Menu
Corriere Locride
Reggio. "Progetto giustizia semplice": Venerdì 13 convegno a Palazzo Alvaro

Reggio. "Progetto giustiz…

“Progetto Giustizia Se...

"Emozioni a colori". A Bova Marina iniziativa contro la violenza di genere promossa dall''Ass. Thesis

"Emozioni a colori".…

"Emozioni a colori" è ...

Il Parco Archeologico urbano di Brancaleone Vetus chiuso ai visitatori; l'appello della Pro-Loco!

Il Parco Archeologico urbano d…

Non si arresta la cont...

La democrazia a zumpa filici (Africo e dintorni)

La democrazia a zumpa filici (…

di Bruno Salvatore Luc...

Poste Italiane: a Reggio Calabria un’azienda a misura di bambino

Poste Italiane: a Reggio Calab…

Reggio Calabria, 6 dic...

Sant'Ilario dello Jonio.  Sabato 7 dicembre l'evento: "Tra racconto e riflessioni le migrazioni del passato e del presente", con Mimmo Gangemi, Ilario Ammendolia e la musica di Fabio Macagnino

Sant'Ilario dello Jonio. Saba…

Sabato 7 dicembre, all...

"Fondo per le Non Autosufficienze": pubblicato il Bando che coinvolge tutti i cittadini residenti a sud di Locri

"Fondo per le Non Autosuf…

Il presente avviso, pr...

Presentato a Lamezia Terme «Leopardi e L’Infinito» di Raffaele Gaetano

Presentato a Lamezia Terme «Le…

Presentato sabato scor...

Nota stampa della Fsi - Usae sull'adempimento dei LEA regionali in sanità

Nota stampa della Fsi - Usae s…

FSI - USAE FEDERAZIONE...

Prev Next

Diocesi di Locri-Gerace: « Monsignor Cornelio Femia è tornato alla Casa del Padre»

Questa sera, all’età di 79 anni, è tornato alla Casa del Padre monsignor Cornelio Femia, parroco di S. Maria di Porto Salvo a Siderno.

Mons. Femia era nato a Grotteria il 16.03.1940, era stato ordinato sacerdote dal Vescovo Michele A. Arduino il 14.08.1966; durante il suo ministero sacerdotale ha ricoperto numerosi incarichi.

In particolare, è stato Amministratore Diocesano della Chiesa di Locri-Gerace in due occasioni: dopo la promozione di S.E. monsignor GianCarlo Maria Bregantini all’arcidiocesi di Campobasso-Bojano e dopo la promozione di S.E. monsignor Giuseppe Fiorini Morosini all’arcidiocesi di Reggio Calabria-Bova. Il 16 dicembre 2008 monsignor Fiorini Morosini lo ha nominato Vicario Generale, incarico nel quale era stato riconfermato dall’attuale ordinario diocesano S.E. monsignor Francesco Oliva.

A maggio del 2018 monsignor Femia ha presentato le dimissioni da Vicario, per problemi di salute e per l’età, continuando con impegno e dedizione a prestare il suo servizio di Parroco e di Direttore dell’Ufficio Scuola.

Il vescovo di Locri-Gerace invita tutta la comunità a pregare per l’anima benedetta del sacerdote Cornelio Femia, riconoscente di tutto il bene che egli ha seminato.

La camera ardente sarà allestita dalle ore 10,00 di domani, martedì 19 novembre, nella Chiesa di S. Maria di Porto Salvo a Siderno, dove mercoledì 20 novembre alle ore 15,00 sarà celebrato il funerale, il cui rito sarà presieduto da S.E il vescovo monsignor Oliva.

Leggi tutto

Diocesi di Locri-Gerace: Omelia della Santa Messa del Giovedì Santo, del Vescovo Francesco Oliva, nella Casa circondariale di Locri

Omelia Santa Messa del Giovedì Santo

(con la lavanda dei piedi ai detenuti della Casa circondariale di Locri)

Con questa celebrazione iniziamo il Triduo Pasquale, cuore della nostra fede cristiana. Riviviamo i momenti culminanti del mistero pasquale: Cristo dopo aver sofferto la passione e morte risorge dai morti. E’ questo l’evento di cui non solo facciamo memoria, ma che vogliamo vivere con Lui. A cominciare da questa sera: la sera che Gesù trascorre a tavola con i suoi discepoli condividendo con loro l’ultima cena, ma anche il tradimento di uno di loro. Amicizia e tradimento che s’intrecciano drammaticamente. Un momento conviviale in cui Gesù consegna il suo testamento spirituale compiendo due significativi gesti: spezzare il pane con i discepoli e lavare loro i piedi. Sono due gesti che sintetizzano la sua vita spesa per amore.

