Menu
FanduCorriere Locride
Poste Italiane: lockdown, in provincia di Reggio Calabria volano l’e-commerce e i pagamenti digitali

Poste Italiane: lockdown, in p…

«Le consegne e-commerc...

Bovalino - Problematica rifiuti - Richiesta congiunta dei gruppi consiliari di convocazione di un Consiglio comunale aperto

Bovalino - Problematica rifiut…

Al Presidente del Con...

Anas: bando per l’assunzione di ingegneri strutturisti

Anas: bando per l’assunzione d…

«Il bando, che rispond...

Comune di Bovalino - Emergenza Covid19 - Richiesta attivazione tavolo tecnico per attività produttive e commerciali

Comune di Bovalino - Emergenza…

Al Sindaco del Comu...

Poste Italiane: prima nella top 100 mondiale dei Brand assicurativi

Poste Italiane: prima nella to…

«Il Gruppo guidato dal...

Sant'Ilario festeggia i 100 anni della signora Rosa. Gli auguri dell'amministrazione comunale

Sant'Ilario festeggia i 100 an…

Ha festeggiato 100 ann...

Roccella Jonica. Il Circolo PD scrive al Sindaco

Roccella Jonica. Il Circolo PD…

"Lettera aperta al sin...

Poste Italiane e Microsoft rafforzano la collaborazione per accelerare la ripresa dell’Italia

Poste Italiane e Microsoft raf…

«Lanciato un piano con...

Nota stampa di Cisl Fp: «il lavoro silente del pubblico impiego»

Nota stampa di Cisl Fp: «il la…

«Istituita una Task fo...

Bovalino. Il Circolo di Fratelli d'Italia «si complimenta con l'amico Denis Nesci per la nomina a Commissario di Fd'I della Provincia di Reggio Calabria»

Bovalino. Il Circolo di Fratel…

«Malgrado gli ottimi r...

Prev Next

Diocesi di Locri-Gerace. Messaggio di auguri di Monsignor Francesco OLIVA per il Santo Natale

Natale 2018

È con tanta gioia nel cuore che rivolgo a voi questo messaggio natalizio.

Sono contento di condividere la gioia del Natale e di poter dire a tutti: BUON NATALE! Quanto vorrei per tutti e per ciascuno un Natale evento di amore: l’amore di un Dio che non si è dimenticato di noi, che ci ama tanto da farsi uno di noi! Un Dio che continua ad accompagnarci ogni giorno e ci chiede di accoglierlo nell’intimo del cuore, nelle nostre case. Non c’è Natale se non lo accogliamo, se con Lui non accogliamo il fratello.

Col Natale Dio assume la nostra umanità, quella che ti appartiene, qualunque sia il tuo stato o colore della pelle, le tue origini. È un Dio senza nazionalità, che viene per dare dignità. Entra nella nostra storia, sino a penetrare nelle pieghe più profonde della nostra carne. Viene per me, per te, per tutti. Davanti a Lui contiamo più di ogni immaginazione. Non bada al conto in banca e non fa preferenza alcuna. Chiede che ogni essere umano sia difeso e tutelato. Un Dio diverso che si fa uomo senza cessare di essere Dio. È un Dio che si propone con discrezione nella nostra storia, per dileguare il letargo di umanità che contagia anche chi aspetta il Natale. Un Dio per il quale non c’è posto quando un solo migrante viene sfrattato. Che non si riconosce in chi ha paura dello straniero: “Ero straniero e non mi avete accolto”.  È un Dio che fa dell’accoglienza la sua carta d’identità; che abbatte i muri di separazione e dà la cittadinanza a tutti; che sogna un mondo diverso, in cui “non c’è più giudeo né greco, non c’è più schiavo ne libero, non c’è più uomo né donna”, perché tutti siamo uno in lui (Efesini 2,14; Gal 3,28). E continua a dirci: “Appartengo a ciascuno di voi e ciascuno di voi mi appartiene”.

Apri le porte del tuo cuore tu che attendi il Natale. Anche tu hai bisogno del Dio che ama, che ama te come ama lo straniero ed il forestiero. Apri i tuoi occhi, comunità credente. Non lasciare passare il Natale. Il Dio che ti fa visita è un Dio diverso. Cerca solo cuori ospitali. Non ama abitare i cieli in una beata solitudine. Non sopporta i compromessi ed il perbenismo, vive la semplicità ed umiltà di un bimbo tra le braccia della madre.  

È Natale per te, cristiano, che credi nel Dio diverso, che accogli il diverso volendo e sapendo di accogliere Dio. Che metti da parte le ragioni politiche di fronte al bisogno di umanità. A Natale Dio si fa diverso per fare sua la tua umanità. Non tradire il Natale! Vivilo sapendo che la tua diversità è amata e sposata da Dio. Vivi il Natale del Dio che non ci considera “stranieri né ospiti, ma concittadini dei santi e familiari di Dio” (Efesini 2,19). 

