Menu
Corriere Locride
Windsurf, il reggino Francesco Scagliola primo nel campionato mondiale under 21

Windsurf, il reggino Francesco…

Ennesima soddisfazione...

Anas: per lavori, limitazioni al transito veicolare lungo ‘A2 Autostrada del Mediterraneo’ tra le province di Salerno, Vibo Valentia e Reggio Calabria

Anas: per lavori, limitazioni …

In orario notturno, fi...

Biodiversità. Sabato 15 giugno l’appuntamento organizzato da Federparchi: "alla ricerca di specie aliene nel Parco Nazionale dell’Aspromonte"

Biodiversità. Sabato 15 giugno…

Bioblitz nei Parchi: i...

Poste Italiane rifà il look alle cassette postali in 20 comuni della provincia di Reggio Calabria

Poste Italiane rifà il look al…

Il progetto “Decoro Ur...

Reggio. Venerdì 14 e sabato 15 si terrà il 2° Congresso Regionale AICPR (Associazione Italiana di Cardiologia Clinica, Preventiva e Riabilitativa)

Reggio. Venerdì 14 e sabato 15…

L’unità Operativa di R...

Olio, Coldiretti: crollo del 69% della produzione e import dai paesi africani- Aumentare i controlli

Olio, Coldiretti: crollo del 6…

Una prima fotografia d...

Lamezia Terme. La Band “Regione Trucco” di Ivrea vince il “Calabria Fest – tutta italiana”

Lamezia Terme. La Band “Region…

Delirio finale per Cle...

Domenica alle 17,30, all'auditorium di Gioiosa Ionica, si presenta il libro “La collina incantata”, di Filomena Drago

Domenica alle 17,30, all'audit…

Liberate la fantasia; ...

Locri (RC), domenica l’incontro culturale “Nei luoghi perduti della follia”

Locri (RC), domenica l’incontr…

Domenica 9 giugno alle...

Prev Next

Brancaleone ricorda il genocidio degli Armeni, il 25 aprile a Brancaleone Vetus

  •   Redazione
Brancaleone ricorda il genocidio degli Armeni, il 25 aprile a Brancaleone Vetus

Il 25 Aprile a Brancaleone si terrà l’evento più atteso dell’anno! Anche quest’anno la nostra Associazione con il Patrocinio Morale dell’Ambasciata della Repubblica di Armenia e l’Amministrazione Comunale di Brancaleone ha organizzato questa importante giornata del ricordo per il popolo Armeno che si terrà presso una delle sedi più antiche e caratterizzate dalla presenza di popoli che hanno lasciato a noi e in tutto il territorio segni tangibili del loro passaggio. Si celebrerà a Brancaleone Vetus alla presenza di autorevoli personalità, accompagnati dalla presenza di una delegazione Armena per condividere un momento di riflessione molto intimo.

Finalmente anche la notizia che tanto aspettavamo! Siamo riusciti  il Governo Italiano ha riconosciuto in maniera ufficiale il genocidio degli Armeni ad opera dei turchi, e questo è un grandissimo onore per noi aver contribuito a questo processo culturale e morale che da anni, e grazie all’opera del più grande studioso degli Armeni in Calabria come Sebastiano Stranges (Socio Onorario della nostra Associazione) ha portato la nostra comunità alla riscoperta delle nostre antiche origini interessate dal passaggio e lascito di cultura, toponimi e DNA Armeno che pochi sanno, ma ha lasciato tracce inequivocabili del loro passaggio.

Il nostro è stato un percorso lungo che in questi anni è molto maturato, realizzando uno degli eventi unici in Calabria che sta avendo forti risonanze mediatiche in tutta Italia e nel mondo. 

La giornata del 25 Aprile sarà quest’anno commemorata con un momento molto importante sulla storia e sui fatti riguardanti al Genocidio degli Armeni perpetrato dagli Ottomani nel 1915, la relazione sarà a cura di Sebastiano Stranges.

Successivamente ci sarà la benedizione del pane tipico Armeno “Lavash” che dopo benedetto sarà distribuito ai presenti in segno di amicizia e nel ricordo dei Martiri Armeni. Una processione guiderà i presenti sul sito dell’antica chiesa Protopapale dell’Annunziata (punto più alto del borgo antico di Brancaleone) dove sarà accesa un fuoco simbolico ed osservato un minuto di silenzio per le vittime di questo olocausto. Non mancherà dopo la visita alla Grotta dell’Albero della vita “simbolo storico ed archeologico del passaggio degli Armeni a Brancaleone”

Si informa alla che l’evento sarà regolato nel traffico, per cui abbiamo ritenuto opportuno mettere a disposizione una navetta che dalla frazione di Razzà raggiungerà il borgo (è previsto un contributo di 3€ per il servizio) di andata e di ritorno.