Menu
Corriere Locride
“Paesaggio e Mito” un itinerario naturalistico virtuale per scoprire e riscoprire i tesori di Scilla

“Paesaggio e Mito” un itinerar…

«Il 19 giugno l’innova...

Windsurf, il reggino Francesco Scagliola primo nel campionato mondiale under 21

Windsurf, il reggino Francesco…

Ennesima soddisfazione...

Anas: per lavori, limitazioni al transito veicolare lungo ‘A2 Autostrada del Mediterraneo’ tra le province di Salerno, Vibo Valentia e Reggio Calabria

Anas: per lavori, limitazioni …

In orario notturno, fi...

Biodiversità. Sabato 15 giugno l’appuntamento organizzato da Federparchi: "alla ricerca di specie aliene nel Parco Nazionale dell’Aspromonte"

Biodiversità. Sabato 15 giugno…

Bioblitz nei Parchi: i...

Poste Italiane rifà il look alle cassette postali in 20 comuni della provincia di Reggio Calabria

Poste Italiane rifà il look al…

Il progetto “Decoro Ur...

Reggio. Venerdì 14 e sabato 15 si terrà il 2° Congresso Regionale AICPR (Associazione Italiana di Cardiologia Clinica, Preventiva e Riabilitativa)

Reggio. Venerdì 14 e sabato 15…

L’unità Operativa di R...

Olio, Coldiretti: crollo del 69% della produzione e import dai paesi africani- Aumentare i controlli

Olio, Coldiretti: crollo del 6…

Una prima fotografia d...

Lamezia Terme. La Band “Regione Trucco” di Ivrea vince il “Calabria Fest – tutta italiana”

Lamezia Terme. La Band “Region…

Delirio finale per Cle...

Domenica alle 17,30, all'auditorium di Gioiosa Ionica, si presenta il libro “La collina incantata”, di Filomena Drago

Domenica alle 17,30, all'audit…

Liberate la fantasia; ...

Prev Next

“Basta Vittime Sulla Strada Statale 106”. «Grazie a Chidichimo ora sappiamo la verità su chi ostacola il progetto della nuova s.s.106»

  •   Redazione
“Basta Vittime Sulla Strada Statale 106”. «Grazie a Chidichimo ora sappiamo la verità su chi ostacola il progetto della nuova s.s.106»

Riceviamo e pubblichiamo: «L’Associazione soddisfatta per un frammento di verità che resterà per sempre scolpito nella storia». «Morra, Cioffi e Ferrara hanno “aiutato” – e continuano – l’avvocato Chidichimo, proprietario terriero, da sempre contrario al progetto di ammodernamento della strada statale 106 tra Sibari e Roseto Capo Spulico.

Sul Corriere della Calabria, l’Avvocato Rinaldo Chidichimo, nella giornata di ieri rievoca un servizio dal titolo “Una strada a tutti i costi” pubblicato dal giornalista Roberto De Santo il 29 maggio 2014 e stracolmo di inesattezze tanto da aver costretto l’Associazione “Basta Vittime Sulla Strada Statale 106” ad una replica puntuale e precisa come sempre non pubblicata dalla suddetta testata online.

La stessa che ormai da anni invece garantisce spazio a quanti, come Grazioso Manno, sono contrari alla realizzazione del Megalotto 3: un’Opera fondamentale e strategica per la Calabria ed il Paese. Tuttavia, seppure Manno nel suo intervento di ieri dice qualcosa di condivisibile quando afferma che occorrerebbe una inchiesta della Magistratura (che l’Associazione invoca da anni!!!), per capire come mai il Progetto abbia raggiunto costi così importanti per merito delle osservazioni contrarie all’Opera pervenute dai “Turisti di Ferrara” accolte (anche se in parte), dal Ministero dell’Ambiente, non si può dire la stessa cosa rispetto a quanto afferma – peraltro ormai da anni – l’Avvocato Chidichimo che, come sempre, è inesatto e dimostra quanto non sia bene informato sull’Opera.

Del Resto l’Avvocato Chidichimo a furia di ripetere le stesse inesattezze con il tentativo di farle diventare verità, senza però riuscirci, inizia a perdere pezzi: non è un caso che il suo primo ricorso al TAR contro il Progetto (31 ottobre 2017), è firmato da altre 15 persone mentre l’ultimo ricorso al TAR contro il Progetto (31 ottobre 2018), è firmato da altre 5 persone.

L’Associazione “Basta Vittime Sulla Strada Statale 106” ritiene l’articolo di ieri dell’Avvocato Chidichimo di importanza straordinaria e per questo intende evidenziarne un passaggio.

Quello nel quale dichiara – citiamo testualmente – che “negli anni precedenti avevamo avuto l’aiuto del senatore Morra oggi presidente dell’Antimafia e dell’onorevole Cioffi, ingegnere e oggi sottosegretario al ministero dell’Economia nonchè della eurodeputata Ferrara”.

Un pezzo di storia da ricordare questo. Perché ci consente di comprendere quale componente del Movimento 5 Stelle ha sempre “aiutato” (E CONTINUA!), l’Avvocato Chidichimo ma anche quale parte – più vasta ed articolata e composta da migliaia di semplici attivisti – del Movimento 5 Stelle ha sempre condiviso l’idea che l’Opera merita di essere realizzata in qualunque modo poiché necessaria e fondamentale per tutti i cittadini calabresi ed italiani.

È evidente che gli onorevoli Morra e Cioffi invece di “aiutare” l’Avvocato Chidichimo avrebbero potuto svolgere semplicemente il loro ruolo di opposizione al Governo Renzi – Gentiloni chiedendo una azione di inchiesta sulle centinaia di osservazioni contrarie all’Opera pervenute dai “Turisti di Ferrara” che non sapevano neanche dove fosse la S.S.106… Non hanno fatto nulla!

Lo stesso si può dire per l’eurodeputata Ferrara a cui dobbiamo dare un solo grande merito: quello di essere riuscita in 5 lunghi anni al Parlamento Europero solo ad organizzare – come ha ricordato l’Avvocato Chidichimo -  una iniziativa a Trebisacce in cui sosteneva le ragioni del raddoppio del tracciato attuale della S.S.106 che – come è noto a tutto – è irrealizzabile per sostenere, appunto, le ragioni “dell’Amico” Avvocato Chidichimo.

L’Associazione “Basta Vittime Sulla Strada Statale 106” ovviamente ringrazia l’Avvocato Chidichimo per averci donato un importante frammento di verità che da anni sostenevamo con prove provate nonostante qualche onorevole “Amico” rispondeva dicendo che noi volontari di una Associazione Onlus, sostenevamo il falso poiché appartenenti “al Pd oggi ed a Forza Italia domani”.

Ora dopo Manno e Chidichimo, poiché non c’è due senza tre, sul Corriere della Calabria ci aspettiamo Pietro Molinaro: un altro “Amico”. Speriamo che anche lui ci dia qualche altro prezioso frammento di verità che riesca a farci capire chi sono TUTTI gli artefici di questa lotta cruenta contro gli interessi generali, contro ogni possibilità di cambiamento e di crescita e contro chi vuole che la Calabria cambi per far rimanere tutto così com’è!»

Associazione – 8 Gennaio 2019