Menu
Corriere Locride
Nasce "il Sipario", la nuova rivista calabrese diretta da Vincenzo Varone

Nasce "il Sipario", …

il SIPARIO Periodico ...

Riace: «Trifoli resta alla guida del suo Comune e continua a portare avanti il suo impegno con gli elettori»

Riace: «Trifoli resta alla gui…

RIACE - Con ordinanza ...

Nota stampa del del Partito Comunista su Ospedale di Polistena e sanità calabrese

Nota stampa del del Partito Co…

«Alla vigilia del Cons...

Camini (RC): «Il poliambulatorio Jimuel è una straordinaria realtà per il diritto alla salute oltre qualunque barriera, si scongiuri la chiusura»

Camini (RC): «Il poliambulator…

«La Eurocoop Servizi J...

Siderno (RC): domenica 10 novembre al Mondadori Bookstore Francesco Musolino presenta "L'attimo prima" (Rizzoli)

Siderno (RC): domenica 10 nove…

Cosa succede quando la...

Bovalino (Rc): FISDIR-Torneo delle Regioni. Anche due atleti del Bovalino calcio a 5 nella comitiva calabrese

Bovalino (Rc): FISDIR-Torneo d…

Saranno tre giorni di ...

Bovalino. Fratelli d’Italia: «Bruno Squillaci riconfermato Commissario cittadino del Partito»

Bovalino. Fratelli d’Italia: «…

«Il Commissario provin...

Rapporto Svimez 2019, nota stampa del Segretario generale Uil Calabria

Rapporto Svimez 2019, nota sta…

«La fotografia scattat...

A Martone tre giorni di festa dedicati alla castagna

A Martone tre giorni di festa …

E’ tutto pronto a Mart...

Bovalino.  Serranò ( F.d.I): «l’avviso esplorativo per la realizzazione di nuovi porti è una grande opportunità»

Bovalino. Serranò ( F.d.I): «…

«L'avviso per partecip...

Prev Next

A Bovalino la cultura non si ferma. Fabio Macagnino al "Caffè Letterario Mario La Cava"

Al contrario di quanto sta succedendo in politica a Bovalino (scioglimento del consiglio comunale),  la cultura non si ferma anzi, raddoppia e questo grazie alle innumerevoli attività portate avanti dal prestigioso "Caffè letterario Mario La Cava", sapientemente diretto dal suo Presidente Domenico Calabria. Ieri sera il programma prevedeva l'esibizione del noto artista Fabio Macagnino, tedesco di nascita ma calabrese d'adozione che ha riproposto in versione live il viaggio in musica che sta percorrendo tutta la costa dei gelsomini con i suoi meravigliosi testi che raccontano impressioni, modi ed usanze acquisite nel corso della sua crescita in terra di Calabria; il tutto accompagnato da un sound mediterraneo che ha coinvolto e non poco il numeroso pubblico presente. Lo spettacolo si è articolato attraverso la lettura di brani che hanno raccontato in maniera schietta e genuina il modo di "essere e pensare calabrese" confrontato poi, in una sorta di parallelismo con la sua terra di nascita, la fredda e poco soleggiata Germania. Ad ogni testo magistralmente recitato è seguita la canzone in dialetto calabrese avvolta in un ritmo crescente e coinvolgente che ha appassionato tutti i presenti. Prima di concludere la sua esibizione, in un clima surreale e d'intensa commozione l'artista, ha proiettato una video clip (in forma cartone animato) dal titolo "siricu" (che è un modo dialettale calabrese di chiamare il baco da seta), la clip è stata registrata  e montata a Strasburgo da Jasmine Macagnino  e vuole essere una sorta di omaggio/augurio  ai tanti profughi siriani che oggi scappano dalla violenza della guerra per trovare pace in posti sicuri dove poter far crescere i propri figli e condurre una vita meno stentata. Macagnino, durante tutta l'esibizione è stato accompagnato da due bravi musicisti, Giuseppe Di Chiera al basso e Giuseppe Barcella alla chitarra elettrica. Quindi, ancora un successo per il "Caffè letterario Mario La Cava" che, tra l'altro, ha già dato in anteprima anche i prossimi appuntamenti che vedranno presenti a Bovalino, Santo Gioffrè il 18 aprile prossimo per la presentazione del suo nuovo libro e Nino Gangemi che presenterà la sua opera il 10 maggio. E' importante evidenziare, in conclusione, che le attività non solo del caffè letterario ma anche delle altre numerose associazioni e movimenti culturali possano essere di buon auspicio per una pronta rinascita ed un immediato riscatto di tutta la comunità bovalinese, purtroppo colpita al cuore da una legge infame che spara nel mucchio anzicchè colpire solo e direttamente i responsabili di un fallimento politico e sociale che getta umanamente nello sconforto generale.

