salvo intoppi dovrebbe muoversi il prossimo 16 settembre, mentre molto probabilmente mercoledì 5 dello stesso mese il Dipartimento dovrebbe ufficializzare il calendario. Infatti il tecnico amaranto, peraltro come aveva affermato prima del vittorioso confronto col Locri, ha fatto giocare molti calciatori che nel derby si erano accomodati in panchina, senza però modificare il suo credo calcistico, il 3-4-3.

Contro i giallo rossi peloritani sono stati ben otto gli under scesi sul terreno di giuoco dal primo minuto ed in totale nelle due gare di Coppa Italia sono stati diciotto i calciatori utilizzati su un totale di venti, solamente i due under, Deluca e Scrivio non hanno timbrato il cartellino. Gara tutto sommato divertente col Roccella che nel primo tempo ha rischiato di andare in vantaggio con Cordova, il cui colpo di testa da pochi passi a portiere battuto ha sfiorato di pochissimo il palo, il cross dalla sinistra era stato effettuato da Catalano. Per gli ospiti un palo esterno colpito da Ferrau con un tiro dalla distanza. Nei secondi quarantacinque minuti da segnalare due prodigiosi interventi del portiere Spano, il chiaravallese non ha fatto rimpiangere Scuffia, mentre il Roccella non ha approfittato di due ripartenze, una con Kargbo che invece di servire Tassone ha preferito l’azione personale, poi sfumata, ed un altra con lo stesso Tassone il suo assist per Kargbo è stato intercettato da un avversario, il numero settanta si sarebbe presentato tutto solo davanti al portiere Amella. Poi quando ci si stava preparando alla lotteria dei calci di rigore, al primo minuto dei cinque di recupero, è arrivato il goal del neo entrato Graziano che ha sancito il passaggio dei siciliani ai trentaduesimi di finale, peraltro molto più motivati della nostra formazione, infatti sapevano che avrebbero potuto incontrare nel primo derby stagionale il Messina, cosa che si è avverata visto che la squadra del presidente Sciotto ha battuto l’Igea Virtus.

UFFICIO STAMPA A.S.D. ROCCELLA 1935