Menu
Corriere Locride
La Palmese perde anche il ricorso di Nania così resta la penalizzazione di un punto. Ma che brutta situazione

La Palmese perde anche il rico…

di Sigfrido Parrello -...

Diocesi di Locri-Gerace. A Gerace il XIV incontro di studi bizantini

Diocesi di Locri-Gerace. A Ger…

Sabato 14 e domenica 1...

Cittanovese, è l'ora del derby! Domenica prossima al "Morreale – Proto" arriva la Palmese di mister Pellicori

Cittanovese, è l'ora del derby…

La Società: «Appuntame...

Ambiente. Galletti, oltre 13 milioni al Centro-Sud per mobilità sostenibile: un milione a Reggio Calabria

Ambiente. Galletti, oltre 13 m…

Da decreto casa-scuola...

Sant'Ilario dello Ionio (RC). Sabato prossimo "In Terra Santa – Sulle orme di Gesù di Nazareth"

Sant'Ilario dello Ionio (RC). …

Nazareth, il fiume Gio...

Richiesta di LocRinasce indirizzata alle competenti Autorità territoriali in materia di tutela dei corsi d’acqua

Richiesta di LocRinasce indiri…

Riceviamo e pubblichia...

Casa della Salute di Scilla, ripristinato il servizio H24. Vizzari: “Fare rete porta sempre risultati. Ora impegno per valorizzazione della struttura”

Casa della Salute di Scilla, r…

“Fondamentale”: così R...

Prev Next

Coldiretti: di grande importanza il no al Ceta espresso dai Vescovi calabresi

  •   Redazione
Coldiretti: di grande importanza il no al Ceta espresso dai Vescovi calabresi

La Coldiretti Calabria esprime enorme soddisfazione per l’espressione corale da parte della Conferenza Episcopale Calabra, presieduta da mons. Vincenzo Bertolone, che nella sessione autunnale dei suoi lavori ordinari ha espresso il NO all'Accordo economico commerciale globale tra Canada e Unione europea (il cosiddetto CETA). I Vescovi calabresi “sollecitano vivamente il Parlamento ed il Governo Italiano e Regionale ad impedire l'entrata in vigore di detto Trattato, arrestando il processo di ratifica dell'Accordo in Italia e adottando ogni iniziativa necessaria ad ostacolarne l'applicazione a tutela della genuinità dei prodotti a marchio italiano”. "I nostri Vescovi, ai quali va l’incondizionato grazie – commenta Pietro Molinaro presidente di Coldiretti Calabria – con la loro autorevole presa di posizione si pongono a tutela della nostra agricoltura e dei prodotti di eccellenza e con la loro sollecitudine pastorale, ci dicono che vogliono sostenere un percorso di sviluppo identitario e territoriale della nostra agricoltura che veda crescere un modello socio-economico che si caratterizzi in modo indelebile in termini di sostenibilità ambientale e sociale, che si mantenga vicino a quella impronta di prossimità che garantisce sviluppo equo delle persone e dei territori con una attenzione ai giovani in occasione del sinodo dei Vescovi su di loro”. Anche sulla scorta di questo fermo invito – informa la Coldiretti – stanno continuando le delibere da parte dei Comuni e le adesioni dei parlamentari per il No al CETA:

06.10.2017                                                  Ufficio Stampa Coldiretti Calabria