Menu
Corriere Locride
Siderno: le associazioni del borgo si mobilitano

Siderno: le associazioni del b…

«Massimo impegno dei C...

Furfaro e Zavettieri: «quali strategie per combattere la 'ndrangheta?!»

Furfaro e Zavettieri: «quali s…

«Da amministratori pub...

Sindacato in lutto si è spento a 67 anni Domenico Serranò: «Grande dirigente ma soprattutto grande Amico»

Sindacato in lutto si è spento…

«La Cisl Funzione Pubb...

Roccella. Domenica 17 febbraio si terrà un evento internazionale sul tema delle migrazioni e della solidarietà tra popoli

Roccella. Domenica 17 febbraio…

“Per un Mediterraneo d...

Regione Calabria. Operativi i tirocini per l'inserimento lavorativo di persone in condizioni di fragilità

Regione Calabria. Operativi i …

Adottato un altro prov...

Agricoltura: primo voto chiave del Parlamento UE sulla PAC

Agricoltura: primo voto chiave…

La Commissione per l’A...

Al Teatro Città di Locri il 16 febbraio in scena “La Malafesta” con Rino Marino e Fabrizio Ferracane

Al Teatro Città di Locri il 16…

«Una pièce di grande s...

“Basta Vittime Sulla Strada Statale 106”. Il Direttivo dell’Associazione esprime apprezzamento per le dichiarazioni del Ministro per il Sud

“Basta Vittime Sulla Strada St…

«Nuova S.S.106: aspett...

Nota stampa Uil sulla "vicenda" Sorical

Nota stampa Uil sulla "vi…

Il clima venutosi a cr...

San Valentino, negli uffici postali di Reggio Calabria, Locri e Palmi le cartoline per gli innamorati

San Valentino, negli uffici po…

REGGIO CALABRIA, 5 feb...

Prev Next

Tutto pronto per la fiaccolata in ricordo delle vittime della S.S.106 a Cropani

  •   Redazione
Tutto pronto per la fiaccolata in ricordo delle vittime della S.S.106 a Cropani

Incontro operativo: ottenute le autorizzazioni è stato organizzato ogni aspetto dell’iniziativa. Le associazioni invitano tutti a partecipare a questa importante iniziativa che ha, tra gli altri, l’intento di voler illuminare le coscienze di chi può e deve fare qualcosa per rendere più sicura la “strada della morte”.  

Ancora oggi l’intera comunità di Cropani, a distanza di un mese dall’ultima tragedia che si è consumata sulla S.S.106 in contrada Difesa, in cui ha perso la vita Raffaele Gnutti di appena 18 anni, è enormemente dispiaciuta e mortificata per l’ennesimo figlio sottratto anche perché in quel famigerato tratto di “strada della morte” sono decine le vittime avute nel corso degli anni.

Nasce, quindi, da questa sensibilità l’intenzione di dar vita, domani 10 settembre, ad una fiaccolata in ricordo di Raffaele ma anche di tutte le vittime della S.S.106. Subito dopo la santa messa che avrà luogo presso la Chiesa di San Marco Evangelista a Cropani alle ore 18:30, inizierà la fiaccolata che da lì si concluderà presso il cimitero.

Alla fine della santa messa le Associazioni distribuiranno le candele ai partecipanti mentre lungo il percorso della fiaccolata si resterà in silenzio: solo una voce, scandirà attraverso un megafono, i nomi di tutte le vittime della tristemente nota “strada della morte”. All’arrivo al cimitero ci sarà un breve ricordo del giovane Raffaele Gnutti e verranno, inoltre, ricordate le vittime della S.S.106 nel comune di Cropani.

L’Associazione “Basta Vittime Sulla Strada Statale 106” insieme al Forum delle Associazioni Cropanesi auspicano una forte partecipazione all’iniziativa: cittadini, rappresentanti istituzionali, amministratori, stampa, associazioni, ecc.. Tutto il territorio calabrese è atteso ad una iniziativa che ha l’intenzione di sensibilizzare tutti: cittadini ed istituzioni sul tema della S.S.106.

«Questa bellissima iniziativa – dichiara Fabio Pugliese, presidente dell’Associazione “Basta Vittime Sulla Strada Statale 106” – è aperta a tutti e non ha e non vuole avere colori ideologici e/o politici. Si tratta di una autentica iniziativa di sensibilizzazione e di ricordo su un tema che accomuna purtroppo tutti. Tutta la Calabria jonica è investita dalle diverse criticità ed è contrassegnata da tante tragedie legate alla S.S.106: un problema che resta da sempre irrisolto. Domani sera a Cropani, nel silenzio e nel buio, ricorderemo Raffaele e tutte le vittime della S.S.106, accenderemo migliaia di luci con la speranza ma anche con l’intenzione e la determinazione di riuscire attraverso queste ad illuminare le coscienze di chi guida sulla S.S.106 ma anche e, soprattutto, di chi deve e può fare qualcosa per cambiare e rendere la “strada della morte” una strada diversa e, magari, la faccia diventare la “strada della vita”».

Associazione “Basta Vittime Sulla Strada Statale 106” – 9 Settembre 2018