Menu
Corriere Locride
“Basta Vittime Sulla Strada Statale 106”: «Il 22 ottobre presenteremo il primo rapporto sulla mortalità stradale negli anni 2013-2017 sulla S.S.106»

“Basta Vittime Sulla Strada St…

Il lavoro dell’Associa...

Legambiente: «La Calabria seconda per abusivismi»

Legambiente: «La Calabria seco…

È stato presentato que...

Coldiretti: la Regione autorizza carburante in più per l’irrigazione di soccorso su tutto il territorio regionale

Coldiretti: la Regione autoriz…

Coldiretti aveva chies...

In occasione del nuovo anno scolastico inaugurazione del plesso “Carrera” della Scuola Primaria e nuovo scuolabus comunale a Roccella

In occasione del nuovo anno sc…

In occasione dell’iniz...

Regione. In programma il 25 e 26 settembre la conferenza internazionale sulla tratta delle donne nigeriane

Regione. In programma il 25 e …

"Doppio sguardo. La tr...

Legge di Bilancio 2019: Oliverio scrive ai parlamentari Calabresi

Legge di Bilancio 2019: Oliver…

Il Presidente della Re...

Gemellaggio internazionale per il Rotary di Locri

Gemellaggio internazionale per…

Il Rotary club di...

WWF: «Le Marche salvano lupi e allevatori»

WWF: «Le Marche salvano lupi e…

«Le Marche stanno segu...

Reggio. Antonino Castorina replica a Forza Italia su intitolazione strada

Reggio. Antonino Castorina rep…

«Apprendo con stupore ...

Vibo Valentia. Il presidente nazionale di UE.COOP Gherardo Colombo è stato in Calabria – Il report

Vibo Valentia. Il presidente n…

Il presidente Nazional...

Prev Next

“Mandala”, a Reggio Calabria i monaci tibetani per diffondere la pace universale

  •   Redazione
“Mandala”, a Reggio Calabria i monaci tibetani per diffondere la pace universale

Dal 4 all'11 luglio al Castello Aragonese la realizzazione di un grande Mandala con sabbie colorate.

Ritorna a Reggio Calabria il tour dei monaci buddhisti per diffondere e preservare le tradizioni del popolo tibetano. L'iniziativa, promossa dall'Istituto Thubten Shetrub Lin di Reggio Calabria in collaborazione con l’Istituto Samantabhadra di Roma e con il Monastero tibetano buddhista Gaden Jangtse Tsawa Khangtsen, si svolgerà dal 4 all'11 luglio presso il Castello Aragonese.

In questa splendida cornice, tre monaci tibetani saranno impegnati in una cerimonia antica e suggestiva, la realizzazione di un Mandala, una delle massime espressioni della tradizione spirituale del Tibet. I monaci tracceranno forme geometriche ben precise che verranno poi ricoperte in ogni piccola parte con minute sabbie colorate di origine minerale, ogni disegno e colore ha un significato simbolico. Prima di iniziare la costruzione del mandala, i Lama procederanno ad un rito di consacrazione per la purificazione delle energie negative presenti nel luogo fisico. Una volta ultimato, il mandala verrà disfatto, riecheggiando l’impermanenza di tutte le cose in questo mondo materiale, e la cerimonia di dissoluzionesi celebreràmercoledì 11 luglio, a partire dalle ore 17.30. Parte delle sabbie consacrate verrà poi distribuita fra i partecipanti alla emozionante cerimonia.

I Lama ospitati nella città dello Stretto provengono dal Monastero di Gaden, ricostruito in India dopo l’invasione del Tibet da parte della Cina avvenuta negli anni ’50 del secolo scorso, con la distruzione di oltre 3000 monasteri, tutti contenenti documenti e opere d’arte preziosissimi. Questi erano infatti prodotto di oltre 1200 anni di cultura buddhista e di ricerca spirituale che, nel “tetto del mondo”, è stata il focus di un popolo per il quale la spiritualità è stata, ed è, base e fulcro dell’esistenza.

Il Monastero di Gaden si trova ora a Mundgod (nello stato del Karnataka) e ospita circa 2000 monaci, alcuni dei quali sono attualmente impegnati in un tour in tutta Europa allo scopo di portare un messaggio di pace e diffondere le molteplici sfaccettature tradizionali dell'antica cultura tibetana, che si sta purtroppo tentando in vari modi di far estinguere, per distruggere l’identità nazionale del popolo tibetano. 

“Con il rituale di realizzazione del Mandala – affermano i responsabili dell'Istituto Thubten Shetrub Lin, Centro di Buddhismo Tibetano di Reggio Calabria -, accompagnato dai suoni dei mantra, delle recitazioni dei monaci e dei caratteristici strumenti rituali, i visitatori reggini verranno trasportati in un’atmosfera peculiare, permeata di spiritualità e bellezza. Imparando ad apprezzare questa diversa cultura – proseguono dall'Istituto -, si potrà sensibilizzare la cittadinanza verso le difficili condizioni in cui versano i monaci, come anche i Maestri con grandi realizzazioni, tutti impegnati, nonostante le immense difficoltà, in percorsi di studio e meditazione davvero ardui e basati da una grande compassione verso tutti gli esseri”. 

L'appuntamento è al Castello Aragonese, presso la sala “Prigioni” mercoledì 4 luglio alle ore 17.00 per la cerimonia di apertura.

Sarà possibile assistere alla realizzazione del Mandala tutti giorni, escluso il lunedì, dalle 8.30 alle 13.30 e dalle 15.30 alle 18.30.

I monaci, che rimarranno in città sino al 17 luglio, in seguito alla realizzazione del mandala saranno impegnati in varie iniziative che coinvolgeranno la cittadinanza.