Il primo gesto: Gesù spezza il pane con i discepoli chiedendo loro di ripetere questo gesto in sua memoria. Il pane spezzato è il segno di una vita interamente donata: Gesù non dona qualcosa di sé, ma dona se stesso, la sua vita. Si offre come vittima sull’altare della Croce. Non c’è amore più grande del dare la vita, tutto se stesso. Ogni volta che farete questo fatelo in memoria di me. Non si tratta di un gesto isolato, ma di un gesto che continua nel tempo e nella vita di ogni uomo. Gesù spezza ogni giorno il suo pane, la sua vita con noi e per noi. Gesù in persona, non una sua rappresentazione, è presente e si dona. E’ il dono dell’Eucaristia che si perpetua nel tempo, il dono di Dio che ama infinitamente. E ci indica la via: "Vi dò un comandamento nuovo: che vi amiate gli uni gli altri come io ho amato voi". L’amore non può essere comandato, ma quando si segue questa via, si vive la felicità già su questa terra.

Il secondo gesto: la lavanda dei piedi è conseguenza del primo. Gesù manifesta la via dell’amore attraverso il servizio. L’amore vero non cerca onori, privilegi, non chiede di essere servito e non cerca servitori, ma si mette a servizio. “Non sono venuto per essere servito, ma per servire”.

Ecco il grande insegnamento per noi: con l’amore possiamo distruggere il male, ritrovare la speranza, che ci porta a guardare oltre il male commesso. Non ci abbandona a noi stessi e ai nostri peccati. “L’hai fatto, ora devi pagare”. Dio indica la via dell’amore, del servizio e del perdono come via di redenzione e di salvezza. E’ possibile sbagliare, ma abbandonando la via del male e incamminandosi su quella del bene si ritrova la propria felicità. Ecco il vero discepolo del Signore: colui che fa quello che dice il Maestro: "Da questo tutti sapranno che siete miei discepoli, se vi amerete gli uni gli altri".

Oltre il male commesso: è possibile passare oltre, guardare oltre il male commesso. Il male commesso non può essere l’ultima parola sulla vostra vita. Rinnegatelo: è possibile! Si può ricominciare. C’è chi vi aspetta e desidera che siate liberi dal male. Cosa il Signore chiede a me, a te, ora ed in questo luogo? Ti dice: “hai peccato? vuoi uscire dal tuo peccato? Io ti perdono, ma non lo fare più”. La volontà di uscire dal male fatto implica anzitutto la riprovazione del male commesso senza cercare di scaricarne la responsabilità sugli altri o andare alla ricerca del responsabile al di fuori di se stessi (“sono io che l’ho fatto, non altri”). Occorre riconoscere che le azioni cattive hanno fatto male al fratello e alla comunità, oltre che a se stessi e alle persone care.

Non avere timore di batterti il petto. Lo facciamo tutti come cristiani. Prima di iniziare la celebrazione della messa ci battiamo il petto tre volte: la prima, perché ho fatto quello che non dovevo fare (il male che fa sempre male); la seconda, perché sono stato cattivo nel fare agli altri quello che non avrei desiderato che gli altri facessero a me; la terza, perché col male che ho fatto ho rovinato ciò che era bello, buono e giusto, ho agito contro la volontà di Dio. Insomma, mi sono rovinato da solo. Il pentimento così espresso porta al cambiamento. Questa celebrazione stasera c’invita a tornare al Signore, lasciando che ci lavi tutto, dalla testa ai piedi: «Signore, non solo i miei piedi, ma anche le mani e il capo!», come dice san Pietro.

E’ questo il messaggio della Pasqua: risorgere con Cristo e rinascere con Lui, purificati dal peccato e dal male, passare dalla morte alla vita, dal carcere alla libertà, dalle tenebre alla luce. Sant’Agostino definisce la Pasqua come il passaggio dei cristiani (transitus christianorum). Fare Pasqua è passare, come il Maestro, in quella notte del sabato, dalle tenebre alla luce, dal peccato alla vita nuova.

Francesco Oliva, Vescovo di Locri-Gerace

Leggi tutto

Diocesi Locri - Gerace: «Messaggio per la Quaresima 2019»

«Oltre lo sguardo fisso su noi stessi».

