Menu
Corriere Locride
Musica. "Chitarrese": il nuovo brano di Francesco Loccisano

Musica. "Chitarrese"…

Diciotto chili di cord...

Viola Basket. Monastero: "Contenti della squadra che abbiamo allestito, siamo pronti per la nuova stagione"

Viola Basket. Monastero: …

Il Presidente della Me...

“Basta Vittime Sulla 106”. Siglata oggi la convenzione che permette all'Associazione di tutelare meglio i diritti dei cittadini

“Basta Vittime Sulla 106”. Sig…

Pronti ad azioni legal...

Cittanova: Virginia Raffaele inaugura la 15a Stagione Teatrale

Cittanova: Virginia Raffaele i…

Sarà Virginia Raf...

Calciomercato di Serie D - La Palmese prende il centravanti Orlando

Calciomercato di Serie D - La …

di Sigfrido Parr...

Calcio, Serie D: la gara Paceco-Palmese arbitra Arena di Torre del Greco

Calcio, Serie D: la gara Pacec…

di Sigfrido Parrello -...

Bovalino. Caffè Letterario Mario La Cava: Sabato 16 settembre apertura della stagione 2017 – 2018

Bovalino. Caffè Letterario Mar…

Inaugurerà la nuova st...

Messaggio del Vescovo di Locri-Gerace agli studenti per il nuovo anno scolastico

Messaggio del Vescovo di Locri…

Caro studente, No, no...

Locri. Oggi giornata di sciopero e presidio dei lavoratori Call&Call Lokroi

Locri. Oggi giornata di sciope…

Le segreterie regional...

Gravi problemi della sanità nelle aree disagiate, il CISADeP chiede un incontro al Ministero della Salute

Gravi problemi della sanità ne…

Il Coordinamento Itali...

Prev Next

Locri. Oggi giornata di sciopero e presidio dei lavoratori Call&Call Lokroi

  •   Redazione
Locri. Oggi giornata di sciopero e presidio dei lavoratori Call&Call Lokroi

Le segreterie regionali di Slc Cgil, Fistel Cisl e Uilcom Uil proclamano lo sciopero dei lavoratori di Call&Call Locri per mercoledì 13 settembre per l’intero turno di lavoro. A partire dalle ore 15 ci sarà inoltre un presidio nei pressi dei locali aziendali in contemporanea all’avvio del tavolo di crisi convocato presso il Ministero dello Sviluppo Economico.

«L’avvicinarsi del termine ultimo della procedura di licenziamento, – affermano le segreterie – che scadrà il prossimo 18 settembre, – rendono cruciale questo tavolo di confronto per il futuro di 129 lavoratori prima, e della tenuta dell’intero sito produttivo poi, che ad oggi conta 360 addetti. Il territorio locrideo non può permettersi di perdere un presidio di legalità, la Calabria non può veder svanire nel nulla un importante sito produttivo. 129 posti di lavoro in questa terra rappresentano un bene primario da difendere a tutti i costi. Per questi motivi – concludono – chiediamo a tutte le istituzioni e personalità varie che in questi mesi hanno manifestato solidarietà e vicinanza di adoperarsi concretamente affinché dal Mise possano giungere notizie positive e rassicuranti. Se così non fosse, se da quel tavolo non arriveranno risposte per il futuro dei lavoratori di Call&Call Locri, le organizzazioni sindacali metteranno in campo ulteriori e più plateale forme di protesta e di lotta!.


Tags

Locri,