Menu
Corriere Locride
Premio “Palmi Città della Varia”: il 24 agosto la Cerimonia di premiazione

Premio “Palmi Città della Vari…

Si è conclusa con succ...

Coldiretti: Calabria vendemmia in corso di svolgimento. La seconda fotografia del vigneto Calabria

Coldiretti: Calabria vendemmia…

Già da qualche settima...

Poste Italiane: installato il primo postamat dell’ufficio postale di marina di Palizzi

Poste Italiane: installato il …

Nuova tappa del progra...

Condofuri. Ai nastri di partenza il Mercatino Estivo Condofurese

Condofuri. Ai nastri di parten…

Mancano poche ore all’...

Prosegue con enorme successo il programma della Varia di Palmi 2019

Prosegue con enorme successo i…

di Sigfrido Parrello -...

“Terra Mia - non è il paese dei santi”: Cosimo Sframeli è tra i protagonisti del docufilm di Ambrogio Crespi

“Terra Mia - non è il paese de…

«Grazie ai veri coragg...

Elezioni Regionali: nota stampa dei sindaci di Cittanova, San Giorgio Morgeto e Santo Stefano d'Aspromonte

Elezioni Regionali: nota stamp…

«Il valore della nostr...

“La Calabria è talento”: gli Arangara domani a San Pietro di Caridà

“La Calabria è talento”: gli A…

Armando Quattrone, sta...

Nota stampa dei sindaci di Monasterace, Bivongi e Pazzano sulle candidature alle prossime elezioni regionali

Nota stampa dei sindaci di Mon…

«Le imposizioni dall'a...

Nota stampa del Partito Comunista: «né con Salvini né col PD»

Nota stampa del Partito Comuni…

Il Partito Comunista, ...

Prev Next

Pianeta calcio ed i suoi risvolti

  •   Redazione
Pianeta calcio ed i suoi risvolti

di Nuccio Azzarà - 

Camera Sindacale Territoriale UIL

Reggio Calabria

E mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Prot. 63/19 data 24/ 01/2019

 A Tutti gli Organi di stampa  

Oggetto: pianeta calcio ed i suoi risvolti sociali.

Quanto inaspettatamente apparso nel cielo del pianeta calcio reggino è qualcosa di sconvolgente, sembra quasi di sognare ad occhi aperti, l’argomento del giorno sono la campagna acquisti, i risultati sul campo ed i progetti che cominciano a delinearsi per la nostra squadra del cuore. Tutto questo positivo movimento all’interno di una palude putrescente non può lasciare indifferente chiunque abbia realmente a cuore le sorti di questa città. Superato il primo momento di smarrimento (il paventato acquisto di Carlton Mayer di qualche anno fa per la Viola docet) ho provato ad aggettivare il percorso della nuova dirigenza della Reggina Calcio e gli unici termini che a mio parere risultano calzanti e rappresentativi di quello che assume ogni giorno di più i connotati di una “favola” sono: Sbalorditivo ed incredibile. A Reggio sta accadendo qualcosa di miracoloso, si stanno concretizzando avvenimenti che superano ogni più fervida immaginazione, travalicano l’aspetto calcistico, raggiungendo il cuore di tutti i reggini che si stanno letteralmente infiammando di entusiasmo. Sembra che quanto operato dal Presidente Luca Gallo da Rogliano e del Direttore Generale Vincenzo Iiriti da Bova abbia rotto l’incantesimo ed il conseguenziale letargo, in cui tutti coloro che istituzionalmente si interessano della cosa pubblica hanno condannato la città. Il nuovo Presidente sta dimostrando che anche a queste latitudini è concepibile passare dalle parole ai fatti, è possibile riprenderci da questa amara e lenta agonia. Senza infingimento alcuno, va detto che la insipienza, la strafottenza e la mediocrità sono le conclamate caratteristiche di coloro che attualmente a livello locale ed a livello regionale stanno disamministrando la res pubblica, infatti, il degrado, la disorganizzazione, la disaffezione dei cittadini si palesano quale inevitabile conseguenza. Basterebbe ricordare lo stato di abbandono di una intera popolazione provinciale privata del diritto alla mobilità, alla salute ed al lavoro. Una ASP pronta per essere sciolta per mafia ed un’Azienda Ospedaliera in situazione critica e prossima al tracollo, il porto di Gioia T. dove la ZES è divenuta una chimera e tutti gli indicatori che ci parlano di un territorio alla deriva. Un quadro generale molto pesante dove i lavori per la messa in sicurezza del tratto stradale cittadino della 106 sono divenuti l’emblema di come si sia voluto da parte dell’ANAS umiliare proditoriamente una intera comunità. In questo scenario a tinte fosche spicca plasticamente la sudditanza di un’amministrazione comunale che ha consentito che la società facesse quanto ha ritenuto a lei più congeniale ed utile sacrificando sull’altare del becero risparmio delle risorse economiche il superiore interesse pubblico. Nulla di quanto discusso in sede di apposte riunioni in prefettura riguardo a modalità di lavorazione, tempistiche ed applicazione di mezzi e risorse umane è stato rispettato: cantiere chiuso il sabato e la domenica e nelle ore notturne, il contingente umano insufficiente alla bisogna, inadeguato il parco automezzi impiegato ( si sono visti operai lavorare di piccone e badile). Nessuno è in condizione di dire quando finirà il supplizio di una negata mobilità che da mesi sta paralizzando il traffico cittadino mettendo a dura prova soccorsi ed ordine pubblico. Il tutto mentre tra litigi, bizantinismi, pettegolezzi si profilano le campagne elettorali per il rinnovo dell’amministrazione Comunale e Regionale, a tale proposito sono curioso di capire quali saranno gli argomenti trattati ed i programmi proposti all’elettorato da coloro che intenderanno candidarsi alla guida della città e della regione. Alla luce di quanto sta avvenendo nello sport verrebbe spontaneo pensare a quali diversi risultati avrebbero potuto aspirare le nostre Aziende Sanitarie, l’acquedotto del Menta, la raccolta differenziata, la manutenzione e messa in sicurezza delle strade se fosse stata affidata a gente dalla caratura del Presidente Gallo.  Da cittadino, da sindacalista da ex calciatore che ha militato nelle fila delle squadra amaranto non posso che esprimere tutto il mio compiacimento, la mia gioia per questo rinato e spontaneo entusiasmo che si sta manifestando in città attorno ai colori sociali, vedere gli spalti del vecchio stadio manda in visibilio. Lo sport da sempre rappresenta un fenomeno di formidabile socialità, aggregazione, identità ma anche un elemento di sviluppo culturale ed economico e questo presidente ha dimostrato di non voler relegare la propria azione all’esclusivo perimetro sportivo avendo intenzione di condividere i vantaggi che lo sport produce con l’insieme del territorio, prova ne è stato il passaggio dalla comunità AGAPE e la visita a S.E. l’Arcivescovo.

Anche il Sindacato dei cittadini saluta favorevolmente questa “sbalorditiva” novità sociale e gestionale auspicando che l’impianto di Illuminazione del Granillo che in questa ultima gara in notturna con la Viterbese è tornato al sul massimo fulgore possa evocare per Reggio un futuro radioso.  

Il Segretario Generale

 

CAMERA  SINDACALE  TERRITORIALE –  VIA GEORGIA, 16  –   89122 REGGIO  CALABRIA