Menu
Corriere Locride
Nasce "il Sipario", la nuova rivista calabrese diretta da Vincenzo Varone

Nasce "il Sipario", …

il SIPARIO Periodico ...

Riace: «Trifoli resta alla guida del suo Comune e continua a portare avanti il suo impegno con gli elettori»

Riace: «Trifoli resta alla gui…

RIACE - Con ordinanza ...

Nota stampa del del Partito Comunista su Ospedale di Polistena e sanità calabrese

Nota stampa del del Partito Co…

«Alla vigilia del Cons...

Camini (RC): «Il poliambulatorio Jimuel è una straordinaria realtà per il diritto alla salute oltre qualunque barriera, si scongiuri la chiusura»

Camini (RC): «Il poliambulator…

«La Eurocoop Servizi J...

Siderno (RC): domenica 10 novembre al Mondadori Bookstore Francesco Musolino presenta "L'attimo prima" (Rizzoli)

Siderno (RC): domenica 10 nove…

Cosa succede quando la...

Bovalino (Rc): FISDIR-Torneo delle Regioni. Anche due atleti del Bovalino calcio a 5 nella comitiva calabrese

Bovalino (Rc): FISDIR-Torneo d…

Saranno tre giorni di ...

Bovalino. Fratelli d’Italia: «Bruno Squillaci riconfermato Commissario cittadino del Partito»

Bovalino. Fratelli d’Italia: «…

«Il Commissario provin...

Rapporto Svimez 2019, nota stampa del Segretario generale Uil Calabria

Rapporto Svimez 2019, nota sta…

«La fotografia scattat...

A Martone tre giorni di festa dedicati alla castagna

A Martone tre giorni di festa …

E’ tutto pronto a Mart...

Bovalino.  Serranò ( F.d.I): «l’avviso esplorativo per la realizzazione di nuovi porti è una grande opportunità»

Bovalino. Serranò ( F.d.I): «…

«L'avviso per partecip...

Prev Next

Nota stampa del partito comunista (pc) Calabria su morto sul lavoro al porto di Gioia Tauro

Gli incidenti sul lavoro che, quotidianamente, si registrano anche in Italia, sono un fenomeno preoccupante e, purtroppo, sempre crescente. L'ultimo è avvenuto al Porto di Gioia Tauro ed ha causato la morte di un giovane operaio di 42 anni.

In questo momento di sgomento, ci uniamo al dolore della famiglia e dei colleghi, invitando le autorità portuali e le autorità statali competenti a voler far chiarezza sul caso, e a prendere i dovuti provvedimenti affinché, da subito, venga tutelata l'incolumità dei lavoratori e venga evitato il ripetersi di tali tragici episodi.

L’Ufficio Stampa 

 

 

 

Leggi tutto

Giuseppe Zampogna su situazione Porto Gioia Tauro

“Lo stato di agitazione in atto in questi giorni tra i Sindacati ed MCT, gestore del terminal di Gioia Tauro, in merito all’organizzazione ed all’utilizzazione del personale per gli effetti della crisi, pone drammaticamente l’accento su quella che è l’attuale grave situazione dello scalo gioiese e sul futuro della sua forza lavoro” – afferma in una nota il Consigliere Metropolitano Giuseppe Zampogna.  “Confidando nel buon senso delle parti, affinchè si impegnino oggi a portare avanti gli accordi presi lo scorso Luglio nell’incontro in cui parteciparono Regione Calabria, Governo Nazionale, Sindacati e il gestore del terminal,” – continua Zampogna – “ mi farò portavoce in seno al Consiglio Metropolitano delle istanze dei 442 lavoratori che oggi rischiano di perdere probabilmente l’unica fonte di reddito per le proprie famiglie, al fine di rendere partecipe della grave situazione il neonato Organo Istituzionale. La Città Metropolitana di Reggio Calabria infatti,” – conclude Zampogna - “ nella cui amministrazione il porto ricade, potrebbe avere un ruolo strategicoe di concerto con il Governo Regionale Calabria ed il Governo Nazionale, trovare una soluzione che porti finalmente alla consacrazione della più importante infrastruttura Calabrese e alla sicurezza dei suoi lavoratori.” 

Leggi tutto

L’analisi. Porto di Gioia: un grande gateway per l’Europa

Un grande e moderno porto commerciale può svolgere tre funzioni: hub transhipment;gateway; regional port.

Semplificando: nell’hub transhipment i container arrivano con grandi navi da altri continenti, e ripartono con piccole navi verso i porti vicini; nel gateway arrivano con grandi navi e ripartono con la ferrovia verso i mercati di consumo e/o di produzione finale; nel regional port i container arrivano via mare e vengono distribuiti nel territorio vicino.

Gioia Tauro è un porto di transhipment. I container arrivano e partono via mare.

Sono stati presentati a Valencia i risultati di una ricerca, con forti risvolti applicativi, svolta nell’ambito del Master in Ingegneria dei Trasporti in corso presso il Dipartimento di ingegneria dell’Informazione delle Infrastrutture e dell’Energia Sostenibile dell’Università di Reggio Calabria. La ricerca è svolta da un gruppo di ingegneri partecipanti al master,con il coordinamento dei docenti edei ricercatori del DIIES, e non ha avuto alcun finanziamento esterno all’Università.

Il tema è quello di Gioia porto gateway e di Gioia porto regional.

