Menu
Corriere Locride
La Palmese perde anche il ricorso di Nania così resta la penalizzazione di un punto. Ma che brutta situazione

La Palmese perde anche il rico…

di Sigfrido Parrello -...

Diocesi di Locri-Gerace. A Gerace il XIV incontro di studi bizantini

Diocesi di Locri-Gerace. A Ger…

Sabato 14 e domenica 1...

Cittanovese, è l'ora del derby! Domenica prossima al "Morreale – Proto" arriva la Palmese di mister Pellicori

Cittanovese, è l'ora del derby…

La Società: «Appuntame...

Ambiente. Galletti, oltre 13 milioni al Centro-Sud per mobilità sostenibile: un milione a Reggio Calabria

Ambiente. Galletti, oltre 13 m…

Da decreto casa-scuola...

Sant'Ilario dello Ionio (RC). Sabato prossimo "In Terra Santa – Sulle orme di Gesù di Nazareth"

Sant'Ilario dello Ionio (RC). …

Nazareth, il fiume Gio...

Richiesta di LocRinasce indirizzata alle competenti Autorità territoriali in materia di tutela dei corsi d’acqua

Richiesta di LocRinasce indiri…

Riceviamo e pubblichia...

Casa della Salute di Scilla, ripristinato il servizio H24. Vizzari: “Fare rete porta sempre risultati. Ora impegno per valorizzazione della struttura”

Casa della Salute di Scilla, r…

“Fondamentale”: così R...

Reggio. Teatro della Girandola, Terza stagione della rassegna “Approdi”: Cartellone teatrale 2017

Reggio. Teatro della Girandola…

Il Teatro della Girand...

Prev Next

Da Mons. Oliva un messaggio di solidarietà al sindaco ed ai cittadini di Bruzzano Zeffirio

  •   Redazione
Monsignor Francesco Oliva, Vescovo della Diocesi Locri-Gerace Monsignor Francesco Oliva, Vescovo della Diocesi Locri-Gerace

Signor Sindaco dott. Francesco Cuzzola,

Signori Consiglieri comunali,

Cittadini tutti,

Chiedo anzitutto di voler comprendere la mia assenza. Sono moralmente presente, perché condivido lo spirito di questo incontro che vi vede riuniti, non solo per esprimere la vostra sentita solidarietà al Sindaco, ma anche per manifestare in modo corale la disapprovazione per gesti intimidatori e di viltà come quelli che hanno colpito il dott. Cuzzola. Essere uniti nella lotta contro il male è il primo antidoto in ogni percorso di rinnovamento e sviluppo: insieme per una Bruzzano Zeffirio che non si arrende e che rifiuta sempre e senza condizioni ogni comportamento arrogante ed omertoso. Non è con la violenza che si risolvono i problemi. Dopo l’alluvione dello scorso anno ho visto la vostra comunità desiderosa di uscire fuori da quello stato di isolamento. Oggi colgo con soddisfazione la vostra ferma volontà di voler recuperare entusiasmo nel costruire una comunità civile più rispettosa e compartecipe nella costruzione del bene di ciascuno e di tutti, quel bene comune, che crea realizza una vera comunità umana. Al di là di ogni altra possibile considerazione ogni gesto distruttivo è ingiusto ed espressione soltanto di una cattiveria che non trova giustificazione. Il male compiuto nell’oscurità delle tenebre non porta da nessuna parte: è opera dell’uomo senza volto, che ama restare nel buio di una coscienza ottenebrata. Con forza dico a tutti: nessun gesto di arroganza e di violenza si concilia col messaggio di Gesù “mite ed umile di cuore”, che indica la pace e la riconciliazione come un’unica via per una civiltà degna di essere vissuta.

Esprimo pertanto la vicinanza mia personale e di tutta la comunità diocesana al sindaco, cui consegno questo mio messaggio: “Per amore del mio popolo non mi tirerò indietro”.