Menu
Corriere Locride
La Palmese perde anche il ricorso di Nania così resta la penalizzazione di un punto. Ma che brutta situazione

La Palmese perde anche il rico…

di Sigfrido Parrello -...

Diocesi di Locri-Gerace. A Gerace il XIV incontro di studi bizantini

Diocesi di Locri-Gerace. A Ger…

Sabato 14 e domenica 1...

Cittanovese, è l'ora del derby! Domenica prossima al "Morreale – Proto" arriva la Palmese di mister Pellicori

Cittanovese, è l'ora del derby…

La Società: «Appuntame...

Ambiente. Galletti, oltre 13 milioni al Centro-Sud per mobilità sostenibile: un milione a Reggio Calabria

Ambiente. Galletti, oltre 13 m…

Da decreto casa-scuola...

Sant'Ilario dello Ionio (RC). Sabato prossimo "In Terra Santa – Sulle orme di Gesù di Nazareth"

Sant'Ilario dello Ionio (RC). …

Nazareth, il fiume Gio...

Richiesta di LocRinasce indirizzata alle competenti Autorità territoriali in materia di tutela dei corsi d’acqua

Richiesta di LocRinasce indiri…

Riceviamo e pubblichia...

Casa della Salute di Scilla, ripristinato il servizio H24. Vizzari: “Fare rete porta sempre risultati. Ora impegno per valorizzazione della struttura”

Casa della Salute di Scilla, r…

“Fondamentale”: così R...

Prev Next

Mangiatorella S.p.a di Stilo e i produttori piccoli frutti di Platì hanno aderito a Coldiretti Calabria

  •   Redazione
Mangiatorella S.p.a di Stilo e i produttori piccoli frutti  di Platì hanno aderito a Coldiretti Calabria

Il ramo agricolo - forestale della nota azienda Mangiatorella S.p.A. di Stilo (RC) e il gruppo di produttori di piccoli frutti (ribes, lamponi e mirtilli) soci della Cooperativa sant’Orsola del Trentino, operanti nel comune di Platì (RC) (vedi foto allegata) hanno aderito a Coldiretti Calabria. I produttori di Piccoli frutti complessivamente gestiscono la propria attività su circa 40 ettari di serre, danno lavoro a oltre 400 lavoratori e generano un fatturato di oltre 12milioni di €uro. I produttori di piccoli frutti sono ventuno anni che svolgono questa attività in un rapporto fecondo,  positivo e di reciprocità tra sud e nord. Gli impianti serricoli, gestiti da molti giovani, presentano un grado ed un alto tasso di innovazioni produttive. “Siamo davvero felici – ha commentato Molinaro Presidente di Coldiretti Calabria – perché proprio nel cuore dell’Aspromonte, ci sono persone e attività capaci di essere simboli e testimoni  straordinari di una cultura produttiva di un territorio”.