Menu
Corriere Locride
Reggio. Sabato 19 gennaio "Open Day" al Liceo Classico “Tommaso Campanella”

Reggio. Sabato 19 gennaio …

Sabato 19 gennaio 2019...

Reggio. Stanza 101 – Cenacolo Culturale Impertinente: «Amianto all’ex Fata Morgana, ancora silenzi dal Comune»

Reggio. Stanza 101 – Cenacolo …

«Sono passati 35 giorn...

Reggio. Castorina: (mozione Giachetti - Ascani) «rinunciare al congresso sarebbe errore gravissimo! Pd va rilanciato e ricostruito»

Reggio. Castorina: (mozione Gi…

Rinunciare per l’enn...

Poste Assicura promuove “i mesi della prevenzione”

Poste Assicura promuove “i mes…

«Una prestazione medic...

Locri. Venerdì 18 alle 17 a palazzo Nieddu, Rubens Curia presenta il suo recente e attualissimo saggio “Manuale per una riforma della sanità in Calabria”

Locri. Venerdì 18 alle 17 a pa…

Si chiama “Manuale per...

Anas: per lavori di Enel, limitazioni all’interno della galleria Sansinato lungo la strada statale 280 ‘Dei due Mari a Catanzaro’

Anas: per lavori di Enel, limi…

Catanzaro, 14 gennaio ...

Calabria, Confcommercio: il 32% delle imprese individuali chiude i battenti

Calabria, Confcommercio: il 32…

In Calabria il 32,1% d...

Lunedì 14 gennaio, si terrà il primo incontro del Corso di Formazione all’impegno socio–politico e alla cura del Creato “Laudato si'”

Lunedì 14 gennaio, si terrà il…

Lunedì 14 gennaio, all...

L'ASD Bovalinese 1911 annuncia il ritorno del portiere Fabio Dagostino

L'ASD Bovalinese 1911 annuncia…

Fabio Dagostino, è nuo...

Coldiretti: pesante crisi dell’agrumicoltura. Aceto scrive alla Regione e sollecita urgenti interventi

Coldiretti: pesante crisi dell…

Aceto: «interventi com...

Prev Next

Domenica 23 dicembre al Cheers l'incontro “Nomi, Cose, Città. R come Reggio”

  •   Redazione
Domenica 23 dicembre al Cheers l'incontro “Nomi, Cose, Città. R come Reggio”

Reggio Calabria è la città dalla quale si va via continuamente, anche se ci si resta, anche se si vive a migliaia di chilometri di distanza. Andare o restare? Una domanda con la quale una moltitudine di reggini si sono storicamente confrontati e su cui si sono spesi fiumi di inchiostro. Forse la questione è più fluida, e la mobilità oggi ci ha consegnato un modo diverso di vivere la relazione con la distanza dalla città, con la città stessa. Il punto vero è che noi non siamo né andati né rimasti. Siamo straniàti, abbiamo con Reggio Calabria un legame che ha almeno una ragione per essere indissolubile e molte molte ragioni per farci sentire esuli.

A partire da questa riflessione è nata, dall'iniziativa spontanea di un gruppo di reggini attivi da anni nel campo della cultura, del sociale e della cittadinanza attiva, la pagina Facebook “Nomi, Cose, Città. R come Reggio”. Un tentativo per stimolare la riflessione su una nuova idea di cittadinanza ed il dibattito sui problemi e le risorse della città di Reggio. Un esperimento che dalla dimensione online passerà a quella offline domenica 23 dicembre, alle ore 18:00 presso il “Cheers” (via Torrione, 45).

Un incontro, in forma di dibattito pubblico e aperto, per conoscere e riconoscere persone che sentono e vivono da straniàti il rapporto con Reggio Calabria. Un incontro per dare insieme un “nome” a questi sentimenti, alle nostre storie di straniàti ed esuli, ai problemi e alle risorse della città; proporre “cose” da fare, percorsi da costruire, proposte di cittadinanza; ragionare insieme su un Manifesto “città”.

Quello di domenica sarà un dialogo per rispondere alla domanda: ma che ci ha fatto Reggio? Che ci allontana e ci attira, che ci ha traditi in ogni modo ma che non possiamo resistere alla nostalgia, alla rabbia, al rammarico di come avrebbe potuto essere, di come dovrebbe essere senza rassegnarci a consegnarla al destino di città perduta. Vogliamo raccontarcelo, questa città noi non ce la raccontiamo mai! Ce la raccontano altri, sempre, solitamente con la retorica che è la città più bella del mondo o che è il peggio del peggio.

Ci interessa dare insieme un nome a questi sentimenti, alle nostre storie di straniàti ed esuli, ai problemi e alle risorse della città, proporre cose da fare, percorsi da costruire, proposte di cittadinanza, ragionare insieme su un Manifesto città. Ci interessa riconnettere questo tessuto sfilacciato del corpo città, che siamo anche noi… esuli, diciamocelo, sia che siamo rimasti sia che ce ne siamo andati.