Menu
Corriere Locride
Reggio. Sabato 19 gennaio "Open Day" al Liceo Classico “Tommaso Campanella”

Reggio. Sabato 19 gennaio …

Sabato 19 gennaio 2019...

Reggio. Stanza 101 – Cenacolo Culturale Impertinente: «Amianto all’ex Fata Morgana, ancora silenzi dal Comune»

Reggio. Stanza 101 – Cenacolo …

«Sono passati 35 giorn...

Reggio. Castorina: (mozione Giachetti - Ascani) «rinunciare al congresso sarebbe errore gravissimo! Pd va rilanciato e ricostruito»

Reggio. Castorina: (mozione Gi…

Rinunciare per l’enn...

Poste Assicura promuove “i mesi della prevenzione”

Poste Assicura promuove “i mes…

«Una prestazione medic...

Locri. Venerdì 18 alle 17 a palazzo Nieddu, Rubens Curia presenta il suo recente e attualissimo saggio “Manuale per una riforma della sanità in Calabria”

Locri. Venerdì 18 alle 17 a pa…

Si chiama “Manuale per...

Anas: per lavori di Enel, limitazioni all’interno della galleria Sansinato lungo la strada statale 280 ‘Dei due Mari a Catanzaro’

Anas: per lavori di Enel, limi…

Catanzaro, 14 gennaio ...

Calabria, Confcommercio: il 32% delle imprese individuali chiude i battenti

Calabria, Confcommercio: il 32…

In Calabria il 32,1% d...

Lunedì 14 gennaio, si terrà il primo incontro del Corso di Formazione all’impegno socio–politico e alla cura del Creato “Laudato si'”

Lunedì 14 gennaio, si terrà il…

Lunedì 14 gennaio, all...

L'ASD Bovalinese 1911 annuncia il ritorno del portiere Fabio Dagostino

L'ASD Bovalinese 1911 annuncia…

Fabio Dagostino, è nuo...

Coldiretti: pesante crisi dell’agrumicoltura. Aceto scrive alla Regione e sollecita urgenti interventi

Coldiretti: pesante crisi dell…

Aceto: «interventi com...

Prev Next

Reggio. L’ex Fata Morgana diventa discarica a rischio ecologico?

  •   Redazione
Reggio. L’ex Fata Morgana diventa discarica a rischio ecologico?

«Una demolizione avviata, ma subito interrotta, quella annunciata dal sindaco selfista con pomposo video sulla sua pagina facebook lo scorso mercoledì a Gallico Marina. Più a uso e consumo delle telecamere il lavoro della ruspa, che ha avuto modo di avviare appena le pale per buttare giù qualche pilastro dello storico locale della Fata Morgana, prima di bloccarsi e letteralmente sparire dalla circolazione nei giorni successivi. Tutt’ora, una parte della struttura è ancora in piedi ma pericolante, mentre le macerie restano sulla spiaggia con la zona di cantiere che sembra abbandonata senza nemmeno essere adeguatamente chiusa e messa in sicurezza. Eppure, un intervento così invasivo e delicato in un’area marina, necessità di lavorazioni da eseguire con rapidità ed efficacia, proprio per consolidare l’obiettivo di bonificare un’area già in stato di abbandono. Perché, dunque, questo avvio di lavori con repentino stop? Voci diffuse tra i residenti parlano della presenza di amianto già esistente nella struttura interessata, e che ora potrebbe giacere sotto le macerie con il rischio di diffondersi nell’aria sotto forma di polveri. Parrebbe, infatti, che durante i lavori di demolizione sia giunta una segnalazione dei residenti e, successivamente i lavori siano stati sospesi con abbandono delle macerie.

A fronte di tutto ciò, è quantomeno opportuno da parte dell’amministrazione e degli organi competenti, fare chiarezza. I cittadini hanno il diritto di sapere se la demolizione dell’ex Fata Morgana è stata preceduta da tutti i doverosi controlli sulla presenza di materiale inquinante ed eventualmente sul suo smaltimento. Sulla salute pubblica, la cui responsabilità è del sindaco quale prima autorità in materia di igiene e sanità cittadina, non si può giocare. Non vorremmo che questi lavori possano diventare, in un contesto già di degrado aggravato dalla presenza di scarichi fognari, un rischio ecologico-sanitario per la bella Gallico Marina, un tempo cuore della movida reggina».

#AmaReggio / Stanza 101 – Cenacolo Culturale Impertinente