Menu
Corriere Locride
La Palmese perde anche il ricorso di Nania così resta la penalizzazione di un punto. Ma che brutta situazione

La Palmese perde anche il rico…

di Sigfrido Parrello -...

Diocesi di Locri-Gerace. A Gerace il XIV incontro di studi bizantini

Diocesi di Locri-Gerace. A Ger…

Sabato 14 e domenica 1...

Cittanovese, è l'ora del derby! Domenica prossima al "Morreale – Proto" arriva la Palmese di mister Pellicori

Cittanovese, è l'ora del derby…

La Società: «Appuntame...

Ambiente. Galletti, oltre 13 milioni al Centro-Sud per mobilità sostenibile: un milione a Reggio Calabria

Ambiente. Galletti, oltre 13 m…

Da decreto casa-scuola...

Sant'Ilario dello Ionio (RC). Sabato prossimo "In Terra Santa – Sulle orme di Gesù di Nazareth"

Sant'Ilario dello Ionio (RC). …

Nazareth, il fiume Gio...

Richiesta di LocRinasce indirizzata alle competenti Autorità territoriali in materia di tutela dei corsi d’acqua

Richiesta di LocRinasce indiri…

Riceviamo e pubblichia...

Casa della Salute di Scilla, ripristinato il servizio H24. Vizzari: “Fare rete porta sempre risultati. Ora impegno per valorizzazione della struttura”

Casa della Salute di Scilla, r…

“Fondamentale”: così R...

Prev Next

Coldiretti: assegnazione gasolio agricolo quando le cose semplici si fanno diventare complicate

  •   Redazione
Coldiretti: assegnazione gasolio agricolo quando le cose semplici si fanno diventare complicate

Molinaro: aprire subito il “cantiere” per ricostruire il Dipartimento Agricoltura prima che sia troppo tardi. Al Dipartimento Regionale Agricoltura, le cose anche quando possono essere semplici diventano complicate. L’esempio più eclatante è un servizio reale agli agricoltori, quale è l’approvvigionamento del gasolio agricolo. Un percorso ancora oggi irto di  ostacoli procedurali e burocratici con duplicazioni e incoerenze applicative del Dipartimento Agricoltura nonostante la chiara volontà politica di semplificazione  espressa dalla Giunta Regionale con la deliberazione n. 432 del 10 novembre 2016. “Anche per questo – commenta Molinaro presidente di Coldiretti Calabria – continuiamo a dire al Presidente Oliverio, che va aperto, prima che sia troppo tardi,  “il cantiere” per ricostruire il Dipartimento, altrimenti, si rischia ancora di restare all’invenzione della ruota. Dopo infinite discussioni,  - ricorda - si era giunti alla delibera ma ad oggi, non si è provvedutoalla  revisione e adeguamento dell’applicativo informatico al  fine di annullare i diversi profili di incoerenza con le disposizioni di semplificazione contenute nella Delibera di Giunta  ed nella normativa nazionale. Non si vuole scegliere  la strada della sussidiarietà in modo che i dati contenuti nel fascicolo aziendale elettronico delle aziende agricole possano fare fede nei confronti delle pubbliche amministrazioni per i rapporti che il titolare della azienda agricola instaura ed intrattiene con esse; e poi ancora,utilizzare quale codice identificativo dell’azienda agricola, il Codice Unico di Identificazione delle Aziende Agricole (CUAA) annullando la smart-card  impropriamente adottata dal Dipartimento e in netto contrasto con il deliberato della Giunta Regionale, che è fonte di esposizione a gravi irregolarità e rischi per gli agricoltori oltre che di complicazioni in conflitto con la semplificazione che doveva essere applicata. Quelle che prospettiamo – continua -  sono procedure corrette e ben identificate e nel segno della legalità, che permettono di eliminare l’attuale e complesso livello di difficoltà operativa da parte degli agricoltori costretti ad affidarsi addirittura ai fornitori per riuscire ad utilizzare la smart-card con le  responsabilità e conseguenze derivante dalla consegna delle chiavi di accesso. Il fascicolo aziendale, che possiede tutte le informazioni che caratterizzano l'azienda agricola è e resta l'elemento unificante, che all'interno del Sistema Informativo Agricolo Nazionale (SIAN), è preposto alla raccolta e condivisione delle informazioni strutturali e durevoli relativo a ciascuna azienda agricola..  A chi conviene tutto questo? Chi è il “cartomastraro” che ostacola il deliberato della Giunta Regionale? Questo purtroppo non è un caso isolato ea contare – chiosa Molinaro- sono sempre e solo i fatti  e i vincoli e  i metodi che si vogliono perseguire  che generano solo complicazioni inutili e sono incoerenti. Per questo bisogna cambiare rotta per evitare che sfumino grandi opportunità e liberare gli agricoltori dal peso della burocrazia.”