L’occasione per presentare la ricerca è il convegno internazionale “13th Annual Industrial Simulation Conference”, organizzato da Eurosis, dell’Università di Gent. Il Convegno quest’anno si è svolto al Politecnico di Valencia. La sessione in cui sono stati presentati i lavori ha come tema: Logistic simulation.

I due lavori presentati sono stati:

  • “Freight Transportation in European Logistics: A Comparison of Northern and Southern Range Gateways”  (Rindone, Amodeo, Lamari, Placido, Praticò); in sintesi si analizza la possibilità che Gioia sia un grande gateway in competizione con i porti del Nord Europa per connettere i mercati di produzione e consumo del Centro Europa agli altri continenti;
  • “Freight Transportation in Regional Logistics: Pick-up, Consolidation and Delivery Operations of a Road Carrier” (D’Agostino, Lanciano, Musolino, Scattarreggia, Polimeni, Vitetta); in sintesi si analizza la possibilità che divenga generatore degli scambi per le merci prodotte e consumate nel bacino di attrazione diretto (raggio 350 chilometri), cioè un regional port per il Sud.

Il primo lavoro è stato premiato come “best paper of ISC’2015 conference”; se ne richiamano alcuni risultati.

I risultati considerano un container che parte da Nord (Bremerhaven) o da Sud (Gioia) e vuole andare verso il territorio economico più forte del centro Europa: dal Nord Italia alla Germania.

Il primo risultato è che considerando i tempi dell’autotrasporto, con le soste da codice della strada, la zona di competizione (cioè dove i tempi sono simili) è tra Bologna e Bolzano; mentre considerando i tempi ferrovia, la competizione è tra Verona e il Brennero.

Da questo risultato ne dovrebbe derivare un naturale rifornimento del Nord Italia e, parzialmente, della Svizzera e della Baviera da Gioia. Ad oggi ZERO treni partono da Gioia per l’interporto di Verona, che è invece rifornito da Nord.

Se si considera un container che parte dall’Asia e segue la rotta del Mar Rosso, c’è un differenziale di tempo notevoleconsiderando i tempi mare per raggiungere da Suez Gioia, e quelli per raggiungere da Suez Bremerhaven.Sommando ai tempi via mare quelli via terra, si ottiene che un container che parte da Suez, sbarca a Gioia, e poi riparte verso Nord, potrebbe percorrere tutta la banana blue, arrivando a Bremerhaven almeno 100 ore prima che un identico container partito nello stesso istante da Suez raggiunga Bremerhaven.

Il risultato è chiaro: tutti i container che provengono dall’Asia, dovrebbero essere inoltrati tramite Gioia, o comunque tramite un porto italiano o spagnolo.

È stato poi sommato al tempo di percorrenza il tempo medio necessario in un porto italiano per tutti gli aspetti amministrativi per lo sbarco di un container, compreso il tempo per lo sdoganamento. Sono stati usati i valori pubblicati dal CIPE nel 2014. La situazione si ribalta. Si ottiene che, un container partendo da Suez, sbarcando a Bremerhaven, e ripartendo verso Sud, può percorrere tutta la Germania e l’Italia prima che un omologo container finisca le pratiche amministrative in Italia.

Da questo risultato ne dovrebbe derivare un naturale rifornimento del Nord Italia e, parzialmente, della Svizzera e della Baviera da Gioia. Ad oggi ZERO treni partono da Gioia per l’interporto di Verona, che è invece rifornito da Nord.

Il secondo lavoro mostra le potenzialità del porto di Gioia Tauro quale regionalport, al servizio delle produzioni nel suo bacino di attrazione diretto (raggio 350 chilometri). Il lavoro fa riferimento a metodologie, presenti nella letteratura tecnico-scientifica di settore, per l’organizzazione di servizi di trasporto e logistica. Tali servizi supportano la raccolta e il consolidamento delle merci prodotte e la loro distribuzione presso i mercati di consumo. Gli attori considerati, sono: gli spedizionieri e le aziende di trasporto, che mirano rispettivamente a recapitare la merce secondo le esigenze dei clienti finali e ad organizzare un servizio di trasporto di qualità e al minor prezzo; i clienti finali, che richiedono quantità di merce da ricevere entro predefinite finestre temporali.

I risultati principali ottenuti riguardano il vantaggio complessivo che gli attori interessati, sia per le produzioni che per i consumi del Sud, avrebbero con Gioia porto di riferimento.

Tra i risultati ottenuti c’è anche il progettooperativo di servizi ottimali di raccolta e consolidamento della merce prodotta con cui si ottengono risparmi di tempo e costo monetario, rispetto all’uso di altri porti. Con Gioia regional, nuove produzioni potrebbero insediarsi con alti vantaggi, in tutto il territorio della Calabria, e almeno in un raggio di 350 chilometri. Si dimostra la possibilità concreta di diventare, anche, grande portoregional per tutto il mezzogiorno italiano.

Qualificato dibattito alla fine delle presentazioni da cui è ulteriormente uscita confermata la correttezza dei risultati.

I risultati presentati a Valencia sono riconosciuti a livello internazionale, sono pubblicati e sono utilizzabili da tutti, a partire dalla Regione, dall’Autorità Portuale, dalla Città Metropolitana.

É importante lavorare a fondo sul piano scientifico e su quello tecnico, con conoscenza e competenza, per rilanciare il ruolo di Gioia, e degli altri porti della Calabria.

Leggi tutto
Subscribe to this RSS feed