Menu
Corriere Locride
Il docufilm “Terra Mia” di Ambrogio Crespi vince al Festival Internazionale del Cinema di Salerno

Il docufilm “Terra Mia” di Amb…

TERRA MIA non è un pa...

Diocesi di Locri-Gerace: « Monsignor Cornelio Femia è tornato alla Casa del Padre»

Diocesi di Locri-Gerace: « Mon…

Questa sera, all’età d...

Nota stampa del Partito Comunista calabrese sulla Sanità regionale

Nota stampa del Partito Comuni…

«Stamane, una delegazi...

Bovalino. Nota stampa del Capogruppo Gruppo consiliare di “Nuova Calabria” sull'emergenza rifiuti

Bovalino. Nota stampa del Capo…

«L’emergenza rifiuti d...

Discarica Comunia, Tansi vs Verduci: “Il vero allarme è sottacere i problemi ai cittadini”

Discarica Comunia, Tansi vs Ve…

«Il geologo replica al...

"Riace che incontra il mare". Martedì 19 all'hotel Federica di Riace Marina la prima presentazione del romanzo di Giuseppe Gervasi

"Riace che incontra il ma…

Inizia martedì 19 nove...

Elezioni Regionali. Santo Biondo (Uil Calabria): «Siamo disponibili al confronto costruttivo con chi ne abbia la volontà»

Elezioni Regionali. Santo Bion…

«Che i bisogni della C...

Bovalino. "Emergenza rifiuti": Avviso del Sindaco  Avv. Vincenzo Maesano

Bovalino. "Emergenza rifi…

C O M U N E  ...

Nasce "il Sipario", la nuova rivista calabrese diretta da Vincenzo Varone

Nasce "il Sipario", …

il SIPARIO Periodico ...

Riace: «Trifoli resta alla guida del suo Comune e continua a portare avanti il suo impegno con gli elettori»

Riace: «Trifoli resta alla gui…

RIACE - Con ordinanza ...

Prev Next

Cittanova celebra Teresa Gullace: sabato 2 febbraio l'inaugurazione del monumento all'interno della Villa comunale

L'immagine di Teresa Talotta Gullace, una delle figure simbolo della Resistenza italiana, dal 2 febbraio sarà indissolubilmente legata a Cittanova, il centro della Piana di Gioia Tauro che le ha dato i natali nel 1907. Grazie all'impegno dell'Amministrazione comunale, il sacrificio della giovane cittanovese uccisa dai nazisti il 3 marzo del 1944 durante l'occupazione romana – che ispirò il personaggio della Sora Pina, interpretato da Anna Magnani, nel capolavoro del neorealismo italiano "Roma città aperta" – sarà ricordato con un bronzo realizzato dallo scultore Giuseppe Guerrisi. Il monumento, collocato all'interno della Villa comunale "C. Ruggiero", sarà inaugurato Sabato 2 febbraio alle ore 15 e 30. Oltre al sindaco Francesco Cosentino saranno presenti Gabriella e Patrizia Gullace, nipoti della martire cittanovese, il professor Antonio Orlando e l'assessore regionale alla Cultura, Maria Francesca Corigliano.

«Sono passati poco meno di 75 anni dal giorno in cui Teresa Talotta Gullace fu uccisa dai soldati nazisti durante l'occupazione di Roma mentre tentava di raggiungere il marito fatto prigioniero», ricorda il sindaco Cosentino. «Quel sacrificio colpì subito l'immaginario collettivo, tanto che nel 1945 il grande regista Roberto Rossellini decise di affidare il personaggio da lei ispirato alla più grande attrice italiana di tutti i tempi, Anna Magnani. Quel volo sul selciato, quell'urlo sotto i colpi dei nazisti che ritroviamo nelle immagini e nelle riprese immortali di "Roma città aperta", rappresentano i valori di Libertà e Democrazia, incarnati nella Resistenza, che sono la nostra stella polare».

«Già lo scorso anno – prosegue il sindaco – l'Amministrazione che ho l'onore di presiedere aveva celebrato la nostra martire con una serie di iniziative importanti, conferendo la cittadinanza onoraria ai familiari più prossimi. Quest'anno il percorso viene completato con l'inaugurazione del monumento, affinché il legame con Cittanova resti indelebile anche dal punto di vista simbolico. La nostra "Città Gentile" è una città che coltiva la memoria delle vittime innocenti, del nazifascismo, della guerra e della 'ndrangheta. Un percorso che questa Amministrazione, dopo decenni di proclami e promesse, ha messo seriamente in atto con iniziative concrete e reali». 

