Menu
Corriere Locride
La Palmese perde anche il ricorso di Nania così resta la penalizzazione di un punto. Ma che brutta situazione

La Palmese perde anche il rico…

di Sigfrido Parrello -...

Diocesi di Locri-Gerace. A Gerace il XIV incontro di studi bizantini

Diocesi di Locri-Gerace. A Ger…

Sabato 14 e domenica 1...

Cittanovese, è l'ora del derby! Domenica prossima al "Morreale – Proto" arriva la Palmese di mister Pellicori

Cittanovese, è l'ora del derby…

La Società: «Appuntame...

Ambiente. Galletti, oltre 13 milioni al Centro-Sud per mobilità sostenibile: un milione a Reggio Calabria

Ambiente. Galletti, oltre 13 m…

Da decreto casa-scuola...

Sant'Ilario dello Ionio (RC). Sabato prossimo "In Terra Santa – Sulle orme di Gesù di Nazareth"

Sant'Ilario dello Ionio (RC). …

Nazareth, il fiume Gio...

Richiesta di LocRinasce indirizzata alle competenti Autorità territoriali in materia di tutela dei corsi d’acqua

Richiesta di LocRinasce indiri…

Riceviamo e pubblichia...

Casa della Salute di Scilla, ripristinato il servizio H24. Vizzari: “Fare rete porta sempre risultati. Ora impegno per valorizzazione della struttura”

Casa della Salute di Scilla, r…

“Fondamentale”: così R...

Reggio. Teatro della Girandola, Terza stagione della rassegna “Approdi”: Cartellone teatrale 2017

Reggio. Teatro della Girandola…

Il Teatro della Girand...

Prev Next

Calcio. Palmi, dichiarazioni shock del presidente Carbone: "“Calciatori della Palmese vergognosi e mercenari..."

  •   Redazione
Calcio. Palmi, dichiarazioni shock del presidente Carbone: "“Calciatori della Palmese vergognosi e mercenari..."

di Sigfrido Parrello - PALMI (RC) -A ruota libera il Presidente della Palmese Pino Carbone che, nella sua ultima conferenza stampa da massimo responsabile neroverde, non usa mezzi termini con dichiarazioni shock sui fatti accaduti alla vigilia dell’ultima partita di campionato tra il Castrovillari e la Palmese di domenica scorsa, partita determinante per l’accesso della ultracentenaria Palmese alla partecipazione dei Play-Off, con i calciatori della prima squadra che non si sono presentati al pre-raduno di sabato quando la squadra doveva partire per Castrovillari. Questo perché i calciatori lamentavano il mancato pagamento di due mensilità e il mancato accordo sul premio per eventuali Play-Off. 

Conferenza stampa allucinante quella vissuta ieri pomeriggio all’interno della sede sociale presso il “Lopresti”. Numeri e contratti di tutta la rosa che ad inizio campionato gli atleti avevano firmato un contratto di 7500 Euro per tutta la durata del campionato. I numeri economici presentati da Carbone sono però diversi. Il Presidente dice: “La maggior parte dei calciatori ha percepito una media che va dai 15 mila ai 25 mila Euro. Corrispettivo economico diverso del prezzo concordato. Perché una parte economica veniva data sotto la voce “premi vari”. Il signor Cassaro oltre i 7.500 Euro è riuscito ad ottenere, comprese le spese, oltre 18 mila Euro, il signor Corso Davide oltre 19 mila Euro, il signor Criniti in soli 4 mesi ne ha avuti 12 mila Euro, il signor Crucitti ne ha avuti 22 mila, il signor Dorato ne ha avuti 25 mila, il signor Lavrendi ne ha avuti 23, il signor Taverniti ne ha avuti 14, tutti gli under, compreso il giovane spagnolo per il quale abbiamo fatto salti mortali per potergli dare la patente per stare in Italia per giocare e divertirsi, comunque per avere titolo ad operare per giocare nel nostro campionato, tutti gli under sono stati tutti quanti pagati con contratto. Solo loro non avevano i premi che avevano i grandi. Il pullman ufficiale della U.S. Palmese 1912domenica scorsa è arrivato a Castrovillari con i ragazzi della juniores. Il presidente Carbone, la stessa domenica mattina (ci riferiamo allo scorso 7 Maggio 2017), aveva inviato un fax alla Procura Federale per denunciare l’accaduto. I giocatori, una volta venuti a conoscenza del fatto, si sono presentati a Castrovillari con mezzi propri. La motivazione, secondo il patron Carbone, è dovuta al fatto che i calciatori rischiavano il deferimento ed eventuali squalifiche”.

“L’atteggiamento di questi mercenari -continua Carbone- non ha consentito alla Palmese di partecipare allo storico spareggio per la promozione in Lega Pro. Un danno d’immagine alla città, ai 100 anni di storia della squadra di calcio. Calciatori che non hanno nessun valore: il solo valore che hanno è quello degli spiccioli. Questi calciatori non sono uomini, non sono degni di rappresentare i colori della Palmese e, più in generale, non meritano di giocare in nessuna squadra calabrese. Quello che è successo da noi spero diventi da monito per le altre squadre nella scelta di questi pseudo professionisti. Loro a Palmi non metteranno più piede. Ho dato mandato ai miei legali -continua Pino Carbone- di denunciare un giornalista de “Il Quotidiano del Sud” per le gravissime affermazioni fatte da un giornalista senza essere a conoscenza dei fatti specifici. Io non mollo, la Palmese diventerà una Srl, della prima squadra si occuperanno altri dirigenti. La storia calcistica di Palmi non finirà”.