Un cammino di quaranta giorni, per entrare nel mistero di una morte che apre alla vita. Ecco la Quaresima! Un tempo da vivere con rinnovato impegno. In una liturgia di lode che ci fa recuperare l’entusiasmo della fede. In un cammino scandito dalla Parola, che nelle Domeniche quaresimali invita a seguire il Signore, che va incontro alla Pasqua, passando attraverso la passione e la morte. E’ il cammino di Gesù, che, nel deserto, “non mangiò nulla in quei giorni, ma quando furono terminati ebbe fame” (Lc, 4, 1-13). Condivisione della sua fame, che non trova soddisfazione nella possibilità che le ‘pietre’ diventino ‘pane’: “Non di solo pane vive l’uomo”. Nessun cibo, nessuna bevanda possono placare la fame e sete del cuore. Solo Dio può colmare questa fame. Donaci, Signore, questa fame e sete di te. E’ questo che dona senso al tempo quaresimale. Vero tempo di grazia, che porta sul Tabor. Laddove Gesù si trasfigura con noi e per noi (discepoli eletti). Laddove il Padre lo proclama Figlio eletto: “Questi è il Figlio mio, l’eletto; ascoltatelo!” (Lc 9, 28-36). Esortando a tendere l’orecchio, ad aprirsi all’accoglienza: ascoltarlo è accoglierlo. E’ l’ascolto che feconda la vita.

La parabola del fico sterile illumina la terza tappa quaresimale. Tiene in piedi la speranza: “Padrone, lascialo ancora quest'anno, finché gli avrò zappato attorno e avrò messo il concime. Vedremo se porterà frutti per l’avvenire; se no, lo taglierai” (Lc 13, 1-9). Non desistiamo dal cammino di fede che apre alla speranza e alla carità. E’ il cammino profumato dalle buone opere, dalle cosiddette opere di misericordia. La vita senza queste opere è senza profumo.

La Quaresima è illuminata dal volto del Padre Misericordioso della parabola, che attende il ritorno del figlio, quando colpevolmente si è allontanato da casa. Di quel Padre che non smette di amare. Quel Padre, che con sguardo fiducioso, ricco di compassione, ci corre incontro, si getta al collo pronto ad abbracciarci e a baciarci (rileggiamo Lc 15, 1-3.11-32). E’ l’abbraccio che ridona vita con la misericordia ed il perdono.

Come è accaduto all’adultera possiamo sentirci dire: “Nessuno ti ha condannata? … Neanch’io ti condanno: va’ e d’ora in poi non peccare più” (Gv 8, 1-11). Possiamo sentire lo sguardo di Gesù, che non ci lascia soli sulla via della vita. Illumina le nostre tenebre e ci apre alla speranza. Non lasciamoci intristire dal ritmo monotono del tempo e dalle paure, che tolgono la libertà, la fiducia e la gioia di vivere. Apriamoci alla vita, rompiamo le catene dell’egoismo e quello sguardo sempre fisso su noi stessi. Rivivendo la passione di Gesù, riassaporiamo il gusto della sua vicinanza: “Io sto in mezzo a voi come colui che serve” (Lc 22, 14-23, 56). Impariamo ad incontrarlo nelle persone che ci stanno accanto, in quelle che la pensano diversamente, nei piccoli e nei poveri. Riappropriamoci della speranza della vita nuova nel Cristo Risorto, facendo sì che tutte le nostre tradizioni quaresimali siano illuminate dalla luce della Pasqua.

Sia il tempo quaresimale una palestra di umanità e di rinascita spirituale, in particolare attraverso l’esercizio del digiuno, della preghiera e dell’elemosina. “Digiunare, cioè imparare a cambiare il nostro atteggiamento verso gli altri e le creature: dalla tentazione di “divorare” tutto per saziare la nostra ingordigia, alla capacità di soffrire per amore, che può colmare il vuoto del nostro cuore. Pregare per saper rinunciare all’idolatria e all’autosufficienza del nostro io, e dichiararci bisognosi del Signore e della sua misericordia. Fare elemosina per uscire dalla stoltezza di vivere e accumulare tutto per noi stessi, nell’illusione di assicurarci un futuro che non ci appartiene” (dal Messaggio di papa Francesco per la Quaresima 2019).

E’ questa la via che restituisce equilibrio e senso a tutta la nostra vita. La auguro a tutti voi.

Monsignor Francesco Oliva

Leggi tutto
Subscribe to this RSS feed