Leggi tutto

Cittanova, grande intensità e partecipazione alle giornate dedicate a Teresa Gullace: assegnata la cittadinanza onoraria ai figli e alle nipoti

Un volto in bronzo di due metri rappresenterà una delle figure simbolo della Resistenza. Realizzati 250 disegni dai bambini, tra i quali ne saranno scelti quattro che diventeranno cartoline commemorative. Tra gli ospiti degli eventi il giornalista Piero Badaloni, il sociologo Giap Parini, Patrizia e Gabriella Gullace.

«Riparto con gli occhi pieni di colori, dell'azzurro assurdo del cielo e del suo nero profondo stellato, del verde argenteo degli ulivi, delle moltitudini di fiori qui già esplosi, dei disegni dei bambini. Riparto con gli occhi pieni di volti, di sorrisi, di sguardi. Riparto con addosso ancora gli abbracci ricevuti e il calore delle tante mani che hanno stretto la mia. Riparto 'sazia' e non mi riferisco, non solo almeno, ai sapori antichi ritrovati, ma sazia delle emozioni e del calore umano che mi hanno avvolto e travolto in questi due giorni dedicati a Teresa Gullace. Vorrei già tornare indietro per ringraziare nuovamente, ad una ad una, tutte le persone incontrate in questi due giorni, tutti coloro che hanno lavorato a questo progetto, tutti gli studenti e i loro docenti, tutti i cittadini di Cittanova... più semplicemente affido al Sindaco Francesco Cosentino la mia gratitudine ed il mio affetto per tutta la sua splendida comunità Cittanovese! Cittanova Città Gentile, mai definizione fu più appropriata». Gabriella Gullace affida a un post su Facebook la sintesi delle emozioni vissute nel fine settimana che Cittanova ha dedicato alla nonna Teresa Talotta Gullace. L'amministrazione comunale ha costruito giornate intense per le nipoti Patrizia, figlia di Emilio e Gabriella, figlia di Umberto, il ragazzino che Roberto Rossellini ha consacrato alla storia del cinema con una licenza narrativa, facendolo correre a piangere sul corpo senza vita di Anna Magnani nel capolavoro"Roma Città aperta".

Teresa Talotta Gullace, nata a Cittanova l'8 settembre 1907, fu uccisa il 3 marzo 1944 dai soldati nazisti durante l'occupazione di Roma mentre tentava di raggiungere il marito appena fatto prigioniero. Un evento che colpì subito l'immaginario collettivo e che fu portato alla ribalta mondiale con il capolavoro del neorealismo italiano, rendendo immortale la figura della donna calabrese considerata da allora uno dei simboli indiscussi della Resistenza.

Primo appuntamento nel pomeriggio di venerdì 6 al Polo della Legalità: accanto alle nipoti il giornalista Piero Badaloni, che ha anticipato la propria presenza alla giornata di BOOKtoPLAY, organizzata dall'associazione incroci con gli studenti dei licei Guerrisi e Gerace, il presidente del Parco Nazionale d'Aspromonte Giuseppe Bombino e il presidente del Consiglio regionale Nicola Irto, per costruire memoria. La serata, condotta dai giornalisti Paola Bottero e Alessandro Russo, ha seguito il percorso indicato da Nelson Mandela: "il ricordo è il tessuto dell'identità". Iniziato con le tessiture storiche di Toni Orlando e Donatella Arcuri, l'incontro è proseguito con le emozioni dei racconti delle nipoti di Teresa Gullace. Emozioni che si sono unite a quelle degli oltre 250 disegni realizzati dall'inizio di marzo nelle scuole elementari di Cittanova: «Non ci aspettavamo» ha spiegato il sindaco Francesco Cosentino «una partecipazione così numerosa. Ora dobbiamo decidere come raccoglierli tutti, in modo che diventino testimonianza di memoria. E tra loro saranno scelti i tre o quattro lavori che, insieme ad altre immagini, diventeranno le cartoline commemorative che le Poste Italiane realizzeranno per festeggiare i nostri 400 anni». È poi stata la volta di Giuseppe Guerrisi, che ha presentato la terracotta del volto di Teresa che diventerà un bronzo di due metri, memoria indelebile che il Comune vuole regalare ai cittanovesi e alla "cittanovese resistente". La serata si è conclusa con la consegna delle pergamene attestanti il riconoscimento della cittadinanza onoraria a Gabriella, Patrizia, Umberto, Mario e Concetta Gullace.

