Menu
Corriere Locride
Santo Biondo (Segretario generale Uil Calabria) chiede un confronto con i candidati governatori

Santo Biondo (Segretario gener…

Sant’Eufemia - Lamezia...

Tansi: “La Polizia locale calabrese? Tutto da rifare”

Tansi: “La Polizia locale cala…

‹‹Bisogna riorganizzar...

Tansi: “La strada verso la nuova Calabria passa dai trasporti”

Tansi: “La strada verso la nuo…

A Pellaro ha illustrat...

Cinzia Costa protagonista del videoclip “Noi ci saremo ancora”

Cinzia Costa protagonista del …

«L’attrice sidernese p...

A Sant’Agata del Bianco, domenica 22 dicembre, LA MAGIA DEL NATALE

A Sant’Agata del Bianco, domen…

Si svolgerà domenica 2...

L'On. Nicola Irto visita la nuova sede del 'Rhegium Julii'

L'On. Nicola Irto visita la nu…

Giovedì 12 dicembre ...

Arriva “Salus” il nuovo libro dello scrittore palmese Oreste Kessel Pace. Tra mitologia e tradizioni

Arriva “Salus” il nuovo libro …

di SIGFRIDO PARRELLO ...

Reggio. Venerdì 20 dicembre il Circolo Culturale "L'Agorà" conclude il programma del 2019 con la presentazione dell'ultimo romanzo di Demetrio Casile "Casile Eroe per necessità"

Reggio. Venerdì 20 dicembre il…

Il Circolo Cultur...

CasaPound Calabria: «la politica rispetti i calabresi, no a giochi di palazzo ma alternativa concreta»

CasaPound Calabria: «la politi…

Riceviamo e pubblichia...

Siderno. Sabato 21 da “MAG. La ladra di libri” si presenta il saggio di Raffaele Rio “Ritorno al turismo. Un viaggio consapevole dentro il sistema Calabria”

Siderno. Sabato 21 da “MAG. La…

Si chiama “Ritorno al ...

Prev Next

Il live di Paolo Sofia ha chiuso la rassegna “Benestare Teatro”

  •   Redazione
Foto Maurizio Albanese Foto Maurizio Albanese

Canta, recita, si racconta. Paolo Sofia, con “Vi racconto una storia”, spettacolo emozionante e coinvolgente, ha concluso la settimana scorsa la rassegna “Benestare Teatro”, promossa dall’amministrazione comunale della cittadina ionica e diretta da Nino Racco. Gli anni della formazione nei piano-bar a Milano, il grande successo con i QuartAumentata, il nuovo progetto e la dimensione del teatro d’impegno civile: la voce calda di Paolo Sofia cattura il pubblico in un crescendo emozionale tra musiche e testi che hanno la cifra distintiva della poesia. Con Salvatore Gullace alla chitarra e Dario Zema alle percussioni, il musicista di Bovalino propone canzoni cult come “L’occhiu du passanti” e “Mbiviti nattru” e brani impegnati, legati allo spettacolo teatrale “Avvelenati” (in scena con Enzo de Liguoro), passando attraverso il tango appassionato di “Mani” e il romanticismo di “Dolce sposa”, entrambi parte de “Il navigante del 3000”, progetto globale tra album, teatro e cinema, in via di realizzazione con Tanto di Cappello production.

Nell’accogliente Piazza della Memoria Civile, ad aprire la rassegna agostana è stato Antonio Tallura con il suo monologo “Vaju llà”: esilaranti storie delle rughe locresi per una maschera di estremo realismo, straordinariamente dipinta e interpretata dal noto attore calabrese. Il “Gruppo Spontaneo” di Bovalino ha poi proposto “Scherìa – La ricerca di un sogno”, commovente spettacolo sul tema delle migrazioni e dell’accoglienza con testi di Pino Macrì e Franco Costabile; protagonisti Enzo Marzano, Marianna Locri, Pino Ammendolea, con le musiche di Alessandro Alia. Il terzo appuntamento ha visto protagonista lo stesso Nino Racco che, insieme a Vincenzo Mercurio, ha portato in scena “La guerra di prima”: tra dramma e ironia, uno spaccato critico a cento anni dalla Grande Guerra, tutto giocato sul talento dei due attori e sul riuscito intreccio delle loro differenti peculiarità artistiche. Infine, Paolo Sofia con “Vi racconto una storia”. «È stata una piccola rassegna-vetrina di teatro della Locride – dice Nino Racco ‒ fa parte di un percorso che continuerà in inverno al Teatro della Chiesa Nuova, una bella sala ritagliata all'interno di una chiesa sconsacrata e adottata dal Comune di Benestare. Insomma: fermenti, entusiasmi per una Locride che non vuole morire anzi si candida come centro culturale regionale e nazionale. Molte idee. Fra queste una rassegna di teatro per ragazzi e un festival della "narrazione del Sud". Sosterranno l'iniziativa il Comune di Benestare e la Regione Calabria. Stiamo cercando di lavorare bene, con professionalità e umiltà». Soddisfatto il sindaco Rosario Rocca: «Ci piace l’idea di appuntamenti teatrali che avvicinino il pubblico, che facciano sentire coinvolti, come è stato per questa rassegna. È nostra intenzione continuare questo percorso culturale che parte dal teatro aprendosi a diverse forme di arte».