Menu
Corriere Locride
Nota stampa del Presidente del Circolo FdI: «Per Pasqua garantire un aiuto alle famiglie disagiate di Bovalino»

Nota stampa del Presidente del…

«Ad una settimana di d...

Nota unitaria di Cgil, Cisl e Uil: «La visita del vice ministro Sileri, è un atto di attenzione apprezzabile da parte del Governo»

Nota unitaria di Cgil, Cisl e …

La visita del vice min...

Raccolta fondi per la Terapia Intensiva e sub intensiva e per il rilancio dell’Ospedale "Tiberio Evoli" di Melito di Porto Salvo

Raccolta fondi per la Terapia …

In conseguenza&nb...

Poste Italiane: «aumenta la tutela sanitaria di Poste Assicura»

Poste Italiane: «aumenta la tu…

L’iniziativa è estesa ...

Emergenza Coronavirus. “Nuova Calabria - BOVALINO”: «sulla gestione dei fondi assegnati dalla Protezione civile vogliamo dare il nostro contributo»

Emergenza Coronavirus. “Nuova …

«Abbiamo più volte off...

Il Festival "Diritto e Letteratura città di Palmi" 2020 è stato rinviato all’8-9-10 ottobre

Il Festival "Diritto e Le…

Alla luce dei recenti ...

Rotary Reggio Est. Donate 150 mascherine ai comandi delle Forze dell’Ordine del territorio melitese

Rotary Reggio Est. Donate 150 …

150 mascherine ai coma...

Circolo FdI di Bovalino: «aiuti alimentari a chi ha davvero bisogno. Istituire una apposita commissione di valutazione»

Circolo FdI di Bovalino: «aiut…

Le preziose risorse st...

Riapertura dell'Ospedale di Siderno: la riflessione di Francesco Gentile

Riapertura dell'Ospedale di Si…

di Francesco Gentile -...

Assunzioni medici nelle Aziende SSR Calabria: «no concorsi ma utilizzo graduatorie attive»

Assunzioni medici nelle Aziend…

"Annotazione conosciti...

Prev Next

Dolci agli operatori di pronto soccorso dei Riuniti e di Melito Porto Salvo. L’iniziativa di due imprenditori di Bova Marina

  •   Redazione
Dolci agli operatori di pronto soccorso dei Riuniti e di Melito Porto Salvo. L’iniziativa di due imprenditori di Bova Marina

Dolci per i pronto soccorso degli Ospedali Riuniti di Reggio Calabria e per quello di Melito Porto Salvo, l’iniziativa è di due imprenditori di Bova Marina. È stato un dolce risveglio quello di oggi per i pronto soccorso degli Ospedali Riuniti di Reggio Calabria e quello di Melito Porto Salvo, e l’idea, molto più che metaforica di dolce risveglio non è certo legata alla fine di un’emergenza che sta tenendo purtroppo tutti col fiato sospeso, quanto invece all’iniziativa di due imprenditori del settore dolciario di Bova Marina, Antonio Panagia e Filippo Pizzi titolari del Bar Pasticceria e Gelateria “Le Delizie” che in questa fase di grandissima emergenza sanitaria ma anche e forse soprattutto psicologica hanno pensato bene di offrire, a modo loro, il proprio contributo a chi in questi giorni e in queste settimane convulse si trova a fronteggiare in prima persona e nella trincea degli ospedali un’emergenza sanitaria senza precedenti. E così questa mattina gli operatori sanitari di pronto soccorso dei due nosocomi si sono visti recapitare dei dolci prodotti appositamente dalla pasticceria di Bova Marina. “Il nostro - spiegano i due imprenditori in una nota - vuole essere un gesto certamente simbolico, un’ideale partecipazione all’encomiabile e difficile lavoro che gli operatori sanitari si trovano a dover svolgere in queste giornate in cui tutti respiriamo un clima surreale. Vuole essere il nostro un ideale segnale di vicinanza e riconoscenza che allo stesso tempo di fa occasione per testimoniare la nostra presenza sul territorio, la presenza di una categoria come quella dei piccoli imprenditori che certamente dovrà, una volta terminata l’emergenza trovare la forza per rimettersi in piedi. Ci sarà tempo in seguito una volta esaurita l’emergenza - concludono i due imprenditori – per valutare tutte le conseguenze di una fase storica senza precedenti, al momento appare evidente che la priorità rimane quella legata all’emergenza sanitaria che vede impegnati noi nello rispettare le regole indicate dal Governo, gli operatori sanitari nel dare risposte a quanti cercano nelle nostre strutture un aiuto fisico e spesso anche psicologico, a loro va dunque il nostro grazie”.