Menu
FanduCorriere Locride
Reggio Calabria. Il Circolo Culturale “G. Calogero” organizza il convegno “La Rivolta di Reggio del 1970 tra società cultura e storia”

Reggio Calabria. Il Circolo Cu…

In occasione del cinqu...

DIOCESI OPPIDO MAMERTINA - PALMI. Iniziato il delicato intervento di restauro della monumentale statua di San Girolamo a Cittanova

DIOCESI OPPIDO MAMERTINA - PAL…

È iniziato il delicato...

Gli alunni del “Gemelli Careri” di Oppido Mamertina alla quinta edizione del concorso “Archivio Nazionale dei monumenti adottati dalle scuole italiane”, con un corto su “lo scoglio dell’ulivo di Palmi”

Gli alunni del “Gemelli Careri…

Il progetto didattico,...

Poste Italiane contribuisce allo sviluppo economico e sociale del paese

Poste Italiane contribuisce al…

«Nel 2019 le attività ...

Bovalino: l'Adda richiede segnaletica e spazi per disabili

Bovalino: l'Adda richiede segn…

L'associazione Adda, s...

"Distanti", il nuovo libro edito da Falzea

"Distanti", il nuovo…

di Cosimo Sframeli Un...

Respinto il ricorso della Palmese retrocessa in Eccellenza. Adesso si va al Tar

Respinto il ricorso della Palm…

di SIGFRIDO PARRE...

Poste Italiane ottiene l’attestato ISO 26000

Poste Italiane ottiene l’attes…

L’Azienda aderisce al ...

UNHCR e Intersos a Camini per la Giornata mondiale del rifugiato  Incontri e dibattiti il 23 e 24 giugno nel paese dell'accoglienza

UNHCR e Intersos a Camini per …

UNHCR (Alto commissari...

Nour Eddine Fatty e l'esilio del flautista: «Nella Locride la presentazione del libro del grande musicista»

Nour Eddine Fatty e l'esilio d…

Dice di aver sempre pe...

Prev Next

Poste Italiane incontra il sindaco di Sant’Eufemia d’Aspromonte

Reggio Calabria, 22 gennaio 2019 – Si è svolto oggi presso la Filiale di Reggio Calabria di Poste Italiane un incontro tra l’Azienda, rappresentata dal direttore di Filiale Francesco De Marco e il Comune di Sant’Eufemia d’Aspromonte, nella persona del sindaco Domenico Creazzo.

L’incontro, che ha avuto luogo in un clima cordiale, si è reso necessario a seguito dei disagi segnalati nell’ufficio postale del centro aspromontano. Poste Italiane si è resa disponibile a valutare la richiesta del sindaco di aprire la sede anche in orario pomeridiano per alcune giornate, ribadendo l’impegno di potenziare il servizio in particolare nei primi giorni del mese, in concomitanza del pagamento delle pensioni; nell’occasione è stato anche comunicato che l’installazione del gestore attese è stata anticipata ai primi giorni di marzo.  

Leggi tutto

Disagi Ufficio Postale Sant’Eufemia d’Aspromonte, il Sindaco Creazzo: “Superati i limiti di tollerabilità”

“Per i nostri concittadini diventa un’impresa ardua anche il semplice pagamento di un bollettino o la riscossione della pensione. Si è giunti ormai al limite di ogni comprensibile tollerabilità”.

Lo scrive, nell’ennesima accorata lettera indirizzata ai Vertici nazionali e Regionali di Poste Italiane, tra cui l’Amministratore Delegato e Direttore Generale Dott. Matteo Del Fante, il Sindaco di Sant’Eufemia d’Aspromonte Domenico Creazzo rimarcando, ancora una volta, la situazione di disagio ed ai disservizi riguardanti l’Ufficio postale del Comune aspromontano, più volte segnalati dal Primo Cittadino sia attraverso le vie ufficiali, sia per le “vie brevi”.

“Nonostante l’ultima lettera da me inviata nel febbraio di quest’anno, durante il lungo intervallo temporale intercorso le nostre richieste sono state puntualmente disattese e, la nostra segnalazione, non ha avuto alcun riscontro concreto e tangibile, se non una laconica ed insufficiente lettera di risposta. Così come viene disatteso, ad oggi, il senso dell’incontro voluto a Roma il 26 novembre scorso dai Vertici Nazionali di Poste, definito “un importante momento di confronto con i Sindaci sulle esigenze delle singole Comunità, sui bisogni specifici di ciascun territorio, sulle opportunità comuni  di crescita e sostenibilità economica e sociale”, ma che rischia di limitarsi ad un facile slogan.

Ci venga consentito dissentire sul concetto di adeguatezza – prosegue il Sindaco Creazzo - in un contesto in cui, non la straordinaria eventualità coincidente con periodi di scadenze particolari, bensì l’ordinaria quotidianità è rappresentata da lunghe ed estenuanti code, che si protraggono per un tempo dilatato, in cui rimangono “incastrati” i suddetti flussi di clientela. Tale sollecito si rende indispensabile e doveroso, e d’altronde ciò che si chiede non è altro che l’attualizzazione concreta di quella politica di attenzione mirata ai bisogni concreti delle piccole comunità quale la nostra, la soluzione delle problematiche contingenti, la messa in opera di piccoli accorgimenti volti a migliorare la funzionalità e l’efficienza degli uffici prima di qualunque altro progetto stratosferico, auspicabile ed encomiabile sì, ma in un secondo momento.

