Menu
Corriere Locride
"Riace che incontra il mare". Martedì 19 all'hotel Federica di Riace Marina la prima presentazione del romanzo di Giuseppe Gervasi

"Riace che incontra il ma…

Inizia martedì 19 nove...

Elezioni Regionali. Santo Biondo (Uil Calabria): «Siamo disponibili al confronto costruttivo con chi ne abbia la volontà»

Elezioni Regionali. Santo Bion…

«Che i bisogni della C...

Bovalino. "Emergenza rifiuti": Avviso del Sindaco  Avv. Vincenzo Maesano

Bovalino. "Emergenza rifi…

C O M U N E  ...

Nasce "il Sipario", la nuova rivista calabrese diretta da Vincenzo Varone

Nasce "il Sipario", …

il SIPARIO Periodico ...

Riace: «Trifoli resta alla guida del suo Comune e continua a portare avanti il suo impegno con gli elettori»

Riace: «Trifoli resta alla gui…

RIACE - Con ordinanza ...

Nota stampa del del Partito Comunista su Ospedale di Polistena e sanità calabrese

Nota stampa del del Partito Co…

«Alla vigilia del Cons...

Camini (RC): «Il poliambulatorio Jimuel è una straordinaria realtà per il diritto alla salute oltre qualunque barriera, si scongiuri la chiusura»

Camini (RC): «Il poliambulator…

«La Eurocoop Servizi J...

Siderno (RC): domenica 10 novembre al Mondadori Bookstore Francesco Musolino presenta "L'attimo prima" (Rizzoli)

Siderno (RC): domenica 10 nove…

Cosa succede quando la...

Bovalino (Rc): FISDIR-Torneo delle Regioni. Anche due atleti del Bovalino calcio a 5 nella comitiva calabrese

Bovalino (Rc): FISDIR-Torneo d…

Saranno tre giorni di ...

Bovalino. Fratelli d’Italia: «Bruno Squillaci riconfermato Commissario cittadino del Partito»

Bovalino. Fratelli d’Italia: «…

«Il Commissario provin...

Prev Next

Gerace: Varacalli interviene sul disciplinare IGP 'Olio di Calabria'

«Consultando il testo del disciplinare dell’Indicazione Geografica Protetta (IGP) “Olio di Calabria”, emergono diversi elementi ostativi alla corretta applicazione dello stesso e soprattutto al raggiungimento dello scopo più nobile che ogni marchio di qualità dovrebbe perseguire, ovvero la tutela e la valorizzazione delle specifiche produzioni ottenute sull’intero territorio interessato». Così il Sindaco di Gerace, Giuseppe Varacalli, a seguito della pubblica audizione tenutasi a Rende (CS) negli scorsi giorni alla presenza dei funzionari del Ministero per le Politiche Agricole Alimentari e Forestali, nel corso della quale si è resa evidente la necessità di apportate alcune modifiche all’articolo 5 del disciplinare in questione. Nello specifico, il principale elemento critico dell’articolo 5 consiste nella disposizione in base alla quale sarebbe necessario che in ogni bottiglia di olio etichettata a marchio IGP Calabria il 70% dell’olio fosse rappresentato dalla varietà Carolea. Una produzione con tale composizione sarebbe però possibile solo in alcune aree olivicole della regione, dove effettivamente la presenza di tale varietà si avvicina alle percentuali previste dal disciplinare. In tutte le altre realtà olivicole calabresi, la presenza di Carolea non raggiunge neppure lontanamente tali proporzioni: in Calabria, infatti, su una Superficie Agricola Utilizzata (SAU) olivicola di circa 170.000 ettari, la Carolea è presente su circa 50.000 di essi, quindi meno del 30%. Di fatto, quindi, le disposizioni dell’articolo 5 non permetterebbero alla stragrande maggioranza dei produttori calabresi di imbottigliare olio a marchio IGP. Nei giorni scorsi, in seguito alle battaglie intraprese e alle osservazioni effettuate da diversi amministratori e produttori in occasione della già citata pubblica audizione svoltasi a Rende, pare che l’orientamento del comitato promotore del marchio sia quello di modificare l’art. 5 del disciplinare inserendo altre due varietà (Ottobratica e Dolce di Rossano) a percentuale minima prefissata e riducendo tale percentuale dal 70% al 40%, in modo da offrire la possibilità di poter produrre olio IGP ad altre aree produttive – ma non a tutte – della Regione. «Se tale ipotetica soluzione trovasse riscontro nel documento ufficiale che a breve sarà presentato dallo stesso comitato promotore al Ministero – afferma Varacalli –, significherebbe che ancora una volta i produttori, le aziende agricole, i frantoi e tutti gli “addetti ai lavori” della Locride rimarrebbero indietro rispetto alle altre zone della Calabria e fuori dalla possibilità di produrre a marchio IGP Calabria, profilando un gravissimo danno per un’area a forte vocazione olivicola tra le più antiche del mediterraneo, con oltre 13.000 ettari in coltura specializzata con prevalente diffusione della varietà autoctona “Grossa di Gerace” (sinonimi: Geracese, Dolce, Paesana, Mammolese; ndr), da cui si ottiene un olio extravergine dalle pregevoli doti qualitative e salutistiche». Per tale motivo, il primo cittadino geracese questa mattina ha inviato ai colleghi sindaci della Locride un documento per richiamare la loro attenzione sui rischi di cui si è detto e per sensibilizzarli ad una sinergica opposizione alle modifiche che danneggerebbero tutto il comprensorio locrideo. «Fermi restando i parametri qualitativi stabiliti dal disciplinare – propone, in conclusione, il Sindaco Varacalli –, una possibile ed auspicabile soluzione sarebbe quella di prevedere un elenco di varietà da cui poter produrre olio a marchio IGP più rappresentativo delle varie zone produttive calabresi, o almeno inserire nell’elenco delle tre varietà anzidette la “Grossa di Gerace”, che rappresenta oltre il 10% dell’olivicoltura regionale. Così facendo tutte le aree produttive regionali potrebbero produrre olio IGP secondo la “Tradizione” e la “Tipicità” dello specifico comprensorio di produzione».

Leggi tutto

Gerace: Il sindaco Varacalli scrive a Monsignor Giancarlo Maria Bregantini

Eccellenza Reverendissima, 

con la presente Le porgo a nome mio personale dell'Amministrazione che ho l'onore di guidare, e della cittadinanza geracese le più vive congratulazioni per l'incarico che Sua Santità Papa Francesco Le ha recentemente affidato relativamente alle meditazioni per la Via Crucis del Venerdì Santo.

Sono certo che Ella, come Sua consuetudine, saprà trasfondere nei testi sul tema "Volto di Cristo, volto dell'uomo", cui è stato chiamato a dar forma, le doti umane e pastorali che i fedeli della Diocesi di Locri-Gerace Le riconoscono e ricordano affettuosamente.

Con l'augurio di un proficuo lavoro, Le rinnovo la mia stima e la saluto con deferenza.

Giuseppe Varacalli

Leggi tutto
Subscribe to this RSS feed