Menu
Corriere Locride
“Basta Vittime Sulla Strada Statale 106”: «Il 22 ottobre presenteremo il primo rapporto sulla mortalità stradale negli anni 2013-2017 sulla S.S.106»

“Basta Vittime Sulla Strada St…

Il lavoro dell’Associa...

Legambiente: «La Calabria seconda per abusivismi»

Legambiente: «La Calabria seco…

È stato presentato que...

Coldiretti: la Regione autorizza carburante in più per l’irrigazione di soccorso su tutto il territorio regionale

Coldiretti: la Regione autoriz…

Coldiretti aveva chies...

In occasione del nuovo anno scolastico inaugurazione del plesso “Carrera” della Scuola Primaria e nuovo scuolabus comunale a Roccella

In occasione del nuovo anno sc…

In occasione dell’iniz...

Regione. In programma il 25 e 26 settembre la conferenza internazionale sulla tratta delle donne nigeriane

Regione. In programma il 25 e …

"Doppio sguardo. La tr...

Legge di Bilancio 2019: Oliverio scrive ai parlamentari Calabresi

Legge di Bilancio 2019: Oliver…

Il Presidente della Re...

Gemellaggio internazionale per il Rotary di Locri

Gemellaggio internazionale per…

Il Rotary club di...

WWF: «Le Marche salvano lupi e allevatori»

WWF: «Le Marche salvano lupi e…

«Le Marche stanno segu...

Reggio. Antonino Castorina replica a Forza Italia su intitolazione strada

Reggio. Antonino Castorina rep…

«Apprendo con stupore ...

Vibo Valentia. Il presidente nazionale di UE.COOP Gherardo Colombo è stato in Calabria – Il report

Vibo Valentia. Il presidente n…

Il presidente Nazional...

Prev Next

Coldiretti alla Regione Calabria: «rivedere urgentemente il bando sull’apicoltura»

  •   Redazione
Coldiretti alla Regione Calabria: «rivedere urgentemente il bando sull’apicoltura»

Molinaro: Psr non più rinviabile la sburocratizzazione dei bandi e l’attivazione del “super Caa”.

La pubblicazione del bando PSR sull’apicoltura per Coldiretti è l’occasione per reiterare la richiesta di attivare la sussidiarietà tramite il “Super Caa” al fine di una vera e indispensabile semplificazione amministrativa per le imprese agricole. La Coldiretti Calabria in una lettera inviata ai vertici del Dipartimento Regionale Agricoltura e al Presidente Oliverio rappresenta   l’esigenza di dover apportare alcune revisioni, al bando emanato sull’apicoltura,  necessarie per rendere più agevole e meno onerosa, la fase di predisposizione delle domande di aiuto. Per la Coldiretti, ci sono penalizzazioni ed inutili duplicazioni di adempimenti indicati nelle disposizioni attuative per ottenere l’ammissibilità che prevedono la produzione di elaborati a firma di tecnici per descrivere informazioni autocertificabili dal beneficiario poiché attinenti adempimenti già obbligatori certificati e riscontrabili dalla Banca Dati Apistica Nazionale.

Elaborazioni cartacee che, secondo le disposizioni procedurali, non sono oggetto di controllo amministrativo poiché è previsto il controllo incrociato con la Banca Dati Apistica. Non si comprende, quindi, l’utilità di relazioni che, come accaduto nei bandi sulle misure strutturali, sono risultate inefficaci, poco funzionali e che hanno prodotto ricorsi. Le condizioni di ammissibilità risultano poi penalizzare ingiustamente giovani insediati, che hanno programmato di realizzare apiari già finanziati dalla regione con il pacchetto giovani.   

Anche gli elementi oggetto del piano annuale - continua Coldiretti - sono controllabili, verificabili e certificati dalla Banca Dati Apicoltura, costantemente alimentata ed aggiornata anche questo consente di esibire una autocertificazione. Insomma  - conclude Coldiretti - un dispendio di energie e risorse a carico degli apicoltori che va assolutamente rivisto per evitare quanto già successo con la misura 4.. Questo deve avvenire modificando il bando pubblicato e rendendolo sicuramente più rispettoso degli agricoltori.