Ugualmente intensa la mattinata di sabato 7 aprile, al CineTeatro Gentile: cinquecento studenti hanno abbracciato idealmente Teresa e le nipoti, partecipando attivamente al dibattito di BOOKtoPLAY in cui Bottero e Russo hanno stimolato i ricordi di Gabriella e Patrizia Gullace gli interventi di Piero Badaloni e del sociologo Giap Parini. Il dibattito è proseguito dopo la proiezione del film "Roma Città aperta", con le emozioni e l'intensità di due giorni capaci di ricollocare Teresa Gullace nel cuore di Cittanova.

(Foto di Enzo Galluccio)

Leggi tutto

Cittanova ricorda Teresa Gullace con le nipoti Gabriella e Patrizia e il giornalista Piero Badaloni

Il 6, 7 e 21 aprile le iniziative per la donna simbolo della Resistenza resa immortale dall'interpretazione di Anna Magnani nel capolavoro di Roberto Rossellini "Roma città aperta". Saranno presenti le nipoti Gabriella e Patrizia Gullace, il giornalista nonché volto noto della televisione italiana Piero Badaloni, e molti altri alle iniziative del 6 e 7 aprile che l'Amministrazione comunale di Cittanova ha voluto dedicare a una grande concittadina: Teresa Talotta Gullace, martire della Resistenza e della lotta al nazifascismo. Sono passati poco più di 74 anni da quel 3 marzo 1944 in cui Teresa (nata a Cittanova l'8 settembre 1907) fu uccisa dai soldati nazisti durante l'occupazione di Roma mentre tentava di raggiungere il marito appena fatto prigioniero. Un evento che colpì subito l'immaginario collettivo e che fu portato alla ribalta mondiale nel 1945 dal grande regista Roberto Rossellini con il capolavoro del neorealismo "Roma città aperta": fu la più grande attrice italiana di tutti i tempi, Anna Magnani, a interpretare il personaggio della Sora Pina, ispirato proprio a Teresa Talotta Gullace, contribuendo a rendere immortale una figura considerata uno dei simboli indiscussi della Resistenza.

"Il ricordo è il tessuto dell'identità", insegnava Nelson Mandela. Partendo dal ricordo di Teresa Gullace l'obiettivo sarà quello di tessere insieme l'identità di Cittanova Città Gentile, che proprio in questo 2018, il 12 agosto, compirà 400 anni. I giorni di memoria e di riflessioni promossi dall'Amministrazione comunale di Cittanova (inizialmente previsti a marzo, ma rinviati per indisponibilità di alcuni relatori) partiranno la mattina di venerdì 6 aprile nei licei classico e scientifico, doveToni Orlando e Donatella Arcuri ricorderanno la figura di Teresa con gli studenti. Nel pomeriggio della stessa giornata, alle ore 18, nella sala convegni del Polo della legalità Francesco Vinci, appuntamento con i cittadini, le associazioni di Cittanova e i giornalisti per una tavola rotonda sul tema RICORDARE PER SAPERE CHI SIAMO. Parteciperanno all'incontro Gabriella e Patrizia Gullace, Piero Badaloni, il presidente del Consiglio regionale Nicola Irto, il presidente del Parco Nazionale d'Aspromonte Giuseppe Bombino, il sindaco della Città Metropolitana di Reggio Calabria Giuseppe Falcomatà, il sindaco di Cittanova Francesco Cosentino, con gli interventi di Toni Orlando, Donatella Arcuri e Giuseppe Guerrisi. Moderano i giornalisti Paola Bottero e Alessandro Russo.

Sabato 7 aprile appuntamento alle ore 9 con gli studenti del liceo scientifico e del liceo classico per BooktoPlay, organizzato dall'associazione culturale Incroci: una mattinata al Cinema Teatro Gentile per parlare della martire cittanovese con Gabriella e Patrizia Gullace, Piero Badaloni e il sociologo Giap Ercole Parini, con la conduzione diPaola Bottero e Alessandro Russo.  Al termine dell'incontro sarà proiettato il film "Roma città aperta" nella versione restaurata.

Sabato 21 aprile, infine, appuntamento teatrale alle ore 9 (per gli studenti) e alle ore 21 al Cinema Teatro Gentile con"Teresa", rappresentazione della Compagnia della Rosa.

Leggi tutto
Subscribe to this RSS feed