Menu
Corriere Locride
Parco Aspromonte, l’appello del Presidente Bombino ai candidati

Parco Aspromonte, l’appello de…

“E’ necessario che i f...

Contratto scuola, bonus 80 euro salvaguardato per le fasce più deboli

Contratto scuola, bonus 80 eur…

Grazie a legge di bila...

Ancora un evento internazionale a Cosenza: Noa e la sua band in concerto il 6 aprile al teatro Rendano

Ancora un evento internazional…

Sarà anche premiata pe...

Il Polo Museale della Calabria ha partecipato con successo alla quarta edizione di TourismA

Il Polo Museale della Calabria…

TOURISMA 2018 – Salone...

Regione. Musmanno: "Nessuna cancellazione dei treni regionali 3692 e 3694"

Regione. Musmanno: "Nessu…

"I treni regionali n. ...

Reggio. Venerdì 23 e sabato 24 febbraio il Teatro della Girandola presenta lo Spettacolo “In bocca al lupo”

Reggio. Venerdì 23 e sabato 24…

Il Teatro della Girand...

Siderno. Sinistra Italiana: «Città Giardino a basso costo. L’amministrazione Fuda ha mantenuto la parola»

Siderno. Sinistra Italiana: «C…

Riceviamo e pubblichia...

Taurianova. Oggi il Comune compie novant’anni dalla sua istituzione

Taurianova. Oggi il Comune com…

I comuni di Radicena, ...

Regione Calabria. Fondi post 2020: partecipa alla consultazione online

Regione Calabria. Fondi post 2…

La Commissione europea...

Reggio. Sabato 17 Febbraio si terrà il secondo incontro formativo per parlare del progetto: “Non c’è Libertà senza Legalità”

Reggio. Sabato 17 Febbraio si …

Il Progetto “NON C’E’ ...

Prev Next

L'Opinione. "Tempi troppo lunghi per le opere"

  •   Redazione
L'Opinione. "Tempi troppo lunghi per le opere"

di Franco Crinò - L'inaugurazione del Teatro di Locri in questo mese di gennaio deve riempirci di soddisfazione. Avrei voluto e vorrò leggere una notizia analoga proveniente da Bovalino, tanto per citare un altro caso, che riguarda il Centro Polifunzionale, il Castello di Bovalino Superiore, l'Auditorium La Cava: si tratta anche qui di opere finanziate nella stagione 2001/2005. Avevamo allora ruoli nella maggioranza, in Parlamento, alla Regione e nei Comuni e insieme a Passafaro e a Zavettieri, con le istituzioni e con il partito, siamo stati pronti e capaci di sollecitare i sindaci a proporre opere importanti, procedure trasparenti, promozione adeguata. Sono passati quasi tre lustri e ancora siamo qui a combattere con le incompiute, a leggere buoni annunci, come questo di Locri fatto dall'assessore Anna Sofia, che arrivano tardi ma arrivano, a registrare silenzi imbarazzati e disorientamento in tanti comuni rispetto a quella partita. Il teatro è la rappresentazione di una cultura. Persino Vittorio Sgarbi e Giulio Tremonti hanno fatto un accordo, forse un partito, e ha prevalso il critico d'arte: con la Cultura si mangia, si muove l'economia (lo scontro era su questo).

Possiamo senz'altro fare un ragionamento concreto e ordinato.

1) I soldi pubblici sono finiti e nel futuro prossimo se ne vedranno pochi. Anna Sofia fa bene a sottolineare gli sforzi che bisogna fare per completare le opere e la funzione decisiva che a Locri assume (e che deve assumere altrove) il privato (lì il Centro Teatrale Meridionale di Domenico Pantano). Il discorso, per intero, dovrà essere esteso anche al Teatro all'aperto, a Palazzo Nieddu, alle Scuole, per dare soddisfazione e corpo a quanto messo in campo in quegli anni.

2) L' "era" Franceschini ai Beni Culturali sta funzionando, ce lo dicono i dati. Si sta raggiungendo l'obiettivo della valorizzazione e della fruizione, oltre che della tutela, dei Beni Culturali(boom per i Musei, 12 milioni di visitatori, 50 milioni in generale in Italia). Deve progredire ancora quello dei Borghi, che rammentano soprattutto essi un passato identitario e completo di persone, luoghi e cose, quand'anche e per fortuna siamo stati "affidati" dopo, e lo rimarremo per sempre, alla modernità.

3)Il nostro territorio si gioca ora la carta "pesante" di Hubcultura.

Si sta facendo tutto nonostante le infrastrutture e servizi non aiutino dappertutto la mobilità e non danno forza all'appeal di muoversi nella nostra straordinaria realtà regionale di luoghi di interesse artistico, culturale e paesaggistico (dove bisognerà pure che si soggiorni più tempo ...). Bisogna rafforzare tutta la rete turistica con investimenti produttivi, programmati e realizzati in tempi coerenti.

Dobbiamo portare avanti un progetto di sviluppo che non sacrifica o non accosta le opportunità ai momenti elettorali. Siamo alle elezioni e le chiacchere e il risentimento sono il mezzo e lo stato d'animo che più minacciano un ragionamento ordinato, civile, veritiero. Aldo Grasso ce l'ha spiegato perfettamente sul Corsera.