Menu
Corriere Locride
Blitz anti 'ndrangheta dei Carabinieri in Valle d'Aosta, in Emilia Romagna e nella provincia di Reggio Calabria

Blitz anti 'ndrangheta dei Car…

(ANSA) - REGGIO CALABR...

Siderno. Sabato 20 luglio da “MAG La ladra di libri” si terrà la presentazione del libro “Appunti di meccanica celeste”, di Domenico Dara

Siderno. Sabato 20 luglio da “…

Sarà un sabato sera sp...

Windsurf - Il reggino Francesco Scagliola scatenato: dopo il mondiale vince l'europeo

Windsurf - Il reggino Francesc…

Bis d'oro. Il reggino ...

Nota stampa dei Sindacati sul nuovo ospedale di Vibo Valentia: «dopo vent’anni di attesa ancora tutto fermo»

Nota stampa dei Sindacati sul …

La sanità in Calabria ...

Reggo. Hospice “Via delle Stelle”: Il Planetario Pythagoras si unisce all’appello delle istituzioni affinché la struttura sia preservata

Reggo. Hospice “Via delle Stel…

La sezione Calabria de...

Nuova S.S.106: senza le infrastrutture la Calabria muore

Nuova S.S.106: senza le infras…

di Fabio Pugliese - (P...

Dalla Varia di Palmi un messaggio di speranza e di amore per la vita nella Giornata della Solidarietà in programma il 23 agosto

Dalla Varia di Palmi un messag…

Un gruppo di quaranta ...

I Deep Radics sbarcano al Sunset bar di Scilla

I Deep Radics sbarcano al Suns…

Tornano le note al tra...

Locri. Nota stampa del circolo di Fratelli d'Italia sulla situazione dell'Ospedale

Locri. Nota stampa del circolo…

Come circolo di Fratel...

Il Sindaco di Roccella Jonica ricorda l'ex parlamentare Domenico Bova

Il Sindaco di Roccella Jonica …

In ricordo dell’on. Do...

Prev Next

Coldiretti e Terranostra Calabria: va subito annullata la tassa sulla concessione regionale applicata agli agriturismi

  •   Redazione
Coldiretti e Terranostra Calabria: va subito annullata la tassa sulla concessione regionale applicata agli agriturismi

«Imposizione e modalità diverse da provincia a provincia».

Il Presidente di Coldiretti Calabria Franco Aceto e degli agriturismi di Terranostra Adriana Tamburi, segnalano alla Regione Calabria l’illegittimità della tassa sugli agriturismi  che “non trova alcun riscontro nella normativa e non si può utilizzare leggi riguardanti altri settori, per operare illegittime interpretazioni estensive in spregio di ogni disposizione legislativa. La  Regione – aggiungono -  deve procedere ad annullare la tassa illegittima, che vede per di più l’imposizione a macchia di leopardo, registrando significativi squilibri e difformità di applicazione tra le province calabresi, che colpiscono quindi solo alcuni imprenditori ed escludono altri, oppure che registrano rilevanti differenze tra loro nella tassazione, con una forbice molto ampia, sino al 70%, e per anni di imposta differenti, alcuni per un anno di imposta ed altri per tre annualità. Difatti, sottolineano i rappresentanti della Coldiretti, l’assimilazione con le categorie presenti all’interno delle tabelle del d.lgs. 230/91, agli agriturismi è del tutto illegittima ed arbitraria. Le tabelle, elencano categorie tassative, insuscettibili di qualsiasi estensione in mancanza di esplicito sostegno normativo rimanendo, altrimenti, operazioni ermeneutiche che esorbitano dalle competenze dei Dipartimenti. Le norme tributarie – precisano -  sono di stretta interpretazione, pertanto, se il legislatore non ha contemplato la categoria degli agriturismi nel D.Lgs. 230/91, ha semplicemente ritenuto di escluderla. In nessuna parte è richiamata la concessione regionale per l’esercizio dell’agriturismo, né in alcuna delle Leggi della Regione Calabria, che si ribadisce è attività agricola. Ebbene se il legislatore avesse voluto assimilare gli agriturismi agli alberghi o ad altre categorie, avrebbe esplicitato la propria volontà inserendo la voce nel Titolo V sull’agricoltura, ove ha previsto la tassazione solo ed esclusivamente per talune categorie, e non per gli agriturismi. Vi sono poi altre ragioni di sistema che confermano l’esclusione degli agriturismi da qualsiasi forma di assimilazione: gli agriturismi rappresentano attività connesse e complementari all’attività agricola e ciò trova conferma nella giurisprudenza di legittimità. Gravissimo – ribadiscono Aceto e Tamburi – che si continuino a gravare gli agricoltori chiedendo il pagamento di una tassa che non riguarda il settore e che troverebbe giustificazione a parere della Regione nell’autorizzazione igienico-sanitaria. È evidente quindi che l’agriturismo è subordinato ad un atto che consente a colui che è iscritto nell’elenco degli operatori agrituristici di esercitare le prerogative proprie di una posizione soggettiva già legittimamente riconosciutagli. Inoltre, le attività agrituristiche, sono conseguenti all’abilitazione determinata dall’iscrizione nell’elenco regionale di cui alla Legge regionale n. 22 del 1988 sostituita dalla Legge regionale 14 del 2009, che non subordina il rilascio della concessione regionale da sottoporre a tassazione in sede di emissione o in sede di rinnovo annuale. Oltre al danno c’è la beffa: gli agricoltori per far annullare la tassa, sono costretti ad impugnare gli avvisi di accertamento contenenti pesanti sanzioni dinanzi alle commissioni tributarie, ciò colpisce ancora di più il settore, spesso costituito da giovani, minando così da una parte la multifunzionalità rappresentata dagli agriturismi e dall’altra la valorizzazione e distintività del cibo e del territorio. “ E’ arrivato il momento di far cessare questo pasticcio – affermano Aceto e Tamburi –  con una presa di posizione coerente della Regione che deve puntare sul sostegno pieno, di un settore importantissimo in termini strategici ed occupazionali per la Calabria.

13.03.2019                                                                               Ufficio Stampa Coldiretti Calabria