Menu
Corriere Locride
Windsurf - Tra Mondiali...e maturità: il reggino Scagliola continua a stupire

Windsurf - Tra Mondiali...e ma…

Prosegue nel migliore ...

Giovanni Nucera, Capogruppo “La Sinistra”, a sostegno della manifestazione unitaria Cgil, Cisl e Uil

Giovanni Nucera, Capogruppo “L…

Il capogruppo "La Sini...

Incontro all’Asp di Reggio Calabria tra i sindaci e il prefetto Meloni

Incontro all’Asp di Reggio Cal…

«Sono molte le critici...

Anas: personale e mezzi Anas impegnati nella pulizia delle gallerie e nella manutenzione del verde in provincia di Reggio Calabria

Anas: personale e mezzi Anas i…

- Pulitura delle galle...

Siderno. Il progetto "Camminando insieme verso il futuro" vince un premio di 10.000 euro

Siderno. Il progetto "Cam…

«Camminando insieme ve...

Il 21 giugno si terrà la seconda edizione della “Festa della Musica di Palmi” nell’incantevole scenario del Monte Sant’Elia

Il 21 giugno si terrà la secon…

“Orizzonti Epici - Suo...

Delianuova. Un murale per l’ufficio postale: l’opera è parte della seconda fase del progetto “PAINT - Poste e Artisti Insieme Nel Territorio”

Delianuova. Un murale per l’uf…

Inaugurata la seconda ...

“Paesaggio e Mito” un itinerario naturalistico virtuale per scoprire e riscoprire i tesori di Scilla

“Paesaggio e Mito” un itinerar…

«Il 19 giugno l’innova...

Windsurf, il reggino Francesco Scagliola primo nel campionato mondiale under 21

Windsurf, il reggino Francesco…

Ennesima soddisfazione...

Prev Next

Diocesi di Locri - Gerace: «Monsignor Francesco Oliva interviene sul caso sollevato dalla trasmissione “Chi l’ha visto?”»

  •   Redazione
Diocesi di Locri - Gerace: «Monsignor Francesco Oliva interviene sul caso sollevato dalla trasmissione “Chi l’ha visto?”»

La trasmissione “Chi l’ha visto?” andata in onda su Rai3 il 29 maggio u.s. ha riferito il caso di un presunto seppellimento del corpo di un bimbo sotto la copertura della chiesa di Placanica; dato il clamore suscitato dalla notizia, il Vescovo di Locri-Gerace, monsignor Francesco Oliva, chiamato in causa da più parti, al fine di evitare il pericolo di facili allarmismi ed il rischio di alimentare gravi sospetti e inutili polemiche, dichiara quanto segue:

Ritengo si debba andare fino in fondo per accertare la verità e fugare ogni ombra di dubbio su quanto possa essere accaduto. Da parte della Chiesa ci sarà la massima collaborazione, così come è avvenuto appena è stata diffusa la notizia emersa in seguito ad una lettera anonima.

Appena avranno inizio i lavori di restauro, già da tempo programmati, saranno avvertite le autorità interessate per ogni eventuale verifica. E’ per me prioritaria la ricerca della verità per fugare ogni ombra di dubbio.

Penso, però, che occorra cautela e tanto senso critico di fronte ad una notizia anonima, che non si fonda su fatti concreti, su testimonianze chiare e dirette, ma solo sul sentito dire.

Il riferimento riporta molto indietro nel tempo, agli anni ottanta, e riguarderebbe fatti non documentati e di difficile accertamento.

Locri 1 giugno 2019

L’Ufficio Diocesano per le Comunicazioni Sociali