Menu
Corriere Locride
Windsurf, il reggino Francesco Scagliola primo nel campionato mondiale under 21

Windsurf, il reggino Francesco…

Ennesima soddisfazione...

Anas: per lavori, limitazioni al transito veicolare lungo ‘A2 Autostrada del Mediterraneo’ tra le province di Salerno, Vibo Valentia e Reggio Calabria

Anas: per lavori, limitazioni …

In orario notturno, fi...

Biodiversità. Sabato 15 giugno l’appuntamento organizzato da Federparchi: "alla ricerca di specie aliene nel Parco Nazionale dell’Aspromonte"

Biodiversità. Sabato 15 giugno…

Bioblitz nei Parchi: i...

Poste Italiane rifà il look alle cassette postali in 20 comuni della provincia di Reggio Calabria

Poste Italiane rifà il look al…

Il progetto “Decoro Ur...

Reggio. Venerdì 14 e sabato 15 si terrà il 2° Congresso Regionale AICPR (Associazione Italiana di Cardiologia Clinica, Preventiva e Riabilitativa)

Reggio. Venerdì 14 e sabato 15…

L’unità Operativa di R...

Olio, Coldiretti: crollo del 69% della produzione e import dai paesi africani- Aumentare i controlli

Olio, Coldiretti: crollo del 6…

Una prima fotografia d...

Lamezia Terme. La Band “Regione Trucco” di Ivrea vince il “Calabria Fest – tutta italiana”

Lamezia Terme. La Band “Region…

Delirio finale per Cle...

Domenica alle 17,30, all'auditorium di Gioiosa Ionica, si presenta il libro “La collina incantata”, di Filomena Drago

Domenica alle 17,30, all'audit…

Liberate la fantasia; ...

Locri (RC), domenica l’incontro culturale “Nei luoghi perduti della follia”

Locri (RC), domenica l’incontr…

Domenica 9 giugno alle...

Prev Next

“La solidarietà sociale in ginocchio. Dopo un anno di mancati pagamenti da parte del Comune di Reggio Calabria, a rischio chiusura i centri diurni per disabili”

  •   Redazione
“La solidarietà sociale in ginocchio. Dopo un anno di mancati pagamenti da parte del Comune di Reggio Calabria, a rischio chiusura i centri diurni per disabili”

Il mancato di pagamento di oltre un anno di arretrati alle cooperative sociali che gestiscono i centri diurni per minori disabili, da parte del Comune di Reggio Calabria, sta mettendo in grave sofferenza tutto il settore degli interventi socio-educativi a loro beneficio.

Dopo promesse rivelatasi vane, tavoli di confronto in Prefettura ed impegni sottoscritti,  rimasti puntualmente carta straccia, non resta che prendere atto della volontà del Comune di non riconoscere come prioritari i servizi sociali alle fasce deboli.

Le cooperative che gestiscono tali importanti opportunità di inclusione  sono ormai allo stremo, avendo sostenuto anticipi e pagamenti, che hanno finito per prosciugare la pur esigua riserva liquidità, considerato che si tratta di enti senza finalità di lucro.

Nonostante un anno di mancati pagamenti e nessun incasso neanche nel periodo natalizio, gli operatori hanno continuato nella loro meritoria opera, erogando con professionalità e abnegazione le prestazioni richieste dai contratti.

Adesso la delusione e lo sconforto sono evidenti, anche perché i mancati incassi si trasformano in stipendi arretrati non erogati, con comprensibili e drammatiche difficoltà nella gestione delle esigenze familiari di ognuno.

Ma oggi la misura è colma e non appare più possibile tollerare oltre il disinteresse del Comune di Reggio Calabria, i cui delegati non si sono neanche presentati alla convocazione in Prefettura, per formulare un ennesimo piano di pagamenti e di impegni ad onorare le fatture insolute da oltre un anno; tutto ciò senza dare giustificazione alcuna della loro assenza.

Disertando oggi la riunione convocata dalla Prefettura con gli operatori, i sindacati e le famiglie dei bambini disabili, il Comune di Reggio Calabria ha compiuto un grave atto di insensibilità verso un settore di attività di svolge un servizio indispensabile a minori con disabilità varie.

In tutti questi le cooperative sociali hanno garantito efficienza e continuità professionale, pur operando sempre in una dimensione di precarietà o occupazionale ed economica di cui è unico responsabile il Comune.

Da qui in poi, in mancanza di chiari e certi impegni ad erogare immediatamente le spettanze arretrate alle cooperative sociali, saranno attuate forme di lotta cittadina che, pur nei canoni della protesta civile, cercheranno di incidere significativamente su una insensibilità così manifesta ed intollerabile.

Reggio Cal. 23-03-2019

Il Presidente della Cooperativa Skinner

Prof.ssa Doride Versace