 

Leggi tutto

Bovalino: Il caffè letterario Mario La Cava presenta l'opera omnia di Salvatore Filocamo

Sabato 24 Gennaio 2015, alle ore 17.00, nel salone Padre Costante della Chiesa di San Nicola di  Bovalino, il Caffè Letterario Mario La Cava presenta il volume “Voci e valori del mio tempo”, opera omnia del poeta Salvatore Filocamo, Franco Pancallo Editore.

“Voci e valori del mio tempo” raccoglie le opere di Salvatore Filocamo. Si tratta di poesie e farse dialettali scritte in oltre sessant’anni di attività che raccontano la Calabria. Ugo Mollica, curatore del volume, scrive che Salvatore Filocamo è poeta della civiltà contadina di cui è capace di cogliere con intuito profetico la fine, con un filo di nostalgia «…nta stu rigugghiu chi tuttu rivota/ i belli usanzi antichi si perdiru/ chilli genti sinceri scumpariru…». Tutta la sua poesia è attraversata da una vena malinconica ma, anche, da una forte denuncia contro le ingiustizie e le disuguaglianze presenti in quella civiltà millenaria.

Interverranno: Iolanda Filocamo che ha curato il recupero e la selezione dei testi, Ugo Mollica curatore del libro, Franco Pancallo, editore del libro E con: letture di Franco Nicita, intermezzi musicali di Gianni Favasuli. Coordinerà la manifestazione Domenico Calabria, presidente del Caffè Letterario Mario La Cava.

Leggi tutto

Bovalino: Svolta con successo la serata 'Parole e musica, lettura di brani di Mario La Cava'

Si è svolta in data odierna con inizio alle ore 19 presso la sala "Padre Costante" della chiesa San Nicola di Bari di Bovalino Marina (RC) la serata intitolata "Parole e musica...lettura di brani di Mario La Cava" organizzata dal Caffè Letterario Mario La Cava. La serata rientra nell'ambito delle attività culturali previste dal caffè Letterario per divulgare e mantenere vivo il ricordo del noto scrittore bovalinese che con le sue mirabili opere ha sempre dimostrato un forte attaccamento alla terra natia ed ai suoi personaggi che spesso gli hanno dato spunto per caratterizzarli. La serata è stata condotta dal Dr. Giovanni Pascale socio e coordinatore della serata. Sono  intervenuti la scrittrice Rossella Scherl napoletana di nascita ma calabrese di adozione visto che ormai è da più di trent'anni che risiede nella nostra regione, che ha sapientemente e con molta passione letto alcuni brani dell'autore calabrese, il soprano Rita Triveri accompagnata al piano da Antonella Di Natale, che ha cantato con grande maestria vocale alcune tra le più famose aree liriche sia in lingua italiana (come per esempio "tu che mi hai rubato il cuor") che in dialetto napoletano ("I te vurria vasà " musicata da Eduardo Di Capua autore anche di "o sole mio", canzone pubblicata nel 1900  e  "dicintencello vuje" ecc.) . Molto curata e ben organizzata nei particolari la serata  -ripresa anche dall'emittente televisiva Telemia-  che si è snodata tra la lettura di un brano ed un'aria lirica. Pian piano le storie di "Don Emanuele ed il suo cane Rubino", "del gatto Ciro che dopo solo due uscite ...muore", di "Salvatorello giovane di campagna che portava le bombole" ecc.,  hanno molto appassionato il pubblico presente (circa 200 persone che hanno gremito la sala in ogni ordine di posto) che ha applaudito a scena aperta i protagonisti. L'ultimo brano di La Cava, che dall'alto della sua esperienza e cultura vedeva ben lontano, ha anticipato di molto i giorni nostri infatti la storia racconta di un gruppo di tecnici (geometri ed ingegneri) che hanno fatto sorgere nel breve volgere di tempo e dopo aver effettuato una lottizzazione selvaggia delle campagne, numerose case e strutture edilizie ed alla fine si sono rivolti al popolo dicendo loro "...e non siete contenti ? non vi abbiamo servito bene ? ... siamo riusciti a realizzare ciò solo per il bene del paese"...in pratica proprio come avviene oggi nella maggior parte delle città e dei paesi...oggi che siamo ormai entrati nell'era del terzo millennio !. Sono circa 350 i caratteri che La Cava ha realizzato e trasferito nelle sue innumerevoli opere letterarie. La serata si è conclusa in un tripudio di applausi con l'omaggio floreale donato alle tre donne della serata, donato da parte del Presidente del Caffè Letterario Dr. Domenico Calabria. Commovente ed appassionato l'abbraccio professionale che ha accomunato nel finale la scrittrice Scherl a Rita Triveri e Antonella Di Natale. L'augurio dei presenti è che Bovalino possa usufruire ancora di belle iniziative come questa che non possono far che bene per la rinascita sociale e culturale non solo di Bovalino ma della Calabria intera.

Leggi tutto
Subscribe to this RSS feed