Menu
Corriere Locride
Ardore: "Sulla strada in sicurezza", per i bambini della primaria sfilata di Carnevale dedicata all'educazione stradale

Ardore: "Sulla strada in …

Un "giovedì grasso" al...

Cresce l'attesa per il Carnevale dell'Area Grecanica a Brancaleone

Cresce l'attesa per il Carneva…

Consueto appuntamento ...

“Innocenti”, la Scuola di Recitazione della Calabria in scena giovedi 20 febbraio a Cittanova

“Innocenti”, la Scuola di Reci…

Andrà in scena giovedì...

Cinquefrondi. "Stato di degrado delle strade": Il Sindaco scrive alla Città Metropolitana di Reggio Calabria

Cinquefrondi. "Stato di d…

COMUNE DI CINQUEFRONDI...

Cinquefrondi. La fondazione Lanzino ed il Comune sottoscrivono protocollo di intesa. Il 22 febbraio presentazione del progetto

Cinquefrondi. La fondazione La…

In data odierna l'Am...

Nota stampa di Uil - Fp su: «emergenza carenza farmaci nella farmacia del Presidio Ospedaliero di Locri»

Nota stampa di Uil - Fp su: «e…

«Siamo venuti casualme...

Operazione “Polo Solitario”: «Revocata la misura cautelare a Teresa Ammendola»

Operazione “Polo Solitario”: «…

Nell’ambito dell’”Oper...

Siderno. Sabato 8 febbraio da MAG si presenta la raccolta poetica di Antonio Pileggi

Siderno. Sabato 8 febbraio da …

Sensazioni. Visioni. I...

Tre giorni contro le mafie a Vibo Valentia per la rinascita del Sud

Tre giorni contro le mafie a V…

«E’ una libera scelta,...

Bovalino. Ingresso libero per il match di domenica prossima Gallico - Catona

Bovalino. Ingresso libero per …

#NextMatch #Boval...

Prev Next

Tre giorni contro le mafie a Vibo Valentia per la rinascita del Sud

  •   Cosimo Sframeli
Tre giorni contro le mafie a Vibo Valentia per la rinascita del Sud

«E’ una libera scelta, ma potrebbe essere un modo per ricordare il percorso di vita che hanno dovuto affrontare i protagonisti del Docufilm TERRA MIA – NON E’ UN PAESE PER SANTI del regista Ambrogio Crespi. In un mondo in cui spesso è la mafia a sconfinare nei territori dello Stato, affermare e testimoniare la verità potrebbe essere quanto di più rischioso si possa pensare. E’ una scelta estremamente coraggiosa da parte di donne e uomini, che devono attraversare molteplici difficoltà soltanto per mantenere il diritto di parlare. Le voci dei personaggi, che la bravura di Ambrogio Crespi è riuscito ad unificare, trasportano l’eco del coraggio e della speranza per la gente del Sud, evidenza non più ammissibile. Alla maniera dei terroristi, il mafioso si ritiene una specie di avvocato e giudice legibus solutus, prescelto e unto dal Signore.  

Nel film, il linguaggio di chi racconta, è affilato come lame, il sapere è insidioso e pericoloso. Vittime e carnefici smascherati, segreti e collaborazioni ramificati, minacce e scie di sangue, il tutto in una organizzazione che raramente ha avuto cedimenti strutturali: mafia, camorra, ‘ndrangheta.

Il regista, nel mostrare un’umanità assurda, rappresenta in modo chiaro la tela di piccolo paese dell’Aspromonte e la società internazionale, risaltando, allo stesso tempo, il riscatto del bene per il quale i calabresi si battano come leoni per riconquistarlo».

                                                                                                                                                              Cosimo Sframeli