Menu
Corriere Locride
Siderno. Lunedì 28 la parrocchia Maria ss Immacolata di Mirto-Donisi presenta la proposta progettuale “Coltiviamo talenti”

Siderno. Lunedì 28 la parrocch…

“COLTIVIAMO TALENTI” ...

L’appello alla Regione di Federalberghi Vibo Valentia: «Ci manca un assessorato al Turismo»

L’appello alla Regione di Fede…

Da ripensare il modo d...

Siderno (RC): “L’amore al tempo dei voucher”, alla Calliope Mondadori il romanzo di Loredana Mazzone e Beppe Liotta

Siderno (RC): “L’amore al temp…

Tra colloqui di lavoro...

Agriturismo: colmare subito il grave “vulnus” nella Legge Regionale che penalizza i giovani, il diritto della continuità dell’attività e gli investimenti

Agriturismo: colmare subito il…

La Regione predisponga...

Reggio. Ordine dei Medici Chirurghi ed Odontoiatri: «Violenze in corsia: ora basta»

Reggio. Ordine dei Medici Chir…

Riceviamo e pubblichia...

XXVI anniversario delle stragi di Capaci e di Via D’Amelio: concerto a Palermo dell’Orchestra Giovanile "Giuseppe Scerra"

XXVI anniversario delle stragi…

Il Concerto dell’Orche...

Siderno (RC): Anna Luana Tallarita alla libreria Calliope Mondadori con il suo saggio “Il potere del potere”

Siderno (RC): Anna Luana Talla…

La parola quale luogo ...

Locri, gli studenti dell'alberghiero in visita a Montecitorio

Locri, gli studenti dell'alber…

Un'esperienza indiment...

Windsurf – Il reggino Scagliola sfiora la vittoria di categoria in Germania

Windsurf – Il reggino Scagliol…

Nessun rimpianto. Fran...

Gioiosa Ionica. Venerdì 25 maggio presentazione della lista e del programma di Gioiosa bene comune – sindaco Salvatore Fuda

Gioiosa Ionica. Venerdì 25 mag…

GIOIOSA BENE COMUNE pr...

Prev Next

L'Opinione. "Tempi troppo lunghi per le opere"

  •   Redazione
L'Opinione. "Tempi troppo lunghi per le opere"

di Franco Crinò - L'inaugurazione del Teatro di Locri in questo mese di gennaio deve riempirci di soddisfazione. Avrei voluto e vorrò leggere una notizia analoga proveniente da Bovalino, tanto per citare un altro caso, che riguarda il Centro Polifunzionale, il Castello di Bovalino Superiore, l'Auditorium La Cava: si tratta anche qui di opere finanziate nella stagione 2001/2005. Avevamo allora ruoli nella maggioranza, in Parlamento, alla Regione e nei Comuni e insieme a Passafaro e a Zavettieri, con le istituzioni e con il partito, siamo stati pronti e capaci di sollecitare i sindaci a proporre opere importanti, procedure trasparenti, promozione adeguata. Sono passati quasi tre lustri e ancora siamo qui a combattere con le incompiute, a leggere buoni annunci, come questo di Locri fatto dall'assessore Anna Sofia, che arrivano tardi ma arrivano, a registrare silenzi imbarazzati e disorientamento in tanti comuni rispetto a quella partita. Il teatro è la rappresentazione di una cultura. Persino Vittorio Sgarbi e Giulio Tremonti hanno fatto un accordo, forse un partito, e ha prevalso il critico d'arte: con la Cultura si mangia, si muove l'economia (lo scontro era su questo).

Possiamo senz'altro fare un ragionamento concreto e ordinato.

1) I soldi pubblici sono finiti e nel futuro prossimo se ne vedranno pochi. Anna Sofia fa bene a sottolineare gli sforzi che bisogna fare per completare le opere e la funzione decisiva che a Locri assume (e che deve assumere altrove) il privato (lì il Centro Teatrale Meridionale di Domenico Pantano). Il discorso, per intero, dovrà essere esteso anche al Teatro all'aperto, a Palazzo Nieddu, alle Scuole, per dare soddisfazione e corpo a quanto messo in campo in quegli anni.

2) L' "era" Franceschini ai Beni Culturali sta funzionando, ce lo dicono i dati. Si sta raggiungendo l'obiettivo della valorizzazione e della fruizione, oltre che della tutela, dei Beni Culturali(boom per i Musei, 12 milioni di visitatori, 50 milioni in generale in Italia). Deve progredire ancora quello dei Borghi, che rammentano soprattutto essi un passato identitario e completo di persone, luoghi e cose, quand'anche e per fortuna siamo stati "affidati" dopo, e lo rimarremo per sempre, alla modernità.

3)Il nostro territorio si gioca ora la carta "pesante" di Hubcultura.

Si sta facendo tutto nonostante le infrastrutture e servizi non aiutino dappertutto la mobilità e non danno forza all'appeal di muoversi nella nostra straordinaria realtà regionale di luoghi di interesse artistico, culturale e paesaggistico (dove bisognerà pure che si soggiorni più tempo ...). Bisogna rafforzare tutta la rete turistica con investimenti produttivi, programmati e realizzati in tempi coerenti.

Dobbiamo portare avanti un progetto di sviluppo che non sacrifica o non accosta le opportunità ai momenti elettorali. Siamo alle elezioni e le chiacchere e il risentimento sono il mezzo e lo stato d'animo che più minacciano un ragionamento ordinato, civile, veritiero. Aldo Grasso ce l'ha spiegato perfettamente sul Corsera.