Menu
Corriere Locride
La Palmese perde anche il ricorso di Nania così resta la penalizzazione di un punto. Ma che brutta situazione

La Palmese perde anche il rico…

di Sigfrido Parrello -...

Diocesi di Locri-Gerace. A Gerace il XIV incontro di studi bizantini

Diocesi di Locri-Gerace. A Ger…

Sabato 14 e domenica 1...

Cittanovese, è l'ora del derby! Domenica prossima al "Morreale – Proto" arriva la Palmese di mister Pellicori

Cittanovese, è l'ora del derby…

La Società: «Appuntame...

Ambiente. Galletti, oltre 13 milioni al Centro-Sud per mobilità sostenibile: un milione a Reggio Calabria

Ambiente. Galletti, oltre 13 m…

Da decreto casa-scuola...

Sant'Ilario dello Ionio (RC). Sabato prossimo "In Terra Santa – Sulle orme di Gesù di Nazareth"

Sant'Ilario dello Ionio (RC). …

Nazareth, il fiume Gio...

Richiesta di LocRinasce indirizzata alle competenti Autorità territoriali in materia di tutela dei corsi d’acqua

Richiesta di LocRinasce indiri…

Riceviamo e pubblichia...

Casa della Salute di Scilla, ripristinato il servizio H24. Vizzari: “Fare rete porta sempre risultati. Ora impegno per valorizzazione della struttura”

Casa della Salute di Scilla, r…

“Fondamentale”: così R...

Prev Next

Anas. Approvato il progetto definitivo del terzo megalotto della nuova strada statale 106 "Jonica"

  •   Redazione
Anas. Approvato il progetto definitivo del terzo megalotto della nuova strada statale 106 "Jonica"

Presidente Armani: «Come già annunciato a settembre in Calabria, dopo il via libera del Cipe sul primo tratto, approviamo oggi il secondo tratto di un collegamento fondamentale per l'itinerario Jonico».

Il CdA di Anas ha approvato il progetto definitivo del secondo tratto di circa 18 km (tra i km 18,863 e 37,661) relativo al terzo Megalotto della strada statale 106 "Jonica", per un investimento complessivo di oltre 958 milioni di euro, al fine della successiva approvazione da parte del Cipe.

L'approvazione del secondo tratto segue a quella definitiva del CIPE dello scorso 2 agosto, con cui hanno preso il via le attività propedeutiche ai lavori per i primi 18 km,  per un costo complessivo di 276 milioni di euro.

L'intero Megalotto 3 prevede un investimento complessivo di 1.234 milioni di euro e rappresenta l'anello mancante per il raggiungimento di un sistema integrato tra il corridoio adriatico, jonico e tirrenico. Infatti, si snoda dall'innesto con la statale 534 fino a Roseto Capo Spulico per circa 38 km, a doppia carreggiata, e si configura come uno degli elementi cardine nel progetto di trasformazione del Corridoio Jonico in un'infrastruttura stradale di grande comunicazione con funzione di collegamento dei litorali ionici della Calabria, della Basilicata e della Puglia.

«Come già annunciato a settembre in Calabria – ha dichiarato il presidente di Anas Gianni Vittorio Armani – procediamo con la seconda approvazione che garantirà la realizzazione di un collegamento stradale di fondamentale importanza per l'intero versante jonico. La nuova infrastruttura ottimizzerà la mobilità dell'area, aumentando la velocità media di spostamento, riducendo il tempo di viaggio, conseguendo un risparmio nei consumi di carburante e una diminuzione delle emissioni inquinanti e favorendo il turismo nel territorio. Tutti questi fattori innescheranno rilevanti benefici socio-economici in favore della regione Calabria».

L'opera interessa i Comuni, in provincia di Cosenza, di Cassano allo Jonio, Francavilla Marittima, Cerchiara di Calabria, Villapiana (nel tratto dei primi 18 km), Trebisacce, Albidona, Amendolara e Roseto Capo Spulico (nel secondo tratto). Lungo il tracciato del 3° Megalotto saranno realizzati 6 svincoli: Sibari, Cerchiara di Calabria – Francavilla, Trebisacce sud, Albidona – Trebisacce Nord, Roseto sud e Roseto nord; 3 gallerie naturali per una lunghezza complessiva di 4,8 km; 8 gallerie artificiali per 3,5 km; 17 tra ponti e viadotti per una lunghezza complessiva di 6,2 km.

La realizzazione dell'ammodernamento della Jonica non si riduce ai 38 km di tracciato stradale ma prevede anche interventi rivolti alla conservazione e valorizzazione delle testimonianze archeologiche dell'area di Sibari, oltre a opere connesse e interventi compensativi ambientali, sociali e territoriali.


Roma, 12 ottobre  2017