Menu
Corriere Locride
Gerace. Nota stampa del circolo di Fratelli d’Italia di Locri sulla problematica inerente la S.P.1 che collega Locri con Gioia Tauro

Gerace. Nota stampa del circol…

Come circolo di Fratel...

Conferita la Cittadinanza Onoraria di Oppido Mamertina al produttore e scrittore Ruggero Pegna

Conferita la Cittadinanza Onor…

L’amministrazione Comu...

Coldiretti, Aceto: siamo impegnati a gestire il post alluvione con interventi sul territorio e per le aziende agricole

Coldiretti, Aceto: siamo impeg…

I Consorzi di bonifica...

Gerace. Nota stampa del Gruppo consiliare di Minoranza (Uniti per Gerace) sulle problematiche dell'ex Statale 111

Gerace. Nota stampa del Gruppo…

Gruppo consiliare di M...

Mancini premia Poste Italiane. L’azienda guidata da Del Fante vincitrice del torneo di calcio tra le aziende "Top sponsor" della Nazionale

Mancini premia Poste Italiane.…

 “Azzurri Partner...

L’Associazione “Basta Vittime Sulla Strada Statale 106” realizza il primo rapporto sugli incidenti stradali mortali nel periodo 2013-2017 sulla s.s.106

L’Associazione “Basta Vittime …

L’Associazione “Basta ...

Cinquefrondi. Il sindaco Conia chiede ai vari enti preposti di intervenire a tutela della sicurezza dei cittadini

Cinquefrondi. Il sindaco Conia…

Il Sindaco di Cinquefr...

Diocesi Locri - Gerace. Molte le comunità parrocchiali interessate dall’avvicendamento dei parroci

Diocesi Locri - Gerace. Molte …

Sulla linea del rinnov...

Coldiretti, Molinaro: succo di soli agrumi calabresi in vendita nella Gdo

Coldiretti, Molinaro: succo di…

«Produzione, testa e c...

Nota stampa del Presidente del Consorzio di Bonifica Tirreno Catanzarese sull'evento eccezionale che ha colpito il suo comprensorio

Nota stampa del Presidente del…

«L’evento eccezionale ...

Prev Next

Portigliola. Lorella Del Gesso vince la 17^ edizione del concorso nazionale di poesia dialettale "Moschetta"

PORTIGLIOLA - “La nott” della poetessa molisana di Mafalda (provincia di Campobasso) Lorella Del Gesso ha vinto la XVII edizione del Premio Nazionale di Poesia Dialettale “Moschetta”, la cui serata finale ha avuto luogo venerdì scorso nella meravigliosa cornice del teatro greco-romano di Portigliola, alla presenza di un folto pubblico di appassionati provenienti da tutta Italia. Selezionata tra i 62 componimenti esaminati dalla giuria presieduta da Mario Strati, e composta da Maria Macrì, Giuseppe Macrì, Anna Sofia, Giovanni Filocamo, Santoro Romeo, Giovanni Capogreco e dal segretario Domenico Spanò, la poesia della Del Gesso (alla quale è andato un prezioso pinax d’oro) ha preceduto “‘Na vita, ‘na tornata” di Costantino Spagnolo (pinax d’argento) di Isola Capo Rizzuto (i cui versi sono stati declamati dalla nipote Alessia Careri) e “Sgrammaticature” di Davide Rocco Colacrai (pinax di bronzo e vincitore della scorsa edizione del “Giugno Locrese”) che sebbene sia toscano di Terranuova Bracciolini (Arezzo) si è cimentato col dialetto napoletano. Un vero e proprio successo di pubblico e di critica, dunque, per la manifestazione organizzata dall’associazione culturale “pro Moschetta) presieduta da Giovanni Capogreco e dalla sua vice Giovanna Panetta, e patrocinata dal Consiglio Regionale della Calabria, dalla Città Metropolitana di Reggio Calabria e dai Comuni di Locri, Gerace, Portigliola, Gioiosa Ionica e Bianco, con la partecipazione di due gruppi teatrali e del consorzio Frujt. Menzioni d’onore sono andate a “Anmi ‘d comar” di Daniela Cortesi da Forlì, “U misteru d’a luna” della locrese Anna Rachele Serrentino e “Scuru” di Gaetano Lia da Monterosso Almo (Ragusa). Segnalazioni di merito, infine, per “Pedidore” di Lidia Arru da Florinas (Sassari), “L’urtimu pisci spata” del palmese Carmelo Fiorino e “Er pignotto” di Antonio Villa da Formia (Latina). Tra gli amministratori degli enti che hanno patrocinato l’evento, sono intervenuti l’assessore alla Cultura del Comune di Locri Anna Sofia, il sindaco di Portigliola Rocco Luglio, il sindaco di Bianco Aldo Canturi (il cui comune ha offerto il vino Greco degustato a fine serata) e l’assessore alla Cultura del Comune di Gioiosa Ionica Lidia Ritorto, che a nome della propria amministrazione comunale ha offerto dell’ottimo “pezzo duro gioiosano”, anch’esso degustato al termine della manifestazione che da oltre tre lustri valorizza le bellezze del nostro territorio e, grazie all’ottimo lavoro dell’associazione “pro Moschetta” tutela l’uso delle lingue dialettali italiane. Particolarmente apprezzata, inoltre, l’esibizione musicale dei Koralira, il duo composto da Francesco Speziale e Domenica Rita Buda, i cui brani 
musicali hanno impreziosito ulteriormente la belle serata.

