Menu
Corriere Locride
Locri, gli studenti dell'alberghiero in visita a Montecitorio

Locri, gli studenti dell'alber…

Un'esperienza indiment...

Windsurf – Il reggino Scagliola sfiora la vittoria di categoria in Germania

Windsurf – Il reggino Scagliol…

Nessun rimpianto. Fran...

Gioiosa Ionica. Venerdì 25 maggio presentazione della lista e del programma di Gioiosa bene comune – sindaco Salvatore Fuda

Gioiosa Ionica. Venerdì 25 mag…

GIOIOSA BENE COMUNE pr...

Siderno. Giovedì 24 maggio da “MAG. La ladra di libri” l'incontro con Mario Nirta, Cosimo Papandrea e Pino Carella

Siderno. Giovedì 24 maggio da …

Un pomeriggio all’inse...

Reggio. Si è conclusa la seconda edizione del premio di poesia San Gaetano Catanoso

Reggio. Si è conclusa la secon…

Si è svolto sabato 19 ...

Reggio Calabria, venerdì 25 maggio conferenza sulla musica beat italiana

Reggio Calabria, venerdì 25 ma…

"La musica beat italia...

Tre attentati ad aziende agricole nel comune di Strongoli (Kr): la solidarietà di Coldiretti

Tre attentati ad aziende agric…

Molinaro: abbiamo chie...

"Cantine aperte": mercoledì 23 maggio conferenza stampa di presentazione

"Cantine aperte": me…

Mercoledì 23 maggio, a...

Coldiretti. Molinaro: Vandana Shiva e Oliverio firmano la petizione Coldiretti “STOP al cibo falso”

Coldiretti. Molinaro: Vandana …

“Trasformare la biodiv...

Politiche sociali e Sport: domani nuovo incontro tematico promosso dalla lista Scelgo Locri

Politiche sociali e Sport: dom…

La lista Scelgo Locri ...

Prev Next

Coldiretti: Latte, l'industria casearia contravvenendo al rispetto della Legge 91/2015 specula sugli allevatori a danno dei consumatori

  •   Redazione
Coldiretti: Latte, l'industria casearia contravvenendo al rispetto della Legge 91/2015 specula sugli allevatori a danno dei consumatori

Molinaro: controllare il fiume di "latte equivalente" che arriva in Calabria, a rischio la chiusura delle stalle. Ancora una volta le industrie del latte contravvenendo al rispetto della Legge 91/2015, che prevede l'obbligo di contratti scritti della durata minima di 12 mesi, praticano modifiche unilaterali al ribasso del prezzo del latte alla stalla o di riduzione delle quantità richieste rispetto agli accordi presi.  Le modifiche vanno contro una situazione di mercato che invece offre segnali positivi a partire dalle quotazioni dei formaggi con particolare riferimento alle produzioni DOP, al burro accompagnati da un aumento degli acquisti delle famiglie e dalla crescita dell'export.  E’ la conferma – sostiene Coldiretti - di una forte speculazione a danno dei consumatori ed allevatori. “Sono - aggiunge Molinaro - milioni i litri di "latte equivalenti" tra cisterne con latte, semilavorati, formaggi, cagliate e polveri di caseina per essere imbustati o trasformati da tantissimi caseifici e diventare magicamente mozzarelle, formaggi, latte e prodotti tipici magicamente italiani all'insaputa dei consumatori”.  Si tratta allora – spiega la Coldiretti – di contrastare una pratica messa in campo dall'industria casearia ( che ricordiamo, per buona parte in mano alle multinazionali che di italiano hanno solo il nome) che, si è riverberato anche sui produttori calabresi. Infatti, la contrattazione sul latte regionale è, per gran parte, legata a quella nazionale e la mancata osservanza delle regole non può che avere una ricaduta negativa anche a livello locale. Ad esempio la pratica fuori legge ma ancora in uso di stipulare intese verbali e di durata inferiore ai 12 mesi per la quale si chiede l’intervento degli organismi di controllo a partire dal Ministero delle Politiche Agricole insieme all’attivazione di tutte le contromisure legali disponibili in caso di necessità, comporterà una fluttuazione al ribasso dei prezzi del latte alla stalla destinata a colpire soprattutto il latte di alta qualità. “Assistiamo nella nostra regione - conclude Molinaro - ad un fiume di latte e cagliate che stanno invadendo la Calabria. Se si sommano i dati del latte importato e quello delle cagliate per produrre formaggi si arriva alla ragguardevole somma di circa 750mila ql.! Più della produzione regionale. Serve intensificare i controlli e smantellare questa rete di contraffattori ed imbroglioni che mettono a rischio di chiusura le stalle e la salute dei consumatori”.

.

12.04.2018                                                               Ufficio Stampa Coldiretti Calabria