Menu
Corriere Locride
Riapertura dell'Ospedale di Siderno: la riflessione di Francesco Gentile

Riapertura dell'Ospedale di Si…

di Francesco Gentile -...

Assunzioni medici nelle Aziende SSR Calabria: «no concorsi ma utilizzo graduatorie attive»

Assunzioni medici nelle Aziend…

"Annotazione conosciti...

Terzo Settore incredulo e preoccupato per lo Stop dalla Regione Calabria alla Riforma del Terzo Settore

Terzo Settore incredulo e preo…

 Conferenza Perma...

Diocesi di Oppido Mamertina – Palmi: «Iniziative di preghiera, approfondimento e solidali. Le proposte per la quaresima 2020 in piena pandemia»

Diocesi di Oppido Mamertina – …

In risposta all’emer...

LocRinasce «esprime il proprio disappunto in merito all’ipotesi di una possibile riconversione dell’Ospedale di Locri come ospedale Covid-19»

LocRinasce «esprime il proprio…

«Il Movimento politico...

Covid-19 le proposte dei giovani Avvocati reggini

Covid-19 le proposte dei giova…

Il Direttivo AIGA di R...

Gerace, ritorna la distribuzione gratuita di generi alimentari per l’emergenza Covid-19

Gerace, ritorna la distribuzio…

«Possibile prenotare l...

Sorgente di Crini, l’amministrazione Imperitura ribadisce che l’acqua non è potabile

Sorgente di Crini, l’amministr…

In riferimento da alcu...

Poste Italiane: «a Reggio Calabria e Provincia diminuiscono le rapine negli uffici postali»

Poste Italiane: «a Reggio Cala…

Dal 2014 al 2018 in ca...

L'Amministrazione Comunale di Locri  ha attivato un numero telefonico preposto per l'emergenza Coronavirus

L'Amministrazione Comunale di …

L'Amministrazione Comu...

Prev Next

Nci volìa na pinna d’oru (In memoria di Pasquale Favasuli)

  •   Bruno Salvatore Lucisano
Nci volìa na pinna d’oru (In memoria di Pasquale Favasuli)

di Bruno Salvatore Lucisano - «Non c’è più chi avrebbe saputo, meglio di me, versare una lacrima d’inchiostro su quello che siete stato come poeta popolare ma soprattutto come uomo.

Proverò a farlo io, indegnamente, cercando di disegnare su questo foglio, la solitudine, la tristezza che mi assalgono in questo momento.

La vostra modestia, la vostra pacatezza, sconosciuta in questi tempi di civiltà computerizzata, la vostra educazione che avete imparato senza l’aiuto dei libri, perché i libri non servono a nulla se non si sa leggere. Ma voi eravate giustificato: Pasqualino è analfabeta! 

Ma come fa a scrivere poesie, uno che non sa scrivere, si chiedeva la gente che vi ascoltava nelle piazze di mezza Calabria. Com’è possibile?

 

È possibile quando si ama la poesia come la propria vita stessa. Ripetere per una notte intera sei sette strofe per poi recitarle ad altri per farle mettere su un foglio, è esercizio che non ha spiegazione se non in un dono innato e miracoloso. Lo scorrere dei vostri versi con la precisione metrica di un letterato, avveniva non solo per il dono naturale per la rima, ma per un impegno e una dedizione che hanno solo una spiegazione: Pasqualino, voi eravate un poeta, voi siete un poeta perché nessun tempo cancellerà quello che avete lasciato, quello che avete scritto senza saper scrivere. Un miracolo.

La metrica come un ritornello preciso, come una cantilena.

Va via con voi, Pasqualino, un rappresentante straordinario della poesia del popolo. La poesia per gente semplice. La poesia che si…capisce. Va via con voi la modestia come regola di vita, la semplicità come scopo.

Se ne va per sempre, con voi, un “poeta in piazza”, un poeta amato e apprezzato dal compianto Pasquino Crupi.

Rimane, grazie a Dio, sui libri, la vostra poesia semplice e acuta, scherzosa e attenta, chiara e, a volte, illuminata.

Rimane il vostro ricordo come esempio di semplicità di vita.

“A nnu’ migranti ndi premunu u sangu/cumu racina intra du parmentu,/pecchì non simu genti d’artu rrangu,/e non jettamu mai…nu lamentu!”.

Buon viaggio Pasqualino».