Menu
FanduCorriere Locride
Poste Italiane: lockdown, in provincia di Reggio Calabria volano l’e-commerce e i pagamenti digitali

Poste Italiane: lockdown, in p…

«Le consegne e-commerc...

Bovalino - Problematica rifiuti - Richiesta congiunta dei gruppi consiliari di convocazione di un Consiglio comunale aperto

Bovalino - Problematica rifiut…

Al Presidente del Con...

Anas: bando per l’assunzione di ingegneri strutturisti

Anas: bando per l’assunzione d…

«Il bando, che rispond...

Comune di Bovalino - Emergenza Covid19 - Richiesta attivazione tavolo tecnico per attività produttive e commerciali

Comune di Bovalino - Emergenza…

Al Sindaco del Comu...

Poste Italiane: prima nella top 100 mondiale dei Brand assicurativi

Poste Italiane: prima nella to…

«Il Gruppo guidato dal...

Sant'Ilario festeggia i 100 anni della signora Rosa. Gli auguri dell'amministrazione comunale

Sant'Ilario festeggia i 100 an…

Ha festeggiato 100 ann...

Roccella Jonica. Il Circolo PD scrive al Sindaco

Roccella Jonica. Il Circolo PD…

"Lettera aperta al sin...

Poste Italiane e Microsoft rafforzano la collaborazione per accelerare la ripresa dell’Italia

Poste Italiane e Microsoft raf…

«Lanciato un piano con...

Nota stampa di Cisl Fp: «il lavoro silente del pubblico impiego»

Nota stampa di Cisl Fp: «il la…

«Istituita una Task fo...

Bovalino. Il Circolo di Fratelli d'Italia «si complimenta con l'amico Denis Nesci per la nomina a Commissario di Fd'I della Provincia di Reggio Calabria»

Bovalino. Il Circolo di Fratel…

«Malgrado gli ottimi r...

Prev Next

Coronavirus: Migranti cuciono mascherine per tutti. Partono nella Locride i laboratori solidali della Eurocoop Jungi Mundu

  •   Redazione
Coronavirus: Migranti cuciono mascherine per tutti. Partono nella Locride i laboratori solidali della Eurocoop Jungi Mundu

Mascherine contro il coronavirus per le comunità di Camini, Sant'Ilario e Ferruzzano e, a seguire per Protezione civile, associazioni e quanti ne avranno bisogno. Partono così, a Camini e Sant'Ilario, i laboratori di cucito solidale della Eurocoop "Jungi Mundu" di Camini in A.T.I. con la cooperativa sociale "Pathos" di Caulonia, con beneficiarie del progetto di accoglienza Siproimi impegnate a realizzare a mano mascherine protettive, in questo momento bene di prima necessità e di difficile reperimento.

Le mascherine, per adulti e bambini, realizzate in "tessuto non tessuto" TNT, lavabile, quindi riutilizzabile, man mano che vengono cucite, saranno distribuite gratuitamente a rifugiati, cittadini dei tre comuni coinvolti e quanti operano per il contrasto della pandemia come protezione civile e associazioni di volontariato impegnate a vario titolo.

I laboratori, nati per realizzare lavori sartoriali multietnici, ora contribuiscono al necessario per l'emergenza, grazie alla disponibilità delle rifugiate siriane, che ormai qui si sentono a casa e offrono così il proprio prezioso contributo alla causa sanitaria. Khalouf Majida, Alokla Amal Ahmad e donne della comunità di Camini lavorano fianco a fianco nel progetto solidale. Anche a Sant'Ilario, Rehab Alhusaria (progetto Eurocoop Jungi Mundu) e Habous Rahmoud (progetto cooperativa Iride di Catania), con l'operatrice di laboratorio Antonella Caracciolo, sono all'opera da lunedì e, a breve, si inizierà la distribuzione delle mascherine già pronte.

«Insieme ai sindaci di Sant'Ilario, Giuseppe Monteleone, Camini, Pino Alfarano e Ferruzzano, Domenico Pizzi, che hanno fortemente promosso e sostenuto il progetto, in questo momento di estrema difficoltà generale, abbiamo ritenuto importante dare un contributo tangibile per combattere l'emergenza attraverso la realizzazione di un cospicuo numero di mascherine – spiega Rosario Zurzolo, presidente della Eurocoop Jungi Mundu – La solidarietà è un modello di vita, che va al di là dei momenti contingenti e dei luoghi, siamo in uno stato di assoluta emergenza mondiale, possiamo uscire solo con l'aiuto di tutti».