Menu
FanduCorriere Locride
Poste Italiane: in provincia di Reggio Calabria le pensioni di ottobre in pagamento da venerdì 25 settembre

Poste Italiane: in provincia d…

«Turnazione in ordine ...

Poste Italiane: a Gerace e Mammola due nuovi Atm di ultima generazione

Poste Italiane: a Gerace e Mam…

Reggio Calabria, 21 se...

Reggio Calabria e provincia: altri 11 uffici postali ritornano all’orario pre-covid

Reggio Calabria e provincia: a…

Si tratta delle sedi d...

Il Movimento 5 Stelle di Reggio Calabria raccontato in un corto

Il Movimento 5 Stelle di Reggi…

«CARA LIBERTÀ è il cor...

Reddito di Cittadinanza, il monito di Viglianisi (M5S): «c’e’ un rischio Centrodestra e un’inefficienza Centrosinistra»

Reddito di Cittadinanza, il mo…

«Relativamente al Redd...

Torneo nazionale “i vostri Comuni”, il gonfalone di Siderno accede ai trentaduesimi di finale

Torneo nazionale “i vostri Com…

Per tutta la giornata ...

Politiche Giovanili: Siderno è tornata ed ora sogna di ospitare un meeting metropolitano sulle politiche giovanili

Politiche Giovanili: Siderno è…

Dopo un decennio abbon...

«I Commissari Cotticelli-Crocco affossano definitivamente la sanità Reggina»

«I Commissari Cotticelli-Crocc…

CAMERA SINDACALE TERRI...

Reggio. Nei giorni 10-11 e 12 settembre, al Museo Nazionale del Bergamotto, si terrà la rassegna del Giornalismo Agroalimentare e Agroindustriale Pro Sud

Reggio. Nei giorni 10-11 e 12 …

Rassegna del Giornalis...

Bova Marina: i commercianti fuorilegge per ordine del Sindaco

Bova Marina: i commercianti fu…

È da tempo ormai che s...

Prev Next

Nell’anno della Pandemia, Domenica 16 Agosto 2020 a Palmi la Festa di San Rocco senza processione

  •   Sigfrido Parrello
Nell’anno della Pandemia, Domenica 16 Agosto 2020 a Palmi la Festa di San Rocco senza processione

di SIGFRIDO PARRELLO - PALMI (RC) - Quando è iniziato il culto di San Rocco a Palmi è difficile dirlo con esattezza, anche perché dal punto di vista religioso la chiesa non ha avuto un ruolo importante nella storia della città non essendo neanche parrocchia. Ben altra invece l’importanza assunta dal culto che sempre è stata caratterizzata dalla corale partecipazione della cittadinanza palmese.

La prima notizia si ricava dal “Liber Mortuorum” della chiesa parrocchiale di San Nicola dove, in data 22 Luglio 1645, viene annotata la morte di tale Domenico Nastasi che venne sepolto nella chiesa di San Rocco.

Nel 1777 venne fondata la congrega dell’Immacolata Concezione di Maria e di San Rocco. Tale denominazione non trova una giustificazione apparente se appena 30 anni prima, nel 1740, in una dichiarazione dell’arciprete Bruno Trafiletti che supplicava il pontefice Clemente XII a elevare la chiesa arcipretale al rango di collegiata, la chiesa di San Rocco così veniva menzionata senza abbinarvi altri culti.

LA STATUA DI SAN ROCCO DI PALMI:

non si sa quando e da chi la statua di San Rocco di Palmi sia stata costruita. Poiché la chiesa sembra non avesse subito gravi devastazioni nei terremoti dal 1600 al 1908, tutto fa pensare che debba risalire almeno al ‘600, ma non vi sono elementi oltre alle caratteristiche stilistiche ad avvalorare tale tesi.

La statua è scolpita su legno di tiglio sul quale vennero applicati gli stucchi che ne modellano i particolari. La carnosità delle parti scoperte e le ampie pieghe degli abiti da pellegrino danno l’idea di uno stile barocco anche se contenuto.

Trenta anni fa, in seguito alla scoperta di alcune screpolature verificatesi nello stucco, il Comitato dei festeggiamenti fece esaminare minuziosamente la statua ed aveva deciso di commissionare una copia ai maestri del legno di Ortisei che doveva però essere “una goccia d’acqua” con la statua originale, per poterla sostituire durante la processione. Il tentativo finì male: la statua fornita non assomigliava per nulla a quella del Santo tanto amato dai palmesi ed il Priore del tempo della Congrega, signor Rocco Cambrea, assieme al presidente del Comitato signor Scidone, rispedirono indietro il fac-simile della statua di San Rocco abbandonando l’idea della sostituzione che, tra l’altro, aveva suscitato non poche polemiche tra i fedeli.

LA FESTA:

nell’anno della Pandemia da Coronavirus, nel giorno di domenica 16 Agosto, giorno del Signore, e della nascita del Santo, in comunione con tutta la Chiesa e davanti alla statua, sarà celebrata la Santa Messa nella piazza antistante la Concattedrale dove San Rocco è stato trasferito, nella quale il maggior numero di fedeli potrà esprimere la propria devozione nel rispetto scrupoloso della distanza e delle norme in vigore, rendendo agevole la preghiera personale del popolo.

Le Messe di domenica 16 Agosto si svolgeranno alle ore 7:30, 8:30, 9:30, 10:30 e 11:30. Alle 19:00 invece ci sarà la Santa Messa nella piazza antistante la Concattedrale.