Menu
Corriere Locride
L’evento “Musica nei musei e nei borghi” fa tappa a Stilo

L’evento “Musica nei musei e n…

Fa tappa a Stilo il to...

Cosenza. Venerdì 22 febbraio sarà celebrata la GIORNATA dedicata al DIALETTO E LINGUE LOCALI Minoranze Linguistiche

Cosenza. Venerdì 22 febbraio s…

GIORNATA dedicata al D...

Promozione della salute a scuola, Bussetti e Grillo presentano documento congiunto

Promozione della salute a scuo…

“Verso una Scuola che ...

Gioiosa Ionica. “Nati 80... Amori e non”: la brillante commedia di Claudio Tortora sul palco del Teatro Gioiosa

Gioiosa Ionica. “Nati 80... Am…

«Sabato 23 febbraio co...

Nota Stampa Uil Calabria sulla vertenza Gioia Tauro

Nota Stampa Uil Calabria sulla…

«La riunione tenutasi ...

Melito. Nota stampa della minoranza consiliare in merito al rischio dissesto

Melito. Nota stampa della mino…

In quest’ultimo period...

Taurianova. Incontro in prefettura per scongiurare una terza azione di sciopero dei lavoratori dipendenti della Società AVR S.p.a.

Taurianova. Incontro in prefet…

Si è tenuto, presso la...

Legambiente Calabria: restiamo vigili sulle azioni di demolizione

Legambiente Calabria: restiamo…

È dei giorni scorsi la...

Reggio Calabria. Aggiornamenti ed anticipazioni sull’attività dell’AICC

Reggio Calabria. Aggiornamenti…

A due mesi dalla rifon...

Metrocity, a Palazzo Alvaro la prima riunione dell’Ufficio del Garante Infanzia

Metrocity, a Palazzo Alvaro la…

Si è tenuta mercoledì ...

Prev Next

Reggio. Una triste storia: da piazza Sant’Anna a piazza del rattoppo

  •   Redazione
Reggio. Una triste storia: da piazza Sant’Anna a piazza del rattoppo

Riceviamo e pubblichiamo - «Non si capiva per quale motivo era stata addirittura annunciata una manifestazione di inaugurazione per un dovuto intervento di manutenzione in piazza Sant’Anna ma, guardando i risultati dei lavori di restauro, tutto diventa chiaro. La piazza è diventata irriconoscibile tanto che può essere ribattezzata con un nome nuovo e più adeguato: “piazza del rattoppo”. Appare subito evidente, infatti, che le basole - sostituite solo in alcune parti della piazza - sono di colore differente rispetto a quelle originali, creando un effetto così “arlecchino” orribile alla vista e costato ben 60mila €. Insomma, ancora una volta lavori fatti con approssimazione e superficialità vengono spacciati addirittura per grandi opere. I tecnici si sono sbracciati a spiegare che col tempo i colori si avvicineranno, cosa di cui c’è da dubitare fortemente. In ogni caso sarebbe stato più opportuno fare un’operazione omogenea su tutta la piazza. Generalmente si fa così ma questa amministrazione ha fretta di tagliare qualche nastro dopo anni di immobilismo cronico: le elezioni si avvicinano. Bisogna essere onesti, dopo quattro anni di nulla qualche rattoppo qua e là può essere utile in campagna elettorale. Ci sta, però, almeno che questi lavori siano fatti con un minimo di decenza, gusto e, per rispetto dei reggini, con onestà intellettuale».

#AmaReggio / Stanza 101 – Cenacolo Culturale Impertinente

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.