Menu
Corriere Locride
“Basta Vittime Sulla Strada Statale 106”: «Il 22 ottobre presenteremo il primo rapporto sulla mortalità stradale negli anni 2013-2017 sulla S.S.106»

“Basta Vittime Sulla Strada St…

Il lavoro dell’Associa...

Legambiente: «La Calabria seconda per abusivismi»

Legambiente: «La Calabria seco…

È stato presentato que...

Coldiretti: la Regione autorizza carburante in più per l’irrigazione di soccorso su tutto il territorio regionale

Coldiretti: la Regione autoriz…

Coldiretti aveva chies...

In occasione del nuovo anno scolastico inaugurazione del plesso “Carrera” della Scuola Primaria e nuovo scuolabus comunale a Roccella

In occasione del nuovo anno sc…

In occasione dell’iniz...

Regione. In programma il 25 e 26 settembre la conferenza internazionale sulla tratta delle donne nigeriane

Regione. In programma il 25 e …

"Doppio sguardo. La tr...

Legge di Bilancio 2019: Oliverio scrive ai parlamentari Calabresi

Legge di Bilancio 2019: Oliver…

Il Presidente della Re...

Gemellaggio internazionale per il Rotary di Locri

Gemellaggio internazionale per…

Il Rotary club di...

WWF: «Le Marche salvano lupi e allevatori»

WWF: «Le Marche salvano lupi e…

«Le Marche stanno segu...

Reggio. Antonino Castorina replica a Forza Italia su intitolazione strada

Reggio. Antonino Castorina rep…

«Apprendo con stupore ...

Vibo Valentia. Il presidente nazionale di UE.COOP Gherardo Colombo è stato in Calabria – Il report

Vibo Valentia. Il presidente n…

Il presidente Nazional...

Prev Next

Mafia Capitale: Confermate le assoluzioni di Rocco Rotolo e Salvatore Ruggiero

  •   Redazione
Mafia Capitale: Confermate le assoluzioni di Rocco Rotolo e Salvatore Ruggiero

La Corte d’Appello di Roma, Terza Sezione Penale, ha confermato ad esito della lettura del dispositivo in data odierna, le assoluzioni di Rocco Rotolo (difeso dagli Avv.ti Davide Vigna e Roberta Giannini) e Salvatore Ruggiero (difeso dagli Avv.ti Guido Contestabile e Alessandro De Federicis), già imputati di partecipazione all’associazione mafiosa denominata “Mafia Capitale”.

I due, originari di Gioia Tauro (RC) ma da tempo residenti a Roma, erano stati tratti in arresto l’11 dicembre 2014 con l’accusa di partecipazione al cd. “Mondo di Mezzo”; secondo l’impostazione accusatoria, la loro presenza nell’ambito dell’associazione avrebbe dovuto costituire prova sintomatica dei collegamenti della cupola Romana con ambienti di criminalità organizzata calabresi.

A seguito del giudizio di primo grado, la cui sentenza era stata pronunciata il 20 luglio 2017, gli stessi erano stati assolti con la formula “per non aver commesso il fatto” e scarcerati dopo più di due anni e mezzo di custodia cautelare in carcere, essendo state accolte le tesi difensive con le quali si dimostrava l’insussistenza dei collegamenti ipotizzati dalla Procura Romana.

L’assoluzione viene pertanto confermata pur a fronte della riqualificazione dell’ipotesi associativa (per la quale il Collegio di primo grado aveva escluso la qualifica mafiosa, diversamente da quanto disposto in data odierna dalla Terza Sezione della Corte d’Appello che ha riconosciuto la matrice mafiosa dell’associazione romana), con il rigetto nei confronti di Rocco Rotolo e Salvatore Ruggiero dell’appello del PM mediante il quale era stata richiesta la riforma della sentenza di primo grado e la condanna ad anni 16 di reclusione.