Menu
Corriere Locride
Siderno. Al via da giovedì 10 ottobre, da “MAG. La ladra di libri”, il nuovo corso professionale a cura di Amalia Papasidero

Siderno. Al via da giovedì 10 …

“L’attività editoriale...

Ai domiciliari un giovane corriere fermato dai finanzieri nel porto di Reggio Calabria con oltre un chilo di cocaina

Ai domiciliari un giovane corr…

Il signor Giuseppe Var...

Sant’Eufemia d’Aspromonte. Giovedì 19 settembre si terrà la conferenza stampa di presentazione del Convegno CALABRIA “ANIMA MEDITERRANEA” – “Ponte tra Meridione e Settentrione”

Sant’Eufemia d’Aspromonte. Gio…

Giovedì 19 settembre a...

Calabria, Anas: incidente sulla statale 106 “Jonica” a Brancaleone

Calabria, Anas: incidente sull…

L'incidente ha coinvol...

Incontro del Partito Comunista con i lavoratori di "Locride Ambiente" aperto a cittadini e forze politiche e sindacali

Incontro del Partito Comunista…

Si è svolto  lune...

Enrico Panini annuncia il calabrese Conia responsabile del Mezzogiorno DemA

Enrico Panini annuncia il cala…

Sabato 14 settembre, a...

Bovalino (RC):  domani primo impegno ufficiale per il Bovalino Calcio a 5 (Coppa di Divisione)

Bovalino (RC): domani primo i…

di Pasquale Rosaci - P...

Nuovo ridimensionamento dell'Ospedale di Locri: nota stampa del partito comunista (federazione provinciale di Reggio Calabria)

Nuovo ridimensionamento dell'O…

«La notizia, poco fa d...

Nuovo Governo: Nota stampa del Segretario generale di Uil Calabria

Nuovo Governo: Nota stampa del…

Uil Regionale Calabria...

Poste Italiane: nuove divise per i portalettere della provincia di Reggio Calabria

Poste Italiane: nuove divise p…

REGGIO CALABRIA, 10 se...

Prev Next

Quattro escursioni verso Bova: domenica 22 settembre l’evento conclusivo di “Luci sul Parco”

Quattro escursioni con un’unica destinazione: Bova. La degustazione con la Lestopitta, il piatto tipico dell’Area Greca dell’Aspromonte, lo spettacolo dell’artista Pasquale Caprì, la voglia di stare insieme, tutti: associazioni, escursionisti, appassionati di montagna, turisti. Si concluderà così, domenica 22 settembre a Bova, il format “Luci sul Parco” che per tre mesi ha caratterizzato con variegate e molteplici iniziative, diversi comuni dell’Aspromonte, coinvolgendo migliaia di persone in attività culturali, escursionistiche, scientifiche, ludiche, sportive e ricreative.

Il format “Luci Sul Parco”, promosso dall’Ente Parco Nazionale dell’Aspromonte nell’ambito del piano di Marketing turistico e territoriale Por Calabria 2014/2020,  ha preso il via il 15 giugno scorso in una autentica giornata di festa a Gambarie in una full immersion di momenti aggregativi tra cui l’apertura del nuovo “Spazio Sport”, rimasto fruibile gratuitamente per tutta l’estate e divenuto presto centro catalizzatore per i giovani e le famiglie, turisti e residenti.

Divertimento si, ma anche sensibilizzazione verso le tematiche legate all’ambiente, ai valori dell’Area Protetta e alla sostenibilità hanno “animato” l’intera stagione estiva programmata dal Parco dell’Aspromonte  in collaborazione con le associazioni del territorio, da sempre impegnate nella valorizzazione, anche a fini turistici, della nostra montagna.

L’Ente Parco ha scelto di concludere le iniziative estive domenica a Bova, borgo dalla storia antica e prestigiosa, Bandiera Arancione Touring Club Italiano e che con i suoi luoghi d’arte e cultura farà da cornice ad una giornata a contatto con la Natura.

L’evento del 22 settembre è stato concepito dall’Ente Parco Nazionale dell’Aspromonte e dalle associazioni con una formula particolarmente interessante, anche e soprattutto, per concludere la positiva esperienza di “In cammino nel Parco”, ulteriore piacevole iniziativa escursionistica lanciata questa estate con l’obiettivo di vivere l’Area Protetta nel suo senso più autentico, alla scoperta di luoghi incontaminati.

Nella prima mattinata infatti le associazioni “Amici di Montalto”, “CAI Club Alpino Italiano sez. Aspromonte”, “GEA Gruppo Escursionisti Aspromonte” e “Associazione Guide Ufficiali del Parco” partendo da quattro punti diversi e attraverso percorsi autonomi e caratterizzanti si muoveranno alla volta di Bova dove, giungeranno simultaneamente in un metaforico arrivo comune di un percorso congiunto ormai consolidato e che rinsalda i rapporti tra mondo associazionistico ed escursionistico ed Ente Parco Nazionale dell’Aspromonte. Il raduno conclusivo avverrà in piazza Roma a Bova dove una degustazione di Lestopitta,  tipica frittella di farina e acqua, da gustare rigorosamente calda, sarà intervallata dallo spettacolo del poliedrico artista reggino Pasquale Caprì e dagli interventi istituzionali del Sindaco di Bova, Santo Casile, del vice Presidente del Parco dell’Aspromonte Domenico Creazzo e dei rappresentanti delle Associazioni escursionistiche.

Le Quattro escursioni previste sono:

Gli Amici di Montalto sulla strada Antica per Bova a cura dell’Ass. Amici di Montalto  - INFO 333 270 0826

“Panorami ionici: escursione a Monte Grosso”  a cura dell’Ass. Guide Ufficiali Parco INFO 347 470 3582

“Affaccio sulla Fiumara Amendolea da Bova Marina a Bova” a cura del CAI -  INFO 349 692 7193

Escursione “Chiesetta San Leo-Bova” a cura del GEA - INFO 328 457 7903

Per una migliore organizzazione dell’evento e delle escursioni, si consiglia di contattare le associazioni di riferimento ai numeri sopra indicati e richiedere le informazioni necessarie a riguardo.

Ufficio Stampa Ente Parco Nazionale dell’Aspromonte

v.i.

Leggi tutto

Bova. Venerdì 30 Agosto si inaugurerà la mostra permanente “Sud Est Contemporanei. Cronache di Viaggio nella Calabria Greca”

  • Published in Eventi

"Sud Est contemporanei cronache di viaggio nella Calabria Greca."

Una mostra permanente arricchirà il Museo della Lingua Greco-Calabra “Gerhard Rohlfs a Bova

Si inaugurerà al Museo della Lingua Greco-Calabra “Gerhard Rohlfs di Bova”, il prossimo 30 Agosto 2019, alle ore 15:15, in presenza del Presidente della Giunta regionale della Calabria, Gerardo Mario Oliverio, e di Salvatore Bullotta, Responsabile Amministrativo Assessorato alla Cultura della Regione Calabria, la mostra permanente “Sud Est Contemporanei. Cronache di Viaggio nella Calabria Greca”, promossa dal comune aspromontano e finanziato dalla Regione Calabria attraverso i fondi PAC 2014/2020 (Asse 6 Azione 6.7.1. - Dip. Cultura - Azione 2 - Rafforzamento del sistema museale - annualità 2018).  A fare gli onori di casa, il sindaco di Bova, Santo Casile, il quale, con le istituzioni regionali, taglierà il nastro dell’ennesimo evento culturale, mirato a fare del museo bovese, la punta di diamante della valorizzazione del piccolo borgo calabrese, centro di rappresentanza della minoranza storico linguistica dei Greci di Calabria. La mostra, curata dal conservatore dei beni culturali, Pasquale Faenza, è infatti il risultato di un lavoro che ha perseguito un duplice obbiettivo: potenziare la struttura museale con all’allestimento di una nuova sala espositiva, moderne vetrine e un sistema anti intrusione avanguardistico ed implementare le collezioni museali con ulteriori opere d’arte, manufatti archeologici e beni etnografici rappresentativi non solo della cultura identitaria grecanica ma anche delle tematiche che hanno suscitato l’interesse del linguista tedesco Gerhard Rohlfs nella conoscenza dell’Aspromonte greco. Tra le opere esposte l’acquaforte illustrante la città di Bova, stampata da Domenico Antonio Parrino alla fine del Seicento per i prestigiosi volumi di Giovanni Battista Pacichelli, dal titolo Il Regno di Napoli in prospettiva diviso in dodici provincie, edito a Napoli nel 1703; la litografia con veduta di Bova di Edward Lear (1812-1888), pubblicata a Londra nel 1852 dal Journals of a landscape painter in Southern Calabria e poi ancora diversi esemplari di tornesi tardo medievali della Grecia franca, deputati a raccontare il significato storico e culturale di uno dei più importanti tesoretti monetali d’età angioina rinvenuti nel territorio di Bova. Tra le sale del museo sarà inoltre possibile osservare interessanti manufatti dell’artigianato grecanico, come le musupare, tipici stampi lignei per un particolare formaggio quaresimale o il tamburo appartenuto all’araldo di Bova Antonino Altomonte (1896 - 1980), il quale con il rullo del suo strumento musicale e con la sua inconfondibile voce ha scandito i momenti più significativi di tutto il territorio grecanico. Degna di nota, l’installazione di arte contemporanea di Roberto Lucifero realizzata sopra il tetto del Museo “Gerhard Rohlfs ed illustrante una porzione di rosa dei venti indicante i due punti cardinali dell’Est e del Sud, dai quali sono giunte le principali civiltà del Mediterraneo che hanno influenzato la cultura dell’Aspromonte meridionale. L’atipica collocazione dell’opera d’arte non è casuale ma risponde ad un preciso obbiettivo dell’artista: far vedere l’istallazione artistica da Google maps al fine di implementare l’internalizzazione del borgo di Bova. Sempre nell’ambito del progetto “Sud Est Contemporanei” è stato inoltre realizzato il sito internet in lingua inglese del Museo della Lingua Greco-Calabra e potenziata la sezione museale della Giudecca con ulteriori pezzi d’arte di Antonio Puija Veneziano, incentrati sui principali simboli dell’ebraismo. L’antico quartiere ebraico è stato inoltre munito di nuovi pannelli didattici coadiuvati da un sistema qr code, realizzato da Stefano Mileto, che consentirà la fruizione autonoma del suggestivo sito storico di Bova con audio in italiano e in inglese. L’inaugurazione della mostra, chiude la ricca rassegna di attività culturali, svolta sempre nell’ambito del progetto “Sud Est Contemporanei” fin dai primi giorni di Luglio 2019 e che ha visto partecipi gli attori del teatro Proskenion, i quali effettueranno le loro performance sull’universo dei beni immateriali dell’area grecanica, anche giorno 30 Agosto alla giudecca con uno spettacolo previsto alle ore 17:00; l’archeologo medievista, Riccardo Consoli, curatore della ricognizione archeologica effettuata alla giudecca di Bova, e l’artista Antonio Puija Veneziano, responsabile delle attività laboratoriali di ceramica creativa, “Terre Parlanti”, presso la residenza d’artista, (laboratorio to Straci). Ampia la soddisfazione dei partner del progetto: Ente Parco Nazionale dell’Aspromonte, GAL Area grecanica, AIAB Calabria e la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per la Città Metropolitana di Reggio Calabria e la Provincia di Vibo Valentia, i quali con strategie e metodi diversi hanno contribuito ad aggiungere un ulteriore tassello alla rinascita culturale del borgo di Bova. Su questa linea si innesta anche l’inaugurazione della Residenza d'artista e del laboratorio di ceramica To stràci che si svolgerà di seguito, sempre con i rappresentanti istituzionali della Regione Calabria. Si tratta di due interessati progetti realizzati con i fondi del PSR Calabria 2007-2013 (Asse 3: “Qualita’ della vita nelle zone rurali e diversificazione dell’economia rurale”  Misura 323: Tutela e riqualificazione del patrimonio rurale), grazie ai quali è stato effettuato il recupero di un edificio comunale del centro storico, e con i finanziamenti del PSR Calabria 2007-2013 Asse 4 Approccio Leader dati al GAL Area Grecanica per realizzare il "PSL Neò Avlàci" che hanno consento l'arredamento interno di questi due ambienti deputati ad implementare la vita culturale di Bova attraverso l’arte contemporanea . Il pomeriggio bovese continuerà ad essere allietato dagli eventi della seconda edizione di Gente d’Aspromonte, ricchi di incontri culturali di prim’ordine che si svolgeranno in piazza Roma a partire dalle ore 16:30.

Leggi tutto

Successo a Bova per la due giorni di “Cuori in Campo”

  • Published in Eventi

Legame con le radici territoriali e riscoperta dei valori identitari. Sono stati questi i temi portanti della consueta due giorni di “Cuori in Campo”, un’iniziativa che si è ripetuta anche per quest’anno a Bova, promossa ed organizzata dell’omonima associazione presieduta da Ernesto Marino. Una prima serata, svoltasi presso la centralissima Piazza Ferrovieri d’Italia a Bova, è stata quella dedicata alla convivialità, alla musica, al ricordo ed alla riflessione sulle principali tematiche relative al legame col territorio di origine, in un frangente di disgregazione sociale, dove si avverte forte l’esigenza di un vero ritorno alle origini. La seconda e conclusiva giornata è stata invece quelle legata all’evento sportivo. Come capita ormai da molti anni, preso il campo sportivo comunale di Bova si è svolta la partita del cuore tra giovani e meno giovani nell’ottica di una continuità che vede nel coinvolgimento dei ragazzi la principale missione dell’associazione, proprio come ci conferma Ernesto Marino: “Anche per quest’anno - dice il presidente di Cuori in Campo -  il doppio appuntamento da noi promosso ha riscosso un enorme successo in termini di partecipazione. Come ogni anno individuiamo un tema a cui intitolare l’iniziativa e dopo quella dello scorso anno dedicata alla violenza di genere, per l’edizione 2019 abbiamo pensato ad un aspetto che reputiamo essenziale in ottica futura, quello della trasmissione alle nuove generazioni, dei valori portanti delle nostre radici, delle nostre origini, quelle a cui facciamo sempre riferimento e che intendiamo trasmettere ai più giovani. L’appuntamento sportivo ha rivestito un importante valore simbolico, rappresentando un ideale filo di continuità tra passato, presente e quello che dovrà essere il futuro dei nostri luoghi. In tal senso - conclude Marino - vorrei ringraziare quanti ci hanno sostenuto anche per quest’anno e quanti hanno materialmente partecipato alla realizzazione dell’evento”    

Leggi tutto
Subscribe to this RSS feed