Ed il Natale ci rende familiari di Dio. Ecco la ragione della nostra gioia! Ecco l’evento rivoluzionario, che contagia con la forza dell’amore! È quanto vorrei per tutti, in particolare per chi soffre. A Natale nessuno si senta escluso dalla sua gioia a motivo di una sofferenza. Nessuno si senta escluso dalla verità a motivo del dubbio, dalla festa a motivo della tristezza, dall’impegno per un mondo diverso a motivo dello scoraggiamento. Nessuno si senta escluso dall’integrazione a motivo dell’indifferenza o della diffidenza altrui.

A tutti dico: Non abbiate paura di accogliere Gesù nella vostra vita, anche quando si presenta affamato o assetato o straniero o nudo o malato o in carcere, ricordandoci che: “Tutto quello che avete fatto a uno solo di questi miei fratelli più piccoli, l’avete fatto a me” (Mt 25,40).

È Natale per tutti!

Un pensiero speciale va ai tanti migranti che devono lasciare questa terra, alle donne che hanno subito violenza o ne sono rimaste vittime e alle mamme che da sole portano sulle loro spalle le responsabilità della casa. Il Dio con noi, l’Emmanuele, viene a portare la pace. Buon Natale a Voi familiari di Dio. Buon Natale, perché no, anche a chi come Lui nasce e vive da profugo, in un paese non suo, rifiutato dagli ostelli lussuosi di questa umanità.

A tutti auguro l’amore e la benedizione di Dio.

Monsignor Francesco OLIVA

Leggi tutto

Locri. Oggi, domenica 16 dicembre, nella sede della Caritas diocesana, sarà presentato il progetto “Insieme si può”

«Oggi, domenica 16 dicembre 2018, alle ore 16,30, presso “Casa Santa Marta”, sede della Caritas diocesana, in Via Cusmano a Locri, sarà presentato il progetto “Insieme si può” destinato ai migranti.

A tal proposito, S.E. monsignor Francesco Oliva, vescovo di Locri-Gerace, ha spiegato:

“Presentiamo il progetto in questo contesto prenatalizio, che diviene occasione utile anche per augurare a tutti un Santo Natale. Col Natale Dio intende raggiungere ogni uomo, ciascuno di noi. A contatto col Suo Mistero, possiamo vivere l’esperienza del vero amore, quello che non crea steccati, muri, divisione, ma vuole incontrare tutti. Gesù nasce profugo in un paese non suo: la sua famiglia è di Nazareth, ma il Natale avviene a Betlemme. E subito dopo per l’arroganza e la prepotenza di Erode la santa Famiglia è costretta a fuggire in esilio, in Egitto, per mettere al sicuro il bambino. 

L’obiettivo del nostro progetto è coerente con quanto il Santo Padre, papa Francesco c’invita a fare:

“Fare rete con l’educazione, prima di tutto, per istruire i più piccoli fra i migranti, cioè coloro che invece di sedere fra i banchi di scuola come tanti coetanei, passano le giornate facendo lunghe marce a piedi o su mezzi di fortuna e pericolosi. Anche loro hanno bisogno di una formazione per potere un domani lavorare e partecipare da cittadini consapevoli al bene comune. E nello stesso tempo si tratta di educarci tutti all’accoglienza e alla solidarietà, per evitare che i migranti e i profughi incontrino, sul loro cammino, indifferenza o, peggio, insofferenza.

Fare rete con l’educazione significa permettere alle persone di rialzarsi in piedi, di rimettersi in cammino con piena dignità, con la forza e il coraggio per affrontare la vita valorizzando i propri talenti e la propria operosità.

Fare rete con l’educazione è una soluzione valida per spalancare i cancelli dei campi-profughi, consentire ai giovani migranti di inserirsi nelle società nuove, incontrando solidarietà, generosità e promuovendole a loro volta” (papa Francesco).

Possa il progetto essere una piccola “goccia” che dà conforto a chi dopo la prima accoglienza ha bisogno di essere integrato nella comunità per una vita dignitosa e autenticamente umana».

Locri 16 dicembre 2018

L’Ufficio Diocesano per le Comunicazioni Sociali

Leggi tutto

Diocesi di Locri-Gerace. Oggi, venerdì 14 dicembre, si terrà una tavola rotonda sul tema: La centralità della questione morale

Oggi, venerdì 14 dicembre, alle ore 18.30, presso il salone del centro pastorale in Locri, si terrà una tavola rotonda sul tema: La centralità della questione morale.
L'evento segna l'inizio del secondo anno (secondo biennio) del Corso di formazione all'impegno socio-politico e alla cura del creato Laudato si', promosso dalla diocesi di Locri-Gerace, che quest'anno sarà dedicato a: "Giustizia, Etica e Politica nella città dell'uomo".
Alla tavola rotonda, moderata dal dott. Antonio Borelli (Direttore UBI Banca-Locri), interverranno: padre Vincenzo Sibilio S.J., il dott. Stefano Musolino ( Sostituto Procuratore della Dda di Reggio Calabria), il dott. Giovanni Calabrese (sindaco di Locri), la prof.ssa Maria Rosaria Pini (già Dirigente scolastico), il prof.Domenico Talia (Docente dell'Università della Calabria). 

Al termine i saluti di S.E. Mons. Francesco Oliva, vescovo di Locri-Gerace.

Leggi tutto
Subscribe to this RSS feed