Crediamo questo sia un atto dovuto nei confronti dei cittadini eufemiesi - conclude il Sindaco Domenico Creazzo -  e, nella convinzione che insieme si possa valutare con maggiore oculatezza la soluzione del problema, ci dichiariamo disponibili ad un confronto diretto, che riteniamo opportuno e necessario”.

IL  SINDACO

Domenico Creazzo

Leggi tutto

Escursioni. Domenica 24 maggio “Gente in Aspromonte” sarà sul Crinale di Nino Martino

Dal programma escursioni 2018

 Il Pettine dell’Aspromonte

(I Crinali)

Domenica 24 maggio

I Crinali di Nino Martino

L’itinerario attraversa e percorre buona parte delle aree caratteristiche del Parco, partendo dalle zone pianeggianti a destinazione agricola, risalendo il crinale di Serra Nino Martino sino a arrampicarsi verso il “Piazzale Nino Martino” (1800 mt.), un agglomerato di rocce che secondo la leggenda si formò con le pietre che ogni viandante ha lasciato cadere nel luogo in cui fu ucciso il temuto brigante che visse nel seicento. Nello stesso luogo sembra che il famoso bandito, re dei monti, re di crudeltà, re di generosità, come ci tramanda la leggenda, si rifugiava e trascorreva le ore di riposo giocando a “righinèddha”. Dal piazzale si ammirano gli incantevoli panorami verso le montagne circostanti, le impervie vallate verso la Sicilia e l’Etna. Questi luoghi incantati ci faranno vivere un’esperienza unica e indimenticabile che ci porteremo nella nostra mente anche scendendo nei boschi e nelle radure fino a giungere al caratteristico ‘Abetazzo’.

RADUNO: ore 9.30 lago Rumia

Si prosegue in macchina fino alle “Case Versaci”, le case che nei decenni trascorsi costituivano le residenze dei tagliaboschi dell’Azienda Versaci..

PARTENZA ESCURSIONE: ore 10.00

I Crinali di Nino Martino

Tempo: Ore 5.30                            Località: Laghetto Rumia

Dislivello: 1360 slm 1838               Comuni: San Roberto - S. Eufemia – Sinopoli

Difficoltà: E. Escursionistico         

L’Aspromonte si sa per eccellenza è una montagna difficile quanto proprio per questo incantevole. Diversi sono i suoi ‘non luoghi’. Zone poco conosciute, difficili da raggiungere, ammantate di in un’aura fatta di storie e racconti. Uno di questi è Piazza Nino Martino, che non è una piazza nel senso classico del termine, bensì uno spiazzo aperto che si trova nel cuore dell’Aspromonte. Il suo nome è legato a quello del brigante Nino Martino. Proprio qui pare si andasse a rifugiare dopo le sue scorribande. Come tutti i briganti il suo lavoro era sporco ma il cuore buono. Rubava ai ricchi per dare ai poveri, combatteva le ingiustizie e i padroni che quella terra la deturpavano rubandola ai bisognosi. Dopo anni nel bosco d’Aspromonte il brigante divenuto leggenda si dice venne ucciso dai suoi stessi compagni che lo ritenevano ormai una spia. In realtà, aveva capito prima di tutti che i briganti erano divenuti altro da quella radice che li voleva difesa della terra e degli indifesi. Qualcuno dei suoi però aveva intuito il senso del suo messaggio e notte tempo trafugò il corpo per riportarlo in paese alla madre perchè potesse seppellirlo degnamente.

Descrizione del sentiero:

Il percorso si snoda quasi sempre all’ombra all’interno di un lussureggiante bosco costituito in maggior parte da rigogliosi faggi.

Dopo una visita al luogo si riprende la pista principale, si supera la fiumara di Quarti, poi il ponticello sul vallone di Vadi fino a raggiungere i “Piani di Vadi” (Piani delle valli); proseguendo si imbocca la “pista dell’acqua del monaco” e dopo circa 20 minuti di cammino in leggera salita si arriva alla “Fontana del monaco” dove è possibile rinfrescarsi e fare rifornimento di acqua.      

Procedendo lungo la pista si raggiunge il Piano dell’acqua del monaco, la si segue, in salita, fino a quando, in prossimità della cima, lascia il posto ad un sentiero che in pochi minuti conduce ai Monumenti di Nino Martino e alla vicina Piazza (m.1838) dalla quale, con favorevoli condizioni meteorologiche, si può ammirare lo spettacolo del sole che si tuffa nell’Etna fumante al di là dello Stretto e, dalla parte opposta, la maestosa sagoma di Montalto.

Si prosegue in discesa, in direzione sud-ovest, lungo una strada sterrata che ben presto lascia il posto ad un sentiero che conduce alla sorgente detta Acqua della Face (m.1725). Si attraversa la strada sterrata e si segue il sentiero che, dopo avere attraversato un caratteristico ruscello, si sviluppa a mezza costa fino ad intercettare la pista da sci.

Si attraversa la pista e si segue ancora il sentiero di mezza costa fino alla successiva pista da sci servita dalla seggiovia.

Si scende lungo la pista e, quando questa piega a destra, si sale per un centinaio di metri, dopo circa 20 minuti a meta di una destrorsa, si apre a sx una pista in discesa che dopo pochi minuti si giungi all’”Abetazzo”, esemplare di maestosità e suggestione, anche per possente braccio che si dirama dal tronco principale.

Si continua in discesa che incrocia la sterrata principale;fino ad una curva dove a sx si apre una piccola traccia tra alberi che in pochi minuti consente di tagliare alcuni tornati e si immette nuovamente nella sterrata che in pochi minuti siamo al punto di partenza

Leggi tutto
Subscribe to this RSS feed