Leggi tutto

Portigliola (RC): Al Teatro greco-romano emozioni e applausi per "Zitta... cretina" di LocriTeatro

Nel suggestivo scenario del Teatro greco-romano di Portigliola (RC), lo spettacolo di LocriTeatro "Zitta... cretina", liberamente ispirato all'opera "Adele" di Giuseppina Torregrossa, nei sessanta minuti di un racconto forte e mai scontato, ha conquistato il numeroso pubblico presente.

Giulia Palmisano, protagonista del serrato e crudo monologo su una terribile storia di violenza, insieme a Marco De Leo, che ha accompagnato i momenti topici con la musica, diretti da Bernardo Migliaccio Spina, hanno trasmesso emozioni e sentimenti forti.

Dopo l'esordio, nel maggio scorso, alla libreria Calliope Mondadori di Siderno, la rappresentazione è andata in scena su un palcoscenico prestigioso e fortemente evocativo come quello del teatro antico di Portigliola. Prossimo appuntamento il 31 agosto a Tropea per la rassegna "Teatro d'Amare".

* (Le foto sono di Mario Varano)

Leggi tutto

Portigliola è pronta ad accogliere “Gli Uccelli” di Cinzia Maccagnano

Dopo la prima nazionale al Calatafimi Segesta Festival, la rilettura in chiave moderna della commedia antica di Aristofane approda al Festival del Teatro Classico di Portigliola. L'adattamento e la regia di Cinzia Maccagnano hanno restituito la bellezza e la modernità del testo greco , con qualche aggiustamento e adattamento sia  linguistico che di contenuto , che non ne hanno tradito la natura, ma che , al contrario , ne ha salvaguardato il messaggio moderno e attuale.

In prima nazionale al Calatafimi Segesta Festival il 3 agosto, “Gli uccelli - Nubicuculia, la città impossibile”, è pronta ad incantare anche la 4ª edizione del Festival del Teatro Classico “Tra Mito e Storia”. Dopo il debutto al Teatro Antico di Segesta (TP), lo spettacolo di Cinzia Maccagnano si trasferisce infatti nell’Italia continentale per la messa in scena al Teatro Greco Romano di Portigliola, programmata per lunedì 6 agosto, alle ore 21:15.

Rilettura dell’omonima commedia classica di Aristofane, uno degli autori più critici nei confronti della società greca antica e, più in generale, dei vizi degli uomini, “Gli uccelli” seguirà le vicende di Pisetero ed Evelpide, due ateniesi che, stanchi della passione vendicativa per la giustizia e dell’ossessivo desiderio di colonizzare popoli e territori dei loro concittadini, emigreranno alla volta dell’utopica città di Nubicuculia. In questo regno sospeso tra cielo e terra, un doppio del mondo reale che aspira ad essere un Eden nel quale è possibile ritrovare le caratteristiche dell’antica età dell’oro, quando gli uccelli, padroni del tempo, erano sovrani di una patria senza leggi né violenza, i due vivranno avventure buffonesche e ridicole, che costituiranno uno sgangherato varietà dove ad avere la meglio sarà il più furbo. L’indole fallace dell’uomo, che lo spinge troppo spesso a cercare di avere la meglio sul proprio simile, farà infatti durare poco l’utopia, trasformando ben presto Nubicuculia in una città in cui gli uccelli dissidenti vengono trasformati in un arrosto succulento, mentre quelli accondiscendenti si mettono al totale servizio degli uomini. Le mire espansionistiche di Atene si ripresenteranno così in Pisetero più radicalizzate che mai, trasformandolo in un folle convinto di poter costringere alla sottomissione persino gli dèi sfruttando le armi del ricatto e della corruzione.

Una critica netta alla banalità del male, quella del commediografo Aristofane, che ha voluto puntare il dito contro quelle società che si lasciano capeggiare da frustrati e prepotenti senza rendersi conto che basterebbe solo un po’ di coraggio per strapparli al potere e potersi così migliorare.

Una commedia che ben si presta alla rilettura in chiave moderna offerta dalla Maccagnano, che calcherà la scena con Oriana Cardaci, Marta Cirello, Lucrezio de Seta, Raffaele Gangale, Dario Garofalo, Luna Marongiu, Chiara Pizzolo, Cristina Putignano, Rossana Veracierta e Franco Vinci, certamente in grado di farci ridere, ma anche riflettere come l’autore classico avrebbe voluto…

Leggi tutto
Subscribe to this RSS feed