Menu
Corriere Locride
Oliverio presenta un romanzo di Mimmo Gangemi in Cittadella

Oliverio presenta un romanzo d…

Il Presidente della Re...

Regione Calabria. Minori stranieri non accompagnati, incontro con l'assessore Robbe

Regione Calabria. Minori stran…

“I minori non sono pro...

Taurianova. Il Comune organizza la prima Edizione del Concorso d’Arte “Alessandro Monteleone”

Taurianova. Il Comune organizz…

L’Amministrazione comu...

Vivi apprezzamenti per la 7° edizione del Corteo Storico Carafa di Roccella

Vivi apprezzamenti per la 7° e…

I ringraziamenti dell’...

Lamezi: Gli appuntamenti in programma per la prima giornata di Trame.8 Festival dei Libri sulle mafie

Lamezi: Gli appuntamenti in pr…

L'inaugurazione del Fe...

Ospedale Metropolitano di Reggio: doppio intervento cuore-cervello

Ospedale Metropolitano di Regg…

(ANSA) - REGGIO CALABR...

Siderno. Venerdì 22 l'associazione “Amici del Libro e della Biblioteca” e “MAG. La ladra di libri” presentano il libro “Dal Vangelo secondo la 'ndrangheta”

Siderno. Venerdì 22 l'associaz…

L'associazione “Amici ...

La Calabria porta a "Fico Eataly World" la merenda di una volta

La Calabria porta a "Fico…

Le merende dei nonni t...

Al via domani Trame. 8, Nicola Gratteri tra i protagonisti della prima giornata

Al via domani Trame. 8, Nicola…

Tutto pronto per l'ott...

Windsurf. Il reggino Scagliola protagonista in Sardegna

Windsurf. Il reggino Scagliola…

Periodo più intenso de...

Prev Next

Lucano si contrappone alla paura non a Salvini

  •   Gioacchino Criaco
Lucano si contrappone alla paura non a Salvini

L'idea è un bene troppo prezioso. Chiuderla dentro il corpo che biologicamente la produce è un po' ucciderla. Alle idee servono ali e il tifo le appesantisce. Lucano non è opposto a Salvini, è la fiducia che contrasta la paura. La solidarietà che sopravanza l'egoismo. Riace non può essere chiuso in un recinto politico e il suo miracolo non può colorare una sola bandiera. Ci sono due visioni del mondo dietro lo scontro personificato dal sindaco e dal ministro. Si sta da una parte o dall'altra per coscienza con convinzione. E in fondo costruire é enormemente più difficile, l'abbattere è una strada piana, semplice da battere. Fidarsi è faticoso e la tentazione di chiudere porte respingere è un sentiero in discesa. Mimmo Lucano non ha bisogno di sostenitori. Sono utili a lui e alla sua visione del mondo i compagni di strada, gli ottimisti. I visionari. Gli scatti in avanti il mondo li ha fatti con i folli. I pavidi sono zavorre per la nave dell'evoluzione. Sul percorso dell'uomo è lo scontro e non sugli uomini che lo incarnano. Ed è sull'idea che si deve scegliere non su Lucano o Salvini e sarà la storia a stabilire chi siano stati i numeri primi. Chi i folli o i pavidi.