Menu
Corriere Locride
Il docufilm “Terra Mia” di Ambrogio Crespi vince al Festival Internazionale del Cinema di Salerno

Il docufilm “Terra Mia” di Amb…

TERRA MIA non è un pa...

Diocesi di Locri-Gerace: « Monsignor Cornelio Femia è tornato alla Casa del Padre»

Diocesi di Locri-Gerace: « Mon…

Questa sera, all’età d...

Nota stampa del Partito Comunista calabrese sulla Sanità regionale

Nota stampa del Partito Comuni…

«Stamane, una delegazi...

Bovalino. Nota stampa del Capogruppo Gruppo consiliare di “Nuova Calabria” sull'emergenza rifiuti

Bovalino. Nota stampa del Capo…

«L’emergenza rifiuti d...

Discarica Comunia, Tansi vs Verduci: “Il vero allarme è sottacere i problemi ai cittadini”

Discarica Comunia, Tansi vs Ve…

«Il geologo replica al...

"Riace che incontra il mare". Martedì 19 all'hotel Federica di Riace Marina la prima presentazione del romanzo di Giuseppe Gervasi

"Riace che incontra il ma…

Inizia martedì 19 nove...

Elezioni Regionali. Santo Biondo (Uil Calabria): «Siamo disponibili al confronto costruttivo con chi ne abbia la volontà»

Elezioni Regionali. Santo Bion…

«Che i bisogni della C...

Bovalino. "Emergenza rifiuti": Avviso del Sindaco  Avv. Vincenzo Maesano

Bovalino. "Emergenza rifi…

C O M U N E  ...

Nasce "il Sipario", la nuova rivista calabrese diretta da Vincenzo Varone

Nasce "il Sipario", …

il SIPARIO Periodico ...

Riace: «Trifoli resta alla guida del suo Comune e continua a portare avanti il suo impegno con gli elettori»

Riace: «Trifoli resta alla gui…

RIACE - Con ordinanza ...

Prev Next

Francesco Gentile (Presidente Regionale A.D.A.): «La Calabria di oggi come la Grecia degli anni novanta»

  •   Redazione
Francesco Gentile (Presidente Regionale  A.D.A.): «La Calabria di oggi come la Grecia degli anni novanta»
«Vorrei chiarire alcuni aspetti del turismo in Calabria. L'orientamento politico è volto a far sembrare che ci siano incrementi di flusso, utilizzando dati statistici delle  presenze in incoming, che non rispecchiano la reale situazione. D'indole gli hotel manager sono sempre positivi, questo perché devono programmare e motivare, per raggiungere l'obbiettivo. In questi casi bisogna stare nella verità dei fatti, ciò che appare sembra essere solo una mera parvenza positiva per mettere in risalto il programma politico. Numeri che possono abbindolare  chi non vive e combatte sul territorio. Ho sempre sostenuto che prima di proporre bisogna costruire una giusta offerta turistica, analizzando tutti i servizi che compongono la stessa. 
In Calabria si è abituati a improvvisare, come improvvisano gli attori che sono atti a muovere le fila regionali, basandosi su gli stessi dati statistici errati.
In parole povere, gli unici referenti per conoscere la realtà turistica calabrese sono gli hotel manager che con serie difficoltà burocratiche, economiche e di domanda, cercano di portare avanti le loro creature, senza alcun supporto competente da parte dei responsabili regionali.
Immaginate un grande calderone turistico dove ogni operatore cerca di galleggiare per non affogare, senza seguire una regola e un metodo, in lotta l'uno con l'altro e senza considerare che la torta da spartire è sempre della stessa misura.
La Calabria dispone di molte eccellenze in campo turistico disposte a offrire, anche in maniera gratuita, le proprie competenze per sviluppare un flusso sano e non improvvisato.
La Calabria di oggi come la Grecia degli anni novanta, meta vista come ultima spiaggia di chi decide di effettuare una vacanza con spirito d'avventura e a basso costo.
Il responsabile politico con delega al turismo dovrebbe sfruttare queste opulenze territoriali, per carpire le problematiche. Non contornarsi di chi ha solo un interesse volto al lucro e senza competenza alcuna. Si dovrebbero istituire dei tavoli tecnici per riorganizzare un'agenzia generale del territorio, in modo da riordinare tutti i servizi, i quali dovranno essere volti a un  unico obbiettivo, far emergere la Calabria turistica in tutte le sue opulenze e non identificandola solo per il meraviglioso mare. La Calabria copre tutte le tipologie di vacanze ma viene riconosciuta solo per le sue coste che permette di limitare il flusso turistico a pochi mesi.
La famosa parola "destagionalizzare", mito da raggiungere!
Per ottenere ciò, bisognerebbe intervenire sul DNA del popolo calabrese, il quale è abituato a pensare che il sipario del teatro turistico, si chiude alla fine dell'estate, quando tutte le attività a esso connesse, chiudono i battenti. Dalla struttura alberghiera al piccolo artigiano che propone il souvenir. 
Riorganizzare una rete turistica regionale si può, basta voler bene al proprio territorio e non lucrare su dì esso».
Francesco Gentile
Presidente Regione Calabria
ASSOCIAZIONE DIRETTORI ALBERGO ITALIA
cellulare: 348 7454638
e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.adaitalia.it