Menu
Corriere Locride
Musica. "Chitarrese": il nuovo brano di Francesco Loccisano

Musica. "Chitarrese"…

Diciotto chili di cord...

Viola Basket. Monastero: "Contenti della squadra che abbiamo allestito, siamo pronti per la nuova stagione"

Viola Basket. Monastero: …

Il Presidente della Me...

“Basta Vittime Sulla 106”. Siglata oggi la convenzione che permette all'Associazione di tutelare meglio i diritti dei cittadini

“Basta Vittime Sulla 106”. Sig…

Pronti ad azioni legal...

Cittanova: Virginia Raffaele inaugura la 15a Stagione Teatrale

Cittanova: Virginia Raffaele i…

Sarà Virginia Raf...

Calciomercato di Serie D - La Palmese prende il centravanti Orlando

Calciomercato di Serie D - La …

di Sigfrido Parr...

Calcio, Serie D: la gara Paceco-Palmese arbitra Arena di Torre del Greco

Calcio, Serie D: la gara Pacec…

di Sigfrido Parrello -...

Bovalino. Caffè Letterario Mario La Cava: Sabato 16 settembre apertura della stagione 2017 – 2018

Bovalino. Caffè Letterario Mar…

Inaugurerà la nuova st...

Messaggio del Vescovo di Locri-Gerace agli studenti per il nuovo anno scolastico

Messaggio del Vescovo di Locri…

Caro studente, No, no...

Locri. Oggi giornata di sciopero e presidio dei lavoratori Call&Call Lokroi

Locri. Oggi giornata di sciope…

Le segreterie regional...

Gravi problemi della sanità nelle aree disagiate, il CISADeP chiede un incontro al Ministero della Salute

Gravi problemi della sanità ne…

Il Coordinamento Itali...

Prev Next

Camini (RC) modello di accoglienza e sviluppo: Volontari da tutto il mondo nella cittadina ionica per condividere la magia dell’integrazione

  •   Redazione
Camini (RC) modello di accoglienza e sviluppo: Volontari da tutto il mondo nella cittadina ionica per condividere la magia dell’integrazione

Accoglienza, integrazione reale, sviluppo: così lo SPRAR di Camini (RC) diviene modello di studio a livello internazionale. Dal marzo scorso a oggi, nella cittadina ionica, si sono alternati gruppi per un totale di 50 volontari provenienti da ogni parte del mondo, 30 solo tra luglio e agosto, 7 sono appena arrivati e fino a dicembre sono previsti arrivi con ritmo costante: è il progetto di volontariato nato dall’incontro tra Projects Abroad, organizzazione con sede in Inghilterra, 25 anni di volontariato internazionale, ed Eurocoop “Jungi Mundu” di Camini.

Studenti, neo-laureati, giovani professionisti si ritrovano a Camini, giungendo da diversi luoghi d’Europa, Africa e America, per un’esperienza umanitaria e di studio che vede al centro il sistema di accoglienza e di integrazione per rifugiati e richiedenti asilo realizzato con successo dalla Eurocoop, presieduta da Rosario Zurzolo, che gestisce anche lo SPRAR di Sant’Ilario dello Ionio e Ferruzzano.

«L’intesa con Project Abroad conferma in pieno la mia idea di accoglienza a trecentosessanta gradi, ovvero, l’esperienza umanitaria che si coniuga perfettamente con la rivalutazione del territorio – dichiara Zurzolo . Gente che arriva da ogni dove per dedicare tempo, energie e sostegno ai migranti, ai rifugiati, ai richiedenti asilo, nel delicatissimo processo di integrazione sociale, e nel contempo ha occasione di conoscere e apprezzare l’esempio positivo di una meravigliosa terra, troppo spesso identificata solo ed esclusivamente con stereotipi largamente condivisi».

A oggi Camini è l’unica sede italiana per svolgere attività di volontariato tramite Projects Abroad ed è coordinata da Katya Bonetti e Miriam Muriale. Spagnoli, francesi, inglesi, canadesi, ma anche volontari da Giappone, Cina, Congo, Australia: da ogni angolo del mondo fino a Camini per vivere da vicino la ricchezza dello scambio umano e culturale tra i popoli. Volontari, rifugiati e popolazione locale si trovano così a interagire in diverse attività di impegno sociale e in generale utili alle finalità di integrazione: baby parking, lavoro in orti e giardini, sistemazione di case abbandonate che sono destinate alle famiglie ospiti, corsi di inglese per adulti e bambini, scuola calcio, laboratori creativi per la realizzazione di lavori artigianali con pasta di sale, lana, e materiali di riciclo. Ma anche incontri sulla salute e la prevenzione, organizzati da qualificati volontari del settore medico.

«Questo percorso umanitario di cui sono parte attiva, a stretto contatto con tante e diverse culture, con importanti, visibili e positive ricadute sulle persone e sul territorio, rappresenta una grande opportunità di crescita per tutti noi» dice Katya Bonetti.

Ad agosto, sempre nell’ambito del progetto, si è tenuto l’“International Youth Day 2017” sul tema “I giovani, costruttori di pace”: momenti di approfondimento, workshop ed eventi pubblici hanno caratterizzato il meeting che ha visto la partecipazione di Anna Lodeserto, esperta di politiche giovanili e relazioni internazionali, e Savina Moniaci, ambasciatrice EPALE Italia per la Calabria.

Ufficio stampa 349/2682277