Menu
Corriere Locride
Sporting Lokri: Lioba Bazan, l’atleta di Saragozza, ritorna in Calabria

Sporting Lokri: Lioba Bazan, l…

Lioba Bazan è una gioc...

Calcio, Serie D - Per iscriversi al campionato alla Palmese servono 47 mila Euro

Calcio, Serie D - Per iscriver…

di Sigfrido Parrello -...

“Basta Vittime Sulla Strada Statale 106”: inviate a Mattarella 25.000 firme per la S.S.106

“Basta Vittime Sulla Strada St…

Tra i 113 primi firmat...

Cinquefrondi. Giovedì 8 giugno, si terrà la seconda edizione della Marcia della Pace

Cinquefrondi. Giovedì 8 giugno…

Giovedì 8 giugno, si o...

Locri, grande successo per l’inaugurazione del Nuovo Parco Giochi

Locri, grande successo per l’i…

Numerosissimi i bambin...

Sporting Lokri. Quarta conferma, ci sarà anche Soto

Sporting Lokri. Quarta conferm…

Confermata anche la sp...

La Diocesi di Locri-Gerace indice una giornata di preghiera per la conversione dei mafiosi

La Diocesi di Locri-Gerace ind…

Accogliendo l’invito d...

Benestare. Si svolgerà in Calabria, il 3 e 4 giugno la II^ tappa del Campionato Italiano del WTI

Benestare. Si svolgerà in Cala…

La dead dogsoffroad pr...

Platì. L'AssoComuni Locride festeggia il 71° anniversario della Repubblica Italiana

Platì. L'AssoComuni Locride fe…

I sindaci dei 42 Comun...

Roccella Jonica. Grande successo per la "Festa dello Sport"

Roccella Jonica. Grande succes…

Si è concluso con un b...

Prev Next

Reggio: MatteLab ospita il fotografo Pietro Firrincieli

  •   Redazione
Reggio: MatteLab ospita il fotografo Pietro Firrincieli

Il 15 Aprile (h 18.00) MatteLab ospita il fotografo Pietro Firrincieli che presenta il progetto Blade Diary. In l’occasione dell’incontro sarà possibile visitare anche la mostra allestita con una piccola selezione di immagini tratte dall’omonimo libro. Le foto, in vendita, saranno visibili fino al 24 aprile.

BLADE DIARY è un diario di viaggio. Un viaggio nella cultura underground del Blading, il primo documento della sua esistenza. Un viaggio di tre anni, di cui due sulla strada: Europa, Stati Uniti e Messico, senza una casa in cui tornare.
Un viaggio iniziatico, alla fine del quale la vita non è più la stessa.

Di seguito un estratto da "A Family Album", il primo capitolo di BLADE DIARY

"Nel 2011 avevo 26 anni, un buon lavoro, un bell'appartamento ed una bellissima ragazza. La mia vita sembrava perfetta a me e alle persone che avevo attorno. Ma soffrivo di attacchi di panico. Avevo paura. Ero soddisfatto ma non ero felice. È a gennaio di quell'anno che ricevo una chiamata da J. Son, uno dei miei migliori amici. Non ci sentivamo da un po', nella mia vita non era rimasto molto spazio per il Blading. La mia famiglia, la mia ragazza e in generale le persone attorno a me, non la consideravano una cosa da adulti e pian piano anche io cominciavo a convincermene.
J. Son chiamava per chiedere come stavo, lo ha sempre fatto di tanto in tanto, e mi dice che nel tour che sarebbe partito il mese successivo per il Winterclash, c'è ancora un posto. In quel periodo vivevo a Cesura, il collettivo di foto-giornalisti fondato da Alex Majoli, fotografo dell' agenzia Magnum. Ero circondato da ragazzi in gamba, della mia età, che costruivano la propria strada nel foto-giornalismo. Ero passato a trovare Chiara, ci eravamo conosciuti durante un master all'agenzia Contrasto a Milano e siamo diventati buoni amici. Quel fine settimana, Gabriele mi chiede se mi andava di restare, ed io che ero in crisi già da un po' con i cataloghi di interni che scattavo per vivere, mi trasferisco a Cesura. Ma non avevo alcuna idea di progetto, non mi interessava la guerra o il sociale. Non sentivo di avere un legame con quelle storie, in quel momento. Decido così di richiamare J. Son e chiedergli se quel posto nel furgone c'era ancora. Pensavo di scattare un reportage del Winterclash, il contest di Blading più importante al mondo, e provare a venderlo a Sportweek. È solo dopo qualche tempo e con la fortuna di ascoltare i fotografi di Magnum che venivano a tenere dei workshop a Cesura che capisco che un reportage può essere ben più di un prodotto commerciale.
Un'esperienza che cambia la vita. Le risate, i viaggi, quel senso di libertà.

E in quel momento mi sono reso conto che non ci sono documenti del nostro passato di Bladers. Dal 1996, quando ho iniziato, ci sono pochissime tracce che provano che noi, i pionieri del Blading in Italia, siamo esistiti. La nostra adolescenza, il nostro tempo assieme, le nostre avventure.

Tornato a Cesura ero un po' sottosopra. Vedevo la mia vita da un nuovo punto di vista. E sembrava tutt'altro che perfetta ora. Ero circondato tutto il giorno da clienti invece che da amici. Clienti a cui importava solo della propria azienda e del proprio guadagno, a cui interessava poco della qualità del loro prodotto, di quella del mio lavoro, della qualità delle loro vite e della mia.Avevo quasi dimenticato la mia identità di Blader perché ero circondato da persone la cui unica identità era quella di consumatori. E ho capito di cosa avevo paura. Avevo paura della morte. Avevo paura di morire mentre facevo qualcosa di cui non mi importava niente".

Pietro Firrincieli è fotografo e blader italiano nato a Ragusa nel 1985.

Dopo il Master in Fotogiornalismo all'Agenzia Contrasto di Milano, ha vissuto a CESURA LAB fondato da Alex Majoli.I suoi progetti artistici sono pubblicati da magazines e websites internazionali come L'Espresso, BE-Mag Magazine, Domus, Clack Magazine, Wheel Scene UK.

THE BLADE DIARY è il suo primo libro, punto d'arrivo di un progetto iniziato nel 2011, completamente realizzato a mano, e autoprodotto come CENTRO BIBITE, editore indipendente.