Menu
Corriere Locride
Gerace. Nota stampa del circolo di Fratelli d’Italia di Locri sulla problematica inerente la S.P.1 che collega Locri con Gioia Tauro

Gerace. Nota stampa del circol…

Come circolo di Fratel...

Conferita la Cittadinanza Onoraria di Oppido Mamertina al produttore e scrittore Ruggero Pegna

Conferita la Cittadinanza Onor…

L’amministrazione Comu...

Coldiretti, Aceto: siamo impegnati a gestire il post alluvione con interventi sul territorio e per le aziende agricole

Coldiretti, Aceto: siamo impeg…

I Consorzi di bonifica...

Gerace. Nota stampa del Gruppo consiliare di Minoranza (Uniti per Gerace) sulle problematiche dell'ex Statale 111

Gerace. Nota stampa del Gruppo…

Gruppo consiliare di M...

Mancini premia Poste Italiane. L’azienda guidata da Del Fante vincitrice del torneo di calcio tra le aziende "Top sponsor" della Nazionale

Mancini premia Poste Italiane.…

 “Azzurri Partner...

L’Associazione “Basta Vittime Sulla Strada Statale 106” realizza il primo rapporto sugli incidenti stradali mortali nel periodo 2013-2017 sulla s.s.106

L’Associazione “Basta Vittime …

L’Associazione “Basta ...

Cinquefrondi. Il sindaco Conia chiede ai vari enti preposti di intervenire a tutela della sicurezza dei cittadini

Cinquefrondi. Il sindaco Conia…

Il Sindaco di Cinquefr...

Diocesi Locri - Gerace. Molte le comunità parrocchiali interessate dall’avvicendamento dei parroci

Diocesi Locri - Gerace. Molte …

Sulla linea del rinnov...

Coldiretti, Molinaro: succo di soli agrumi calabresi in vendita nella Gdo

Coldiretti, Molinaro: succo di…

«Produzione, testa e c...

Nota stampa del Presidente del Consorzio di Bonifica Tirreno Catanzarese sull'evento eccezionale che ha colpito il suo comprensorio

Nota stampa del Presidente del…

«L’evento eccezionale ...

Prev Next

Coldiretti. Laghi Silani sfruttati dalla Multiutility A2A e l’agricoltura di qualità rischia di soccombere

  •   Redazione
Coldiretti. Laghi Silani sfruttati dalla Multiutility A2A e l’agricoltura di qualità rischia di soccombere

Molinaro ad Oliverio: esercitare la “sovranità” della Regione intervenendo subito. Sicuramente faremo anche quest’anno i conti con la mancanza di acqua ed è già allarme nel crotonese. Le prime serie avvisaglie, come accade ormai da anni, - dichiara Pietro Moinaro presidente di Coldiretti Calabria - si registrano infatti in questo territorio  dove ritorna di attualità   l’irrigazione della coltura dei finocchi che, vengono piantumati all’incirca  dalla metà di settembre. Una  circostanza  - scrive Coldiretti al Presidente Oliverio, al Prefetto di Crotone, al comune di Isola C.R. e dirigenti dei Dipartimenti interessati della Regione  - che si verifica poiché finiscono i volumi d’acqua (33 milioni di mc) erogati, dal 1° maggio al 30 settembre,  dall’attuale  “dominus”, l’A2A, la multiutility specializzata nel settore dell’energia, previsti nelle  convenzione che risalgono al 1968. Convenzioni  ormai datate,  - scrive Coldiretti - perché di 50anni fa e succedutesi via via tra vari soggetti e ancorate ad una agricoltura diversa e poco legata ai frequenti  cambiamenti climatici che influiscono, sulla vita stessa delle persone e delle attività economiche. Rivedere   le condizioni delle  “Convenzioni” ormai è un imperativo  - continua Coldiretti – peraltro – chiosa -   inspiegabilmente (???) a suo tempo  sono state rinnovate, con un vincolo  trentennale che scade nel 2029. La multiutility  - precisa Coldiretti - produce energia turbinando in media nell’anno 10 mc/s  che equivalgono a circa 300milioni di mc di acqua in un anno. Di questi, allo stato, 100 milioni circa sono consegnati al Consorzio gli altri vengono rilasciati in mare. E’ facile dedurre  che l’acqua non viene rilasciata in funzione di quanto previsto dalla legge e cioè della richiesta e necessità dei territori e quindi per uso idropotabile e irriguo ma in base a criteri e considerazioni economiche che non mirano sicuramente alla conservazione della risorsa idrica nei bacini silani. A fine agosto/metà settembre di ogni anno, anche nel 2018 sarà così,  si esauriscono  i volumi di acqua previsti dalle convenzioni,  e questo  rende problematica l’attività agricola e zootecnica.. Insomma un intero sistema rischia di collassare. “Non possiamo più accontentarci di  forme di assistenza temporanee dettate dall’urgenza della situazione e durante le quali A2A chiede alla Regione il risarcimento per il mancato utilizzo dell’acqua per la produzione di energia– insiste Molinaro –  bensì è giunto il momento di soluzioni stabili e durature. Non possiamo più accettare che un grande patrimonio ambientale che appartiene alla Calabria, sfruttato a fini idroelettrici, abbia anche e tra l’altro probabilmente un ritorno economico insoddisfacente per le casse regionali. Molinaro chiede al Presidente Oliverio, in virtù di una “sovranità” da esercitare, che la Regione Calabria metta in campo  una iniziativa forte a difesa del nostro patrimonio agricolo, ambientale, turistico e paesaggistico”.  Riuscire a cambiare la situazione, chiude la lettera -  è un deciso salto culturale: una sfida di futuro, nella quale dobbiamo essere  impegnati”.

13.06.2018                                                              Ufficio Stampa Coldiretti Calabria