Menu
Corriere Locride
Processo “Terramara Closed”: La Cassazione ha annullato l’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa a carico Domenico Scoleri e Rosario Scoleri accusati di far parte della cosca Zagari-Fazzalari

Processo “Terramara Closed”: L…

La prima sezione della...

Cinquefrondi. Nuovo Liceo Musicale, per il Sindaco Conia: «è una Giornata storica per il comune»

Cinquefrondi. Nuovo Liceo Musi…

Oggi presso l'attuale ...

Locri. Domenica 6 Ottobre si è concluso il raduno pre-campionato dei fischietti locresi

Locri. Domenica 6 Ottobre si è…

Domenica 6 Ottobre 201...

Tansi: “Cambieremo insieme la Calabria”

Tansi: “Cambieremo insieme la …

A Natile durante la pr...

Movìmundi a Benestare (RC) per i “Catoja in festa”: «Otto giorni di sensibilizzazione sull’ambiente»

Movìmundi a Benestare (RC) per…

«Sempre più numerosi g...

Processo Saggio Compagno: Concessi i domiciliari al cinquefrondese Raffaele Petullà

Processo Saggio Compagno: Conc…

«Assolto dall’accusa d...

Nuova 106: ma cosa serve ancora per l’avvio dei lavori?

Nuova 106: ma cosa serve ancor…

«1,3 miliardi di euro ...

Roccella Jonica. Circolo del Partito Democratico: «resoconto degli incontri con la Cittadinanza di Sabato 28 Settembre e Domenica 6 Ottobre»

Roccella Jonica. Circolo del P…

Su indirizzo del segre...

Taurianova. Domenica 6 ottobre si è svolto il convegno dal titolo “Prescrizione ed ergastolo ostativo: processo senza limiti”

Taurianova. Domenica 6 ottobre…

Dall’assise è emerso c...

Badolato ospita l’Erasmus Day 2019 con l’evento “Erasmus Goes Local ∙ Locals Go on Erasmus”

Badolato ospita l’Erasmus Day …

In virtù del successo ...

Prev Next

Il movimento "Il Sud che Sogna" condivide la preoccupazione dei lavoratori portuali di Gioia Tauro

  •   Redazione
Il movimento "Il Sud che Sogna" condivide la preoccupazione dei lavoratori portuali di Gioia Tauro

Il movimento "Il Sud che Sogna" condivide la preoccupazione dei lavoratori portuali di Gioia Tauro rispetto alle risultanze del tavolo ministeriale odierno alla cui fine il Ministro Toninelli ha annunciato un'ulteriore attesa di 60/90 giorni per la definizione della revoca della concessione pubblica a MCT che, tra l'altro, non ha partecipato ai lavori. 
In questi giorni una delegazione del nostro movimento è sempre stata presente ai sit in di protesta e oggi anche il nostro portavoce Michele Conia è stato presente alla protesta, in qualità di sindaco di Cinquefrondi esprimendo ancora una volta la propria vicinanza ai portuali. 
La preoccupazione è legittima, sia per l'ennesimo rinvio di decisioni che possano dare una prospettiva certa ai lavoratori, sia perché da troppo tempo il destino dei lavoratori e delle proprie famiglie (e di un intero territorio) è in balia di  istituzioni pubbliche e private che, nonostante la crescita del settore marittimo, sembrano volere il definitivo naufragio dello scalo calabrese, forse colpevole di avere teoricamente tutte le carte in regola per competere o per stare in rete coi principali porti mediterranei e mondiali e ciò è chiaramente visto come un problema politico per molti interessi nazionali ed internazionali verso altre realtà. 
Ad ogni modo "Il Sud che sogna" ritiene che qualunque accordo debba prevedere obbligatoriamente e per iscritto l'impegno per il mantenimento della continuità lavorativa di TUTTI i lavoratori di Gioia Tauro, lavoratori che hanno da sempre dimostrato di essere in grado di gestire in modo ottimale qualsiasi tipo di flusso e di tipologia di lavorazione portuale. 
Non si può dire la stessa cosa per la gestione politica della vicenda specie da parte del Governo che ancora oggi non ha provveduto a nominare il Presidente dell'Autorità di Sistema Portuale di Gioia Tauro, come da tempo denunciamo, ulteriore elemento di incertezza, (senza dimenticare la pantomima dell'accorpamento con Messina e il successivo smembramento con lo scippo non solo di Messina, ma anche di Reggio e di Villa S.G.) che sta lasciando senza una vera e legittimata guida politico-amministrativa lo scalo portuale della Piana. Troppe coincidenze per non pensare ad un delitto (im)perfetto.