Menu
FanduCorriere Locride
Abilitati in Romania. Il consiglio di stato accoglie definitivamente l’appello: la abilitazione all’insegnamento in Romania e il titolo di studio conseguito in Italia non necessita di mutuo riconoscimento. Il Miur ha violato l’art.45 tfue e l’art.1

Abilitati in Romania. Il consi…

«Di particolare import...

Reggio. Alla ricerca del verde pubblico tra incuria e abbandono

Reggio. Alla ricerca del verde…

«La vicenda della riap...

Poste Italiane tra le aziende più attrattive del mondo del lavoro per gli studenti universitari Calabresi

Poste Italiane tra le aziende …

«L’Azienda, guidata da...

Giovani Avvocati reggini - traguardi e prospettive

Giovani Avvocati reggini - tra…

Lo scorso 20 Luglio 20...

Gioiosa Jonica (RC): Al via il FilMuzik Art Festival

Gioiosa Jonica (RC): Al via il…

FilMuzik arts festival...

Poste Italiane: prosegue il piano di riaperture da lunedì 27 luglio torna disponibile l’ufficio di Locri1

Poste Italiane: prosegue il pi…

Reggio Calabria, 23 lu...

Reggio. “Scatti tra Cielo e Terra: l’Astronomia per la legalità e l’inclusione sociale”

Reggio. “Scatti tra Cielo e Te…

«Venerdì a Palazzo Cor...

EasyPark arriva a Roccella Ionica: «ora la sosta si paga anche con l’app»

EasyPark arriva a Roccella Ion…

21 luglio 2020 Da ogg...

A Sant'Ilario dello Jonio : La mostra di Celestino Gagliardi, il racconto di Rehab, l'incontro con Lou Palanca e il loro "Mistero al Cubo", la musica di Gabriele Albanese con la partecipazione speciale di Paolo Sofia

A Sant'Ilario dello Jonio : La…

Venerdì 17 luglio 2020...

In Calabria la finale nazionale delle Olimpiadi di Astronomia: «Il Planetarium Pythagoras scelto tra le 12 sedi nazionali»

In Calabria la finale nazional…

La finale nazionale 20...

Prev Next

Riace. Anche Legambiente aderisce alla manifestazione in favore di Mimmo Lucano

  •   Redazione
Riace. Anche Legambiente aderisce alla manifestazione in favore di Mimmo Lucano
 Sabato 6 ottobre nel piccolo comune calabrese in piazza anche i volontari dell'associazione. 
 
"Nessuno tocchi il modello Riace. La nostra battaglia proseguirà anche in Parlamento per chiedere la modifica del decreto sicurezza: bloccare gli Sprar è un errore imperdonabile".
«Bisogna difendere con forza e replicare il modello Riace, un esempio di buona accoglienza e integrazione. Il dramma dell'immigrazione non si può risolvere alzando muri e barricate o chiudendo i porti, ma proprio preparandoci a un'accoglienza capace di coniugare sicurezza, integrazione, solidarietà, sviluppo locale e coesione sociale come fatto nel piccolo comune calabrese. Per questo domani saremo anche noi in piazza a Riace insieme a tante altre associazioni e cittadini, dopo l'arresto del primo cittadino Mimmo Lucano, per chiedere che non si strumentalizzi la vicenda giudiziaria, continuando a giocare in chiave elettorale e propagandistica sulla pelle dei disperati e ingannando gli italiani sui reali bisogni del Paese».
Così Stefano Ciafani, presidente nazionale di Legambiente, e Francesco Falcone, presidente di Legambiente Calabria, commentano l'adesione dell'associazione ambientalista all'iniziativa promossa per domani a Riace (dalle ore 15) dagli attivisti riuniti sotto la sigla "Riace patrimonio dell'umanità". La mobilitazione "Riace non si arresta! A Riace per solidarietà a Mimmo Lucano" si terrà in contemporanea in diverse città italiane.
«Riteniamo - aggiungono Ciafani e Falcone – che vada sostenuto allo stesso modo anche il modello Sprar (il sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati, ndr) che ha consentito di realizzare un programma di buona accoglienza, distribuito sul territorio, che ha superato tanti problemi del passato e che, invece, il Governo tenta di cancellare con il Decreto sicurezza. Lo stesso presidente Matterella, nel firmare ieri il decreto, ha ricordato gli obblighi imposti dalla Costituzione, in particolare agli impegni che tra l'altro riguardano i rifugiati e i profughi. La nostra battaglia continuerà affinché durante il suo iter in Parlamento il decreto venga modificato, evitando così errori imperdonabili frutto di una scelta ideologica e pericolosa che rischia di gettare l'Italia nel caos».