Menu
Corriere Locride
Siderno. Sinistra Italiana: «Città Giardino a basso costo. L’amministrazione Fuda ha mantenuto la parola»

Siderno. Sinistra Italiana: «C…

Riceviamo e pubblichia...

Taurianova. Oggi il Comune compie novant’anni dalla sua istituzione

Taurianova. Oggi il Comune com…

I comuni di Radicena, ...

Regione Calabria. Fondi post 2020: partecipa alla consultazione online

Regione Calabria. Fondi post 2…

La Commissione europea...

Reggio. Sabato 17 Febbraio si terrà il secondo incontro formativo per parlare del progetto: “Non c’è Libertà senza Legalità”

Reggio. Sabato 17 Febbraio si …

Il Progetto “NON C’E’ ...

Regione Calabria. Approvato testo di legge "interventi per il sistema del cinema e dell'audiovisivo"

Regione Calabria. Approvato te…

Con l’approvazione del...

Taurianova. Tutto pronto per l’edizione 2018 del Carnevale Taurianovese

Taurianova. Tutto pronto per l…

La cittadina della Pia...

Scuola. Fedeli: “Rinnovato il contratto per 1,2 mln di dipendenti”

Scuola. Fedeli: “Rinnovato il …

Madia: “Rinnovo ricono...

Reggio. Venerdi 9 Febbraio il capolista del collegio plurinominale Calabria 2 presenterà la "Lista del Popolo"

Reggio. Venerdi 9 Febbraio il …

Domani- Venerdi 9 Febb...

Reggio. Sabato 10 febbraio si terrà la presentazione del libro di Michele Cannavò "Scatti di luci"

Reggio. Sabato 10 febbraio si …

"Scatti di luce, ...

Locri. Venerdì 9 Febbraio il Circuito Teatrale "Teatro Sud Calabria" presenta: "Felici Matrimoni"

Locri. Venerdì 9 Febbraio il C…

Felici Matrimoni: ...

Prev Next

Locri. Oggi giornata di sciopero e presidio dei lavoratori Call&Call Lokroi

  •   Redazione
Locri. Oggi giornata di sciopero e presidio dei lavoratori Call&Call Lokroi

Le segreterie regionali di Slc Cgil, Fistel Cisl e Uilcom Uil proclamano lo sciopero dei lavoratori di Call&Call Locri per mercoledì 13 settembre per l’intero turno di lavoro. A partire dalle ore 15 ci sarà inoltre un presidio nei pressi dei locali aziendali in contemporanea all’avvio del tavolo di crisi convocato presso il Ministero dello Sviluppo Economico.

«L’avvicinarsi del termine ultimo della procedura di licenziamento, – affermano le segreterie – che scadrà il prossimo 18 settembre, – rendono cruciale questo tavolo di confronto per il futuro di 129 lavoratori prima, e della tenuta dell’intero sito produttivo poi, che ad oggi conta 360 addetti. Il territorio locrideo non può permettersi di perdere un presidio di legalità, la Calabria non può veder svanire nel nulla un importante sito produttivo. 129 posti di lavoro in questa terra rappresentano un bene primario da difendere a tutti i costi. Per questi motivi – concludono – chiediamo a tutte le istituzioni e personalità varie che in questi mesi hanno manifestato solidarietà e vicinanza di adoperarsi concretamente affinché dal Mise possano giungere notizie positive e rassicuranti. Se così non fosse, se da quel tavolo non arriveranno risposte per il futuro dei lavoratori di Call&Call Locri, le organizzazioni sindacali metteranno in campo ulteriori e più plateale forme di protesta e di lotta!.


Tags

Locri,