Menu
Corriere Locride
Windsurf - Tra Mondiali...e maturità: il reggino Scagliola continua a stupire

Windsurf - Tra Mondiali...e ma…

Prosegue nel migliore ...

Giovanni Nucera, Capogruppo “La Sinistra”, a sostegno della manifestazione unitaria Cgil, Cisl e Uil

Giovanni Nucera, Capogruppo “L…

Il capogruppo "La Sini...

Incontro all’Asp di Reggio Calabria tra i sindaci e il prefetto Meloni

Incontro all’Asp di Reggio Cal…

«Sono molte le critici...

Anas: personale e mezzi Anas impegnati nella pulizia delle gallerie e nella manutenzione del verde in provincia di Reggio Calabria

Anas: personale e mezzi Anas i…

- Pulitura delle galle...

Siderno. Il progetto "Camminando insieme verso il futuro" vince un premio di 10.000 euro

Siderno. Il progetto "Cam…

«Camminando insieme ve...

Il 21 giugno si terrà la seconda edizione della “Festa della Musica di Palmi” nell’incantevole scenario del Monte Sant’Elia

Il 21 giugno si terrà la secon…

“Orizzonti Epici - Suo...

Delianuova. Un murale per l’ufficio postale: l’opera è parte della seconda fase del progetto “PAINT - Poste e Artisti Insieme Nel Territorio”

Delianuova. Un murale per l’uf…

Inaugurata la seconda ...

“Paesaggio e Mito” un itinerario naturalistico virtuale per scoprire e riscoprire i tesori di Scilla

“Paesaggio e Mito” un itinerar…

«Il 19 giugno l’innova...

Windsurf, il reggino Francesco Scagliola primo nel campionato mondiale under 21

Windsurf, il reggino Francesco…

Ennesima soddisfazione...

Prev Next

L’Associazione “Basta Vittime Sulla Strada Statale 106” sarà, domani nel crotonese, affianco alle famiglie delle vittime della s.s.106

Il Presidente dell’Associazione domani mattina ad Isola di Capo Rizzuto e nel pomeriggio a Carfizi.

Pugliese: «affianco alle famiglie Nicolosi e Abate per dare sostegno e solidarietà ma anche per ribadire che coloro che amiamo e che abbiamo perduto non sono più dove erano ma sono ovunque noi siamo».

L’Associazione “Basta Vittime Sulla Strada Statale 106” nella giornata di domani sarà impegnata al fianco delle Famiglie delle vittime della famigerata e tristemente nota “strada della morte” in due significative iniziative in ricordo delle vittime della S.S.106 nella provincia di Crotone.

La Famiglia Nicolosi, originaria della Sicilia ma residente a Verona, è rimasta colpita dalla tragica scomparsa del loro figlio: il papà Orazio, in particolare, da allora non è mai riuscito a ritornare sul luogo dove Giovanni ha perso la vita 9 anni fa.

Orazio e sua moglie Rita hanno deciso di iscriversi oltre un anno fa all'Associazione Vittime Incidenti Stradali di Verona egregiamente presieduta da Patrizia Pisi. Proprio ques’ultima li ha coinvolti nel progetto del Mutuo Aiuto dove ogni mese, attraverso degli incontri, tutte le Famiglie che hanno perso un loro caro sulla strada si incontrano insieme per darsi reciproco sostegno, tutelare le vittime e la loro memoria e portare le loro testimonianze dove sono chiamati a farlo.

Grazie a questa attività i coniugi Nicolosi, e papà Orazio in particolare, sono riusciti a trovare il coraggio di realizzare una lapide in ricordo del loro Giovanni posta nel luogo dove è avvenuto l’incidente ma, soprattutto, di visitare il posto dove il loro amato figlio ha perso la vita.

Domani mattina  alle ore 10:00 sulla S.S.106 al Km 230+700, nel Comune di Isola di Capo Rizzuto, dove il 17 agosto del 2010 ha perso la vita Giovanni Nicolosi di 20 anni, il Presidente dell’Associazione “Basta Vittime Sulla Strada Statale 106” accompagnerà i coniugi Nicolosi sul luogo dove il loro figlio Giovanni ha perso la vita per un momento di ricordo e di preghiera.

Subito dopo il Presidente dell’Associazione Fabio Pugliese si recherà a Carfizi per stare con la Famiglia Abate nel corso della celebrazione dell’anniversario della morte di Rosario Abate, un giovane di 39 anni che il 22 aprile di un anno fa, ha perso la vita in moto, sulla S.S.106 al Km 271 nel comune di Strongoli. Qui per le ore 16:00 sono attesi molti motociclisti per ricordare Rosario, la cui scomparsa ha lasciato il segno nell’intero mondo dei bikers in Calabria.

«Domani – dichiara Fabio Pugliese – avranno luogo due iniziative molto particolari. L’Associazione sarà presente non solo per dare sostegno e solidarietà alle Famiglie Nicolosi e Abate ma anche per ribadire, con lo spirito della Pasqua della resurrezione che abbiamo appena finito di festeggiare, che coloro che amiamo e che abbiamo perduto non sono più dove erano ma sono ovunque noi siamo…»

Associazione “Basta Vittime Sulla Strada Statale 106” – 22 Aprile 2019

Leggi tutto

“Basta Vittime Sulla Strada Statale 106”: «una proposta ai candidati a Sindaco di Corigliano Rossano»

«L’Associazione ha inviato ai candidati Graziano, Primenzio e Stasi una proposta programmatica.

É stato chiesto di inserire nei rispettivi programmi l’istituzione di un tavolo tecnico operativo permanente sulla s.s.106».

L’Associazione “Basta Vittime Sulla Strada Statale 106” nella giornata di ieri ha formalmente inviato una proposta ai candidati alla carica di Sindaco delle Nuova Città di Corigliano Rossano. Sono state inviate tre missive dirette all’On. Giuseppe Graziano, al Dott. Luigi Promenzio ed all’Ing. Flavio Stasi.  

La proposta avanzata dall’Associazione è quella di inserire all’interno del Programma della rispettive coalizioni capeggiate dai tre candidati, un punto programmatico preciso e chiaro che determini l’istituzione di un Tavolo Tecnico Operativo Permanente sulla S.S.106 che possa essere costitutito, oltre al Comune di Corigliano Rossano, anche tutti gli altri comuni interessati dalla famigerata e tristemente nota “strada della morte”.

Tale scelta nasce dall’esperienza maturata negli anni dall’Associazione che – è riportato nella nota – “ci ha convinti che entrambi gli obiettivi da raggiungere (messa in sicurezza ed ammodernamento), possono essere ottenuti al meglio solo se condivisi e, soprattutto, ideati secondo una visione unitaria strategica e territoriale”.

Bisogna, quindi, evitare che per l’ammodernamento della S.S.106 si perda altro tempo: ma questo è possibile ed è più semplice solo se uniti. Allo stesso modo bisogna intervenire subito con interventi di messa in sicurezza urgenti che però non siano calati dall’alto come è avvenuto fino ad oggi.

Secondo l’Associazione è necessario che tutti i Sindaci del territorio, con un lavoro univoco, costante, sinergico e permanente, riescano finalmente ad affrontare ed a risolvere attraverso un confronto diretto con la Direzione Generale dell’Anas Gruppo FS Italiane e, soprattutto, con il Governo, sia i problemi urgenti e sia quelli relativi all’ammodernamento  della S.S.106: nel modo migliore e più condiviso possibile, ovvero, con una visione più ampia e strategica al fine di garantire, appunto, una mobilità più sicura nell’immediato ed alla lunga una mobilità su strade ammodernate con spartitraffico centrale e degne di un paese civile.  

Infine, l’Associazione “Basta Vittime Sulla Strada Statale 106”, tiene a precisare che a seguito delle parole tradite in passato da alcuni amministratori che avevano assunto l’impegno verbale e pubblico in campagna elettorale di far nascere il Tavolo Tecnico Operativo Permanente sulla S.S.106  salvo poi disattendere la parola data, ha deciso di avanzare ai candidati la proposta di inserire tale impegno nel Programma Elettorale, ovvero nel contratto che ognuno dei candidati siglerà con i propri elettori.

L’Associazione auspica e spera che tale proposta sia accolta da tutti i candidati e confida nella possibilità che sia recepita ed inclusa in tutti i programmi delle rispettive coalizioni che concorreranno a guidare la terza città della Calabria.

Associazione “Basta Vittime Sulla Strada Statale 106” – 18 Aprile 2019

Leggi tutto

Associazione “Basta Vittime Sulla Strada Statale 106”: «Ammodernare la S.S.106 è possibile con fondi europei»

A Crotone le importanti novità ottenute il 23 marzo scorso dal responsabile della Mobilità dell’UE.

Pugliese: «sulla variante al Megalotto 6 siamo tutti d’accordo ma oggi non c’è neanche un euro. L’Europa può aiutarci. Grazie all’on. Picierno»

Ha avuto luogo sabato scorso presso la Provincia di Crotone l’importante conferenza stampa indetta ed organizzata dall’Associazione “Basta Vittime Sulla Strada Statale 106”, moderata da Giuseppe Pipita, direttore de “Il Crotonese” a cui erano presenti l’Ing. Antonio Bevilacqua del Comitato “Crotone Nuova S.S.106”, l’On. Consigliere Regionale Flora Sculco, l’On. Deputata Enza Bruno Bossio e l’On. Europarlamentare Pina Picierno.

Proprio l’On. Pina Picierno, nello scorso mese di novembre, ha consentito all’Associazione calabrese di raggiungere Bruxelles e di colloquiare con Matthew Baldwin, responsabile della mobilità dell’Unione europea, a cui sono state consegnate diverse domande al fine di comprendere se è possibile cofinanziare l’ammodernamento della S.S.106 con fondi UE considerato che proprio la strada Statale 106 (nel solo tratto cosentino, crotonese e catanzarese fino a Catanzaro Lido), risulta inclusa nella rete TEN-T Comprehensive dei trasporti europei.

Le risposte corpose, articolate e complete, sono pervenute all’Associazione lo scorso 23 marzo e solo sabato 13 aprile sono state presentate nelle suddetta conferenza stampa. In pratica è emerso che sono in fase di negoziazione i nuovi bandi per diversi miliardi di euro; la S.S.106 può essere cofinanziata con fondi UE; può fare domanda ai fondi solo il Governo mentre il progetto deve essere predisposto dall’Anas Gruppo FS Italiane.

La nuova programmazione ha già previsto che i fondi saranno destinati a quei progetti che metteranno al primo posto la sicurezza degli automobilisti. Inoltre, è stato fornito all’Associazione un documento che consente di capire quali sono i criteri che la Commissione Europea valuta in modo positivo e che sono determinanti per l’assegnazione dei fondi: in pratica oltre all’obiettivo della sicurezza c’è anche l’ottimizzazione dei costi (non si possono fare opere costose ma si deve cercare di contenere la spesa), e poi, soprattutto, l’intermodalità (bisogna realizzare strade che siano connesse con stazioni, porti ed aeroporti). Naturalmente, più il progetto presentato rispetta i requisiti richiesti, più questo è cofinanziabile.

«Noi tutti – ha dichiarato il Presidente dell’Associazione Fabio Pugliese – ci stiamo battendo per la realizzazione della Variante al Megalotto 6 della S.S.106. Siamo tutti d’accordo ma c’è solo un problema: non ci sono i soldi. Sulla Variante non c’è, ad oggi, neanche un euro. Per questo motivo – continua Pugliese – la nostra Associazione da mesi ha deciso di lavorare per capire se la S.S.106 può essere cofinanziata con fondi UE e solo da poco abbiamo finalmente capito che è possibile ma, soprattutto, abbiamo compreso come si può fare. Nei prossimi mesi – va avanti il Presidente – usciranno i nuovi bandi e noi faremo fronte comune con gli amici del Comitato “Crotone Nuova S.S.106” per fare in modo che sia presentato un progetto per l’ammodernamento della S.S.106 da Crotone a Catanzaro: una parte cofinanziata dall’UE e l’altra dall’attuale Governo che finalmente ci farà capire se nei fatti è con noi oppure no. Voglio ringraziare – conclude il Presidente Pugliese – l’On. Pina Picierno per il grande aiuto che ci ha dato. L’On. Pina Picierno non solo si è sinceramente legata alla nostra causa ed all’Associazione ma rappresenta senza alcun dubbio l’unica ed autentica europarlamentare che ha la Calabria: perché nei fatti ha dimostrato di riuscire a poter fare qualcosa di utile. Altri, invece, non hanno neanche risposto alle nostre chiamate!!!»

Associazione “Basta Vittime Sulla Strada Statale 106” – 15 Aprile 2019

Leggi tutto
Subscribe to this RSS feed