Menu
Corriere Locride
Parco Aspromonte, l’appello del Presidente Bombino ai candidati

Parco Aspromonte, l’appello de…

“E’ necessario che i f...

Contratto scuola, bonus 80 euro salvaguardato per le fasce più deboli

Contratto scuola, bonus 80 eur…

Grazie a legge di bila...

Ancora un evento internazionale a Cosenza: Noa e la sua band in concerto il 6 aprile al teatro Rendano

Ancora un evento internazional…

Sarà anche premiata pe...

Il Polo Museale della Calabria ha partecipato con successo alla quarta edizione di TourismA

Il Polo Museale della Calabria…

TOURISMA 2018 – Salone...

Regione. Musmanno: "Nessuna cancellazione dei treni regionali 3692 e 3694"

Regione. Musmanno: "Nessu…

"I treni regionali n. ...

Reggio. Venerdì 23 e sabato 24 febbraio il Teatro della Girandola presenta lo Spettacolo “In bocca al lupo”

Reggio. Venerdì 23 e sabato 24…

Il Teatro della Girand...

Siderno. Sinistra Italiana: «Città Giardino a basso costo. L’amministrazione Fuda ha mantenuto la parola»

Siderno. Sinistra Italiana: «C…

Riceviamo e pubblichia...

Taurianova. Oggi il Comune compie novant’anni dalla sua istituzione

Taurianova. Oggi il Comune com…

I comuni di Radicena, ...

Regione Calabria. Fondi post 2020: partecipa alla consultazione online

Regione Calabria. Fondi post 2…

La Commissione europea...

Reggio. Sabato 17 Febbraio si terrà il secondo incontro formativo per parlare del progetto: “Non c’è Libertà senza Legalità”

Reggio. Sabato 17 Febbraio si …

Il Progetto “NON C’E’ ...

Prev Next

Sant'Ilario dello Ionio. Emozionante "Presepe vivente" nel borgo di Condojanni

  •   Redazione
Sant'Ilario dello Ionio. Emozionante "Presepe vivente" nel borgo di Condojanni

Un intenso momento di fede, condivisione e integrazione per il "Presepe vivente" del giorno di Santo Stefano, nello splendido scenario del borgo di Condojanni, a Sant'Ilario dello Ionio (RC). Oltre cento partecipanti, molti bambini e alcuni ospiti dello Sprar hanno dato vita e voce a Maria, Giuseppe, Gesù Bambino e poi, ancora, i Re Magi, i soldati romani e i tanti bottegai che fanno da cornice alla Natività.

La rappresentazione, con originali parti recitate in dialetto calabrese, è stata ideata e organizzata dalla parrocchia di Sant'Ilarione Abate, con il parroco Don Lorenzo Spurio, dalla Chiesa del Sacro Cuore e dalla Chiesa di Sant'Antonio, grazie ai tanti parrocchiani che animano la comunità e che con passione e dedizione hanno cooperato per la realizzazione dell'evento. Le strette vie del borgo si sono accese di luci, musica e sapori con l'allestimento di luoghi simbolo della Natività, come la casa di Maria, e delle botteghe dei mestieri, dal fabbro al falegname, al panettiere, e nella grande piazza centrale la capanna per la nascita di Gesù.

L'evento ha richiamato un pubblico numeroso, giunto anche dalle cittadine vicine, che ha vissuto con emozione la trasformazione del borgo in un